Falun Dafa Minghui.org www.minghui.org STAMPA

Hebei: Donna detenuta per aver detto alle persone che il Falun Gong ha curato la sua paralisi allo stomaco

26 dicembre 2017 |   Di un corrispondente Minghui nella provincia dello Hebei, in Cina

(Minghui.org) La signora Li Wenhong ha iniziato ad avere problemi allo stomaco nel 1999 e nel giro di pochi anni il tutto è degenerato causandole una paralisi dell'organo e impedendo al cibo di passare normalmente nell'intestino tenue.

Per molti anni la donna ha provato la medicina occidentale, ma nessuna cura è stata di aiuto. Ha provato a nutrirsi tramite l'alimentazione forzata per diversi mesi, ma l'ha interrotta quando il tubo inseritogli dal medico si è annodato nel suo stomaco. In seguito ha provato la medicina tradizionale cinese, ma senza risultati.

Dal momento che i medici e gli ospedali non erano più disposti a farle dei trattamenti, Li è tornata a casa in attesa della sua morte, entrando così in depressione. Ogni tanto la sua migliore amica andava a farle visita.

Tuttavia questa amica ha notato qualcosa di diverso quando un giorno del 2013, le ha fatto visita: la sua carnagione brillava ed aveva un grande sorriso sul suo volto. Cosa le era successo?

L'amica ha scoperto che, poche settimane prima, la donna aveva iniziato a praticare il Falun Gong (una disciplina spirituale perseguitata dal regime comunista cinese) e la sua paralisi allo stomaco era scomparsa senza lasciare traccia!

Un giorno, uno dei colleghi di Li è andato dal medico che una volta l'aveva in cura, il dottore ha chiesto di lei ed è rimasto scioccato nel sentire che era ancora viva. Non poteva credere che il Falun Gong potesse avere un tale potere di guarigione.

La praticante lavorava per il dipartimento di esplorazione petrolifera di Bazhou nella provincia dello Hebei ed è stata arrestata il 26 settembre 2017, perchè aveva condiviso la sua esperienza con altre persone e aver detto loro che il Falun Gong non era come la propaganda di stato lo rappresentava.

Li si trova ancora nel centro di detenzione della città di Bazhou.

L'amica della signora Li condivide dei dettagli

Quando la sua amica ha saputo dell'arresto di Li, ha deciso di informarsi di più su di lei, su ciò che ricordava della sua sofferenza e sul suo recupero dovuto alla pratica del Falun Gong:

La medicina occidentale non aiuta la signora Li

Nel 1999 la signora Li ha sviluppato una gastrite cronica, seguita da anemia, problemi sinusali, fibromi, iperplasia al seno e stitichezza. Sentiva che il suo corpo stava cedendo e diventava sempre più depressa, il che ha peggiorato il suo problema allo stomaco.

In pochi anni la donna ha avuto una paralisi proprio allo stomaco e non è riuscita più a magiare alcun cibo.

Li è stata in cura dal dottor Ke Meiyun, un noto specialista che lavora ancora al “Peking Union Medical College Hospital”, un rinomato ospedale di Pechino. In quegli anni non è mai migliorata.

Non vedendo cambiamenti, il dottor Ke le ha inserito un tubo per l'alimentazione forzata nello stomaco e l'ha mandata a casa. In pochi mesi l'impianto ha iniziato ad ossidarsi, formando un nodo all'interno dello stomaco. La donna è riuscita a tirarsi fuori il tubo da sola, anche se il nodo si era bloccato nella narice, il tubo era cosparso di carne e sangue. Oltre al tremendo dolore fisico, era anche emotivamente angosciata per la sua salute.

Anche la medicina tradizionale cinese non aiuta

In seguito ha provato negli ospedali di medicina tradizionale. Mentre il dottor Wei Wei dell'ospedale di medicina tradizionale cinese Xuanwu di Pechino la stava curando, spiegava ai suoi tirocinanti che la signora Li sarebbe morta a causa di complicazioni legate alla sua incapacità di mangiare normalmente.

Ricordo di averle fatto visita a gennaio dopo che era tornata da Pechino, aveva solo trent'anni, ma sembrava che ne avesse almeno settanta. Una persona in buona salute stava bene con un maglione in casa, ma lei ne indossava cinque.

Li è alta 1,70 metri, ma in quel periodo pesava soltanto 40 chili. Mi aveva detto che i suoi organi interni stavano collassando e sovente aveva problemi di incontinenza, non ricordava nemmeno quante volte l'avessero avvisata che era in condizioni critiche.

All'inizio del 2013 mi ha chiamata dicendomi che sarebbe presto andata all'ospedale di medicina cinese Kuanjie di Pechino e che avrebbe potuto non uscirne viva.

Passate tre settimane, i medici le hanno consigliato di andare a casa. Li ha detto: "Non riesco ancora a mangiare e morirò se oggi me ne vado." L'ospedale l'ha comunque dimessa, ma lei ha provato a ritornare. A quel punto i medici si sono rifiutati di curarla perché sapevano che per lei non c'era speranza, così si è arresa ed è tornata a casa.

Il marito della signora Li stava vivendo nello Xinjiang, mentre suo figlio a Pechino, ed entrambi erano impegnati a guadagnare soldi per pagare le sue cure mediche. Ogni giorno sua suocera le dava mezza ciotola di riso in bianco e quello era tutto ciò che mangiava in un'intera giornata, quel piatto lo divideva in cinque piccoli pasti.

Ricordo anche che immergeva uno stuzzicadenti in un vasetto di miele per mangiarne una piccola quantità, perché aveva sentito che il miele poteva aiutare il sistema digestivo.

Per diversi anni, le ho fatto visita ogni giorno, la sua depressione stava peggiorando sempre di più ed io ero davvero preoccupata per quello che avrebbe potuto fare, visto che il suo appartamento si trovava al quinto piano.

Non chiudeva mai a chiave la porta di casa, perché era sempre a letto. In questo modo potevo entrare ogni volta che andavo a farle visita.

Un miracolo reso possibile dal Falun Gong

Un giorno mi ha detto di non venire a farle visita così spesso e ha promesso di chiamarmi se avesse avuto bisogno di aiuto, pensavo che stesse soffrendo così tanto che aspettava solo di morire. Allora ho rispettato il suo volere e mi sono astenuta dal farle visita per una settimana.

Trascorse due settimane, non mi aveva ancora chiamato.

Mi sono molto preoccupata e ho deciso di andare a trovarla.

Come al solito ho spinto la porta, ma questa volta stranamente era chiusa a chiave. Ho provato a bussare e ho sentito arrivare qualcuno; pensavo ci fossero dei parenti con lei nelle ultime settimane, ma con grande sorpresa l'ho vista aprire la porta.

Non sembrava una persona che stava morendo, era raggiante e brillante.

"Cosa?" Esclamai: "Sei completamente guarita? Ti ha aiutato il miele che hai mangiato? Anche io proverò il trattamento del miele per i miei problemi di stomaco."

Lei rispose: "No, il miele non mi ha aiutato, ho recuperato praticando il Falun Gong in queste due settimane! "

Non potevo credere a quello che avevo sentito e le ho detto: "Il Falun Gong può salvare la gente dalla morte? Questo è al di là del miracoloso! Il Falun Gong è stato perseguitato per così tanti anni e ora capisco perché così tante persone lo praticano ancora!"

Le ho detto che sostenevo il suo praticare il Falun Gong e l'ho spronata a continuare. Essendo sua amica, sapevo in prima persona cosa aveva passato in tutti questi anni, ed ero felice che avesse trovato una cura senza spendere un centesimo.

Uno dei suoi colleghi è stato successivamente curato all'ospedale di medicina cinese Kuanjie, a Pechino, dal Dr. Zhai. Quando il dottore ha chiesto della signora Li, ha saputo che la donna era sana e salva ed è rimasto completamente sconvolto, perché pensava fosse già morta molte tempo fa.