(Minghui.org) Il 7 dicembre 2020 i funzionari dell'Unione Europea (UE) hanno deciso di adottare un sistema in stile “Magnitsky Act” per “prendere di mira individui, entità e organismi... responsabili, coinvolti o associati a gravi violazioni di diritti umani e abusi in tutto il mondo”.

Questa è la prima volta che l'UE ha istituito un simile sistema di sanzioni per dare la priorità alla protezione dei diritti umani nelle sue politiche estere.

In una dichiarazione, il Consiglio dell'UE ha affermato: “La decisione odierna sottolinea che la promozione e la protezione dei diritti umani rimangono una pietra angolare e una priorità dell'azione esterna dell'UE e riflette la determinazione dell'UE ad affrontare gravi violazioni e abusi dei diritti umani”.

Il nuovo sistema di protezione dei diritti umani a livello globale dell'UE è stato designato dopo che nel 2016 il “Global Magnitsky Human Rights Accountability Act” è stato approvato per la prima volta dal Congresso degli Stati Uniti. Il “Global Magnitsky Act” degli Stati Uniti autorizza il governo a sanzionare i violatori dei diritti umani di tutto il mondo, compreso il congelamento dei loro beni negli Stati Uniti e il blocco dei loro ingressi nel Paese.

Mike Pompeo, segretario di Stato americano, ha applaudito l'accordo dell'UE del 7 dicembre. Ha affermato: “Gli Stati Uniti accolgono con favore l'adozione da parte dell'Unione Europea del loro programma globale di sanzioni sui diritti umani. Oggi, in occasione della Giornata internazionale dei diritti umani, osserviamo che questo risultato innovatore proteggerà ulteriormente i diritti umani in tutto il mondo. Le nuove misure dell'UE offrono ai suoi Stati membri un potente strumento per promuovere la responsabilità per la violazione dei diritti umani su scala globale”.

Ha anche incoraggiato l'UE a “effettuare le sue prime designazioni il prima possibile”.

Secondo la dichiarazione dell'UE: “Il sistema per misure restrittive mirate si applica ad atti come genocidio, crimini contro l'umanità e altre gravi violazioni o abusi dei diritti umani (ad esempio tortura, schiavitù, esecuzioni extragiudiziali, arresti o detenzioni arbitrari). Possono rientrare nel campo di applicazione del regime di sanzioni anche altre violazioni o abusi dei diritti umani laddove tali violazioni o abusi siano diffusi, sistematici o destano sotto altri punti di vista grave preoccupazione per quanto riguarda gli obiettivi della politica estera e della sicurezza comune stabiliti nel trattato (articolo 21 TEU)”.

“Tali misure restrittive prevedono un divieto di viaggio che si applica alle persone fisiche e il congelamento dei fondi che si applica sia alle persone fisiche che alle entità. Inoltre, a persone ed entità nell'UE sarà vietato mettere fondi a disposizione di coloro che sono elencati, direttamente o indirettamente”.

“Spetterà al Consiglio, su proposta di uno Stato membro o dell'Alto rappresentante dell'UE per gli Affari esteri e la Politica di sicurezza, stabilire, rivedere e modificare l'elenco delle sanzioni”.

Il nuovo sistema dovrebbe entrare in vigore nella Giornata dei diritti umani, il 10 dicembre. Il primo elenco di autori di reati sarà aggiunto all'elenco delle sanzioni dell'UE nel primo trimestre del 2021.

Negli ultimi giorni i praticanti del Falun Gong di ventinove Paesi hanno presentato ai rispettivi governi un nuovo elenco di autori che sono stati coinvolti nella persecuzione del Falun Gong. Questi praticanti hanno chiesto ai loro governi di bloccare l'ingresso degli autori e dei loro parenti stretti e di congelare i loro beni.

I ventinove Paesi includono: Australia, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti della Five Eyes Alliance; altri diciotto Paesi dell'UE, tra cui Germania, Francia, Italia, Spagna, Paesi Bassi, Polonia, Belgio, Svezia, Austria, Irlanda, Danimarca, Finlandia, Repubblica Ceca, Romania, Portogallo, Ungheria, Slovacchia e Slovenia; così come altri sei Paesi: Giappone, Corea del Sud, Svizzera, Norvegia, Liechtenstein e Messico.

Analogamente agli elenchi degli autori presentati in precedenza, il nuovo elenco è composto da funzionari del governo centrale del PCC nonché funzionari a tutti i livelli locali, inclusi segretari di comitati per gli Affari politici e legali, direttori di Ufficio 610, funzionari di governi locali, direttori di uffici di pubblica sicurezza e dipartimenti di polizia, funzionari di uffici di sicurezza interna, presidenti di tribunali e giudici, nonché direttori di carceri e campi di lavoro forzato.

Questi praticanti del Falun Gong hanno detto che continueranno a raccogliere e compilare elenchi degli autori e dei loro crimini nella persecuzione. Tali informazioni verranno inviate a Minghui.org e l'elenco degli autori sul sito verrà aggiornato regolarmente. Finora, il database ha elencato un totale di 105.580 autori. I loro nomi finiranno per apparire nelle liste delle sanzioni dei Paesi democratici.

A proposito del Magnitsky Act

Il Magnitsky Act prende il nome da Sergei Magnitsky, un revisore dei conti russo arrestato e incarcerato per aver scoperto il furto di quasi 230 milioni di dollari da parte del governo russo attraverso rimborsi fiscali fraudolenti. È morto il 16 novembre 2009 in una prigione di Mosca a causa del trattamento disumano al quale è stato sottoposto. La sua morte è stata ampiamente riportata in Russia. Sebbene i funzionari russi coinvolti nel suo caso non siano stati perseguiti, la sua morte alla fine ha innescato la creazione di un sistema globale per proteggere i diritti umani.

Almeno sei Paesi hanno approvato atti Sergei Magnitsky simili per ritenere responsabili i violatori dei diritti umani. Il Parlamento australiano dovrebbe approvare una legge simile nel prossimo futuro.

Versione cinese