Falun Dafa Minghui.org www.minghui.org STAMPA

​“Petali della pace” nelle scuole moldave

23 gennaio 2018 |   Dai praticanti in Moldova

(Minghui.org) I praticanti della Falun Dafa in Moldavia hanno partecipato a una conferenza educativa, presentando il progetto "Petali della pace" che invita persone di tutte le età a piegare della carta per costruire dei fiori di loto in segno di pace e amicizia nei confronti di bambini meno fortunati che praticano il Falun Gong, brutalmente perseguitati in Cina per quasi due decenni.

La presentazione del 27 dicembre faceva parte della conferenza di chiusura di un progetto denominato "Educazione alla pace attraverso la promozione della cultura del buon vicinato nelle scuole primarie", che è stato implementato dal Centro educativo Pro Didactica e finanziato dal Partenariato globale per la Prevenzione del Conflitto Armato ( GPPAC).

Hanno partecipato all’evento, più di venti insegnanti delle scuole di varie regioni e di diverse minoranze etniche per condividere le loro esperienze nell'attuazione di un nuovo corso opzionale: "La cultura del buon vicinato".

I praticanti presentano il progetto "Petali della pace" nella conferenza educativa del 27 dicembre 2017

Il progetto ‘Petali della Pace’ è un’iniziativa avviata nel 2001 in Australia, ispirato da una ragazza cino-australiana di nome Fadu, il cui padre è stato perseguitato a morte quando aveva solo un anno.

Il progetto mira a informare bambini, insegnanti e genitori delle ingiustizie che i praticanti del Falun Gong affrontano in Cina, e a diffondere i principi del pratica che sono Verità, Compassione e Tolleranza. Gli organizzatori di solito spiegano il significato che assume il fiore di loto nella cultura cinese, sottolineando l'importanza dell'auto-miglioramento e l'impegno dei praticanti a diventare persone oneste, di buon cuore e tolleranti.

La presentazione è stata accolta positivamente; i partecipanti hanno preso con entusiasmo gli opuscoli, imparato a piegare i fiori di loto e invitato i praticanti ad ospitare attività simili nelle classi delle loro scuole. Dopo le vacanze invernali, i praticanti sono andati in due scuole, una nella capitale di Chisinau e un'altra nel villaggio Cocieri, a cinquanta km di distanza.

Cocieri

Elena Bejenari, un'insegnante di lingua rumena, ha invitato i praticanti nelle scuole a Cocieri; ha detto di non aver mai avuto un'esperienza così significativa e colorata per i bambini.

I praticanti hanno svolto un altro evento al liceo "Vlad Iovita" di Cocieri, il 9 gennaio 2018. Circa cento quaranta studenti hanno ascoltato la storia di Fadu e imparato a conoscere il simbolismo dei fiori di loto. Molti bambini hanno piegato la carta per costruire dei fiori di loto da donare ai loro familiari e insegnanti. I praticanti hanno poi regalato agli insegnanti dei calendari murali con le informazioni sulla Falun Dafa.

I bambini imparano a piegare i fiori di loto dopo aver conosciuto la Falun Dafa, il 9 gennaio

Chisinau

Il 12 gennaio, Ocunev Tatiana, insegnante al liceo russo AS Pushkin di Chisinau, ha invitato i praticanti a presentare il progetto nella sua scuola; dopo aver raccontato la storia di Fadu e insegnato ai bambini come piegare i fiori di loto, i praticanti hanno proiettato un video di YouTube intitolato: " La storia del loto".

Il racconto, scritto da un praticante ucraino, racconta la storia di un seme di loto che supera le bugie, la malvagità, la pigrizia e altre sfide ricordando tre preziosi principi che sua madre gli ha insegnato: Verità, Compassione e Tolleranza. Questi principi aiutano il seme a farsi strada attraverso il fango fino a raggiungere la superficie dell'acqua, la luce e la sua mamma Loto.

Circa un centinaio di bambini in tre classi hanno partecipato all'attività; tutti si sono divertiti a piegare i fiori di carta e hanno promesso di darli ai loro familiari.

Gli studenti di una scuola russa di Chisinau mostrano i fiori di loto fatti il 12 gennaio