(Minghui.org) Mentre camminavo per andare al mercato con altri praticanti il 9 agosto, mi sono fermata e ho parlato con una donna di mezza età della Falun Dafa e della persecuzione. Lei ha accettato di dimettersi dal Partito Comunista Cinese (PCC).

Quando siamo entrati nel mercato una donna da dietro mi ha afferrato e ha detto: «Hai offeso la mia privacy!». L'ho guardata e ho visto che era la donna con cui avevamo appena parlato. Ci aveva seguiti.

È stata una giornata intensa al mercato. La gente si è raccolta intorno a noi mentre cercavo di liberarmi da lei.

Qualcuno tra la folla ha detto: «Cosa sta succedendo?». Ho spiegato che avevo parlato con la donna della Falun Dafa, in modo che potesse avere un futuro sicuro. Sembrava aver capito, ma poi ci ha seguiti, mi ha afferrato e ha detto che aveva chiamato la polizia.

Molte persone nella folla dicevano cose alla donna come: «Cosa stai facendo? Stava cercando di farti del bene, perché non la lasci andare? La stai trascinando! Lasciala andare».

La folla l'ha distratta e ho pensato che avrei potuto liberarmi e scappare. Tuttavia, poi ho pensato che come praticante della Falun Dafa, se avessi agito in modo aggressivo come lei stava facendo, avrei lasciato una cattiva impressione per le persone intorno a noi. Ho chiesto aiuto al Maestro nella mia mente.

Le ho parlato con calma: «Ti stavo dicendo che la Falun Dafa è buona. Trattarmi in questo modo non fa bene a te».

Le persone intorno hanno continuato a dirle di lasciarmi andare. Sentendo le persone che le urlavano, ha gridato alle persone tra la folla: «Stai praticando la Falun Dafa? Stai praticando la Falun Dafa?».

Mentre lei urlava e diventava isterica, un uomo sulla sessantina si è alzato e ha detto ad alta voce: «Sto imparando la Falun Dafa. Cosa c'è di sbagliato in questo? Imparare la Falun Dafa non infrange la legge!».

La gente tra la folla continuava a rimproverarla, dicendo: «Cosa c'è che non va in te? Perché la picchi? Lasciala andare!».

Sentendo le persone accusarla di avermi colpito, lei ha risposto: «Non l'ho picchiata! Non l'ho picchiata!». Ma la gente ha insistito: «Sì, l'hai fatto!».

Sono arrivati diversi agenti di polizia. Un ufficiale ha detto: «Dimmi cosa sta succedendo. Spiegate a turno».

La donna ha detto in fretta: «Tutti (la folla) hanno detto che l'ho picchiata. Ma non l'ho fatto». La folla ha risposto immediatamente: «L'ha picchiata!» La donna è scoppiata in lacrime e ha negato, ma la folla continuava a dire che mi aveva picchiata.

Cercando di capire cosa fosse realmente accaduto, gli agenti di polizia hanno portato me e la donna alla stazione di polizia.

Alla stazione di polizia, un agente mi ha chiesto: «Quanti soldi hai pagato per praticare la Falun Dafa?». Gli ho detto: «Non ho pagato soldi, ma ho avuto la mia seconda vita. Se non avessi iniziato a coltivare la Falun Dafa sarei morta molto tempo fa».

Sentendo la mia risposta, l'ufficiale disse: «Ok, non ho altre domande. Puoi andartene ora. Puoi andare a casa».

Sono rimasta un pò sorpresa e ho esitato prima di iniziare ad alzarmi lentamente. L'ufficiale ha visto che mi muovevo lentamente e credo che si sia chiesto se non mi sentissi bene. Ha detto: «Se ripeti la Falun Dafa è buona sarai in grado di camminare».

Sono stata profondamente toccata e ho capito che il Maestro mi stava incoraggiando!

Ci sono voluti solo cinque minuti, dal momento in cui sono entrata nella porta della stazione di polizia fino a quando mi è stato permesso di uscire.

Sono passate due settimane da quando è successo, ma ogni volta che ci penso, mi commuove fino alle lacrime.

Le persone si stanno svegliando dopo aver appreso della Falun Dafa e stanno parlando a voce alta per la giustizia nei confronti dei praticanti e della Dafa. Gli agenti di polizia non collaborano più con la persecuzione e non vogliono causare difficoltà ai praticanti. Hanno scelto un futuro luminoso!

Versione cinese