Falun Dafa Minghui.org www.minghui.org STAMPA

Tracciare il mio sentiero per aiutare il Maestro nella rettifica della Fa

16 settembre 2017 |   Di un praticante nella provincia del Guangdong, Cina

(Minghui.org) Nell'“Insegnamento della Fa alla conferenza della Fa di Atlanta 2003”, il Maestro ha detto:

“Ho chiesto ad ogni discepolo della Dafa di fare bene percorrendo il proprio sentiero, coltivando in modo indipendente, per stabilire la sua potente virtù affinché lui stesso possa raggiungere veramente il Compimento e diventare un re che presiede i propri domini”.

Come molti altri praticanti dopo l'inizio della persecuzione in Cina ho sofferto molto, tuttavia ho spesso considerato di cercare il modo migliore per poter usare le mie abilità e capacità. Ma con una comprensione limitata della Fa era difficile fare progressi.

Il mio lavoro quotidiano consiste nella pianificazione strategica dei progetti. Lavoro in questo settore da molti anni e ho accumulato molta esperienza. Ho sperato di applicare la mia conoscenza in qualche modo per fare le tre cose che i discepoli della Dafa devono fare, ma è stato più facile dirlo che farlo, e altri praticanti hanno condiviso simili sensazioni. Molti di loro mi hanno detto che dovevo solo fare bene le tre cose e che non avevo bisogno di pensare troppo, di conseguenza ho fatto telefonate e distribuito materiale per aiutare gli altri a conoscere i fatti sul Falun Gong. Ho anche chiarito la verità ai miei clienti, inviato pensieri retti per gli altri praticanti e aiutato coloro che avevano smesso di praticare.

Nondimeno sentivo che ci dovevano essere dei metodi migliori. Per esempio uno dei praticanti è ingegnere presso una ditta di tecnologia dell'informazione ed è esperto di tecnologia informatica, inclusa la riparazione dei computer. Tuttavia ha solamente distribuito i materiali della Dafa su internet e raramente ha fornito un supporto tecnico ai nostri siti. Molti altri praticanti che conoscevo erano bravi a scrivere, ma erano tutti impegnati nelle proprie attività. Inoltre non interagivano molto con gli altri per condividere le loro esperienze o per lavorare sui progetti di chiarimento della verità.

Utilizzare le nostre competenze e capacità

Nel riflettere ulteriormente a fondo ho trovato come riferimento alcuni casi di praticanti d'oltremare. Per esempio indifferentemente dal fatto che i praticanti abbiano lavorato allo spettacolo di Shen Yun o al software per aggirare il blocco di internet in Cina hanno fatto queste cose per molti anni e hanno stabilito il loro percorso. Ho pensato che se noi praticanti in Cina potessimo mettere insieme i nostri talenti e le nostre abilità per attuare alcuni progetti, allora l'effetto complessivo come corpo unico sarebbe più potente di quello che è adesso e ciò contribuirebbe a contrastare le predisposizioni delle vecchie forze.

Nell'“Insegnamento della Fa alla Conferenza di New York 2008”, il Maestro ha detto:

“Ci sono molte cose di cui il Maestro non vuole parlare in modo troppo esplicito o troppo nei dettagli. Perché c'è una cosa che alcuni di voi non hanno ancora capito chiaramente, sebbene ne abbia parlato molte volte, cioè che siete voi che state convalidando la Fa, non il Maestro. Solo quando percorrete il vostro sentiero convalidando la Fa, potete perfezionare voi stessi e stabilire la vostra possente virtù. Quindi lo dovete fare voi. Questo è il motivo per cui, quando a volte qualcuno viene a chiedere qualcosa al Maestro su ogni progetto o addirittura su cose che vogliono fare come individui e chiedono, “Come dovrei procedere?” Così facendo avete dato la vostra possente virtù al Maestro. Certo che so come fare. Ma se lo dicessi, a voi non rimarrebbe più nulla; e quando lo fate, avreste semplicemente aiutato me a farlo e non state stabilendo la vostra possente virtù”.

Come discepoli della Dafa dobbiamo tenere il passo con lo slancio della rettifica della Fa. Vale a dire possiamo trovare un modo migliore per utilizzare le nostre risorse basandoci sui nostri talenti e le nostre abilità, per salvare più persone e adempiere i nostri voti.

Lavorare insieme

Dopo aver trascorso molto tempo a studiare la Fa e a discutere le cose con gli altri praticanti ho avuto più chiaro qual era il percorso davanti a noi. Ci potranno essere delle difficoltà, ma fintantoché avrò pensieri retti e fede nel Maestro e nella Dafa ci sarà un percorso da seguire.

A partire da quest'anno alcuni praticanti e io abbiamo lavorato insieme come una squadra. Alcuni sono bravi a scrivere, altri sono bravi nella progettazione artistica e altri ancora hanno la capacità di coordinare. Ci siamo concentrati sull'esposizione della persecuzione nella nostra zona e abbiamo aiutato a farlo anche in altre. Condividiamo le nostre comprensioni in base alla Fa e abbiamo fatto tutti dei progressi. Successivamente abbiamo incluso altri praticanti con determinate abilità e abbiamo formato diversi sottogruppi specializzati per lavorare a stretto contatto l'un l'altro.

Ecco cosa abbiamo fatto. Ogni sottogruppo ha diverse funzioni. La mia squadra raccoglie informazioni sui casi di persecuzione, scrive articoli e si occupa delle operazioni di soccorso necessarie. Un'altra squadra, composta solitamente da praticanti laureati, lavora sugli aspetti giuridici, come l'assunzione degli avvocati, le verifica delle leggi e l'intentare cause contro le persone che perseguitano i praticanti. Un'altra squadra ancora fornisce il supporto tecnico per l'installazione e la manutenzione dei software nei computer.

Ci incontriamo almeno una volta alla settimana per studiare tre lezioni dello Zhuan Falun e se necessario teniamo altre riunioni per il progetto. Oltre a inviare pensieri retti quattro volte al giorno ne abbiamo aggiunta una quinta per eliminare le interferenze su questo piano di lavoro e per motivi di sicurezza non parliamo con quei praticanti che non fanno parte della squadra. Studiamo anche regolarmente i Nove Commentari sul Partito Comunista perché ci aiuta nel chiarire la verità.

Questo progetto ci ha aiutato molto perché, invece di lavorare per conto proprio, adesso possiamo aiutarci l'un l'altro ed essere più efficaci.

Superare le difficoltà

Inizialmente mi aspettavo che alcuni praticanti molto capaci guidassero il nostro gruppo, tuttavia adesso la mia comprensione è che quando manteniamo i pensieri retti e facciamo ciò che è necessario, le cose funzioneranno. Collaborando con gli altri ho imparato a considerare le cose dalla prospettiva del progetto globale e a lasciar andare gradualmente l'egoismo.

Dallo studio della Fa sappiamo che tutto ciò in questa società è stato stabilito per la Dafa. Quando consideriamo le cose basandoci sulla Fa saremo in grado di trovare il percorso migliore da seguire. Infatti il Maestro ci ha dato tutto ciò di cui abbiamo bisogno, compresi i relativi talenti e abilità.

In “Insegnamento della Fa al 20° anniversario - 2012”, il Maestro ha detto:

“Vi dirò, per anni ho sempre detto che le capacità dei discepoli della Dafa sono molto grandi, ma molti non ci credono proprio, poiché non vi è consentito vederle. Sotto l'effetto dei vostri pensieri retti, tutto intorno a voi, così come voi stessi, subisce dei cambiamenti. Eppure non avete mai pensato di provarci”.