(Minghui.org) (Continua dalla Parte 2)

Giudice salvato credendo che la Falun Dafa è buona

Il fratello minore di una praticante le ha telefonato nel cuore della notte e ha riattaccato senza dire molto. Lei ha sentito che doveva essere successo qualcosa, così è andata immediatamente a casa sua. Aveva avuto un fastidioso problema ed era così preoccupato che non aveva mangiato molto per una settimana.

Il fratello della praticante è un giudice. Il presidente della corte era stato condannato al carcere e lui interpretava questo fatto come una punizione karmica per aver perseguitato i praticanti della Falun Dafa. Anche lui aveva condannato alla prigione alcuni praticanti e temeva che fosse il suo turno di pagare per le sue azioni.

La praticante gli ha detto: “Se sei veramente pentito per quello che hai fatto e smetti di partecipare alla persecuzione, potresti avere la possibilità di voltare pagina. Ovviamente devi credere che la Falun Dafa sia buona”.

Suo fratello ha annuito in segno di assenso, ma aveva ancora dei dubbi. Ha chiesto: “Non mi hai chiesto in che tipo di guai mi trovo. Ritieni che solo recitando 'La Falun Dafa è buona' e 'Verità, Compassione e Tolleranza sono buone', il problema sarà risolto?”. Le ha rivelato che avrebbe potuto essere condannato ad una pena tra i 20 e i 25 anni di carcere.

Sua sorella ha spiegato: “Gli dei guardano solo il tuo cuore. Se non hai fede, nessuno può aiutarti. Inoltre, non hai scelta ora”.

Alle sera è tornato a casa dal lavoro esultante come un bambino. Ha detto: “Sorella, ho tratto beneficio dal credere nella Falun Dafa. Le cose hanno preso una svolta positiva”. Ha ringraziato sua sorella per averlo aiutato.

In seguito, quando i suoi superiori gli hanno chiesto di gestire i casi di persecuzione dei praticanti, ha rifiutato di partecipare. Quando è stato messo sotto pressione, ha detto: “Non farò tali azioni immorali. Mia sorella è una praticante della Falun Dafa”.

Da allora i suoi superiori hanno smesso di chiedergli di essere coinvolto nella persecuzione.

Uomo benedetto dopo aver difeso la Falun Dafa ad una riunione in cui si parlava male della pratica

Era l'agosto 2000 quando la polizia nella contea di Jingtai, città di Baiyin, provincia del Gansu, ha arrestato diversi praticanti. Un giorno, gli ufficiali hanno organizzato un'attività per umiliare pubblicamente i praticanti, diffamare la loro fede e quindi minacciare i cittadini ordinari.

A quasi 200 abitanti del villaggio è stato detto di partecipare all'attività. Quando il signor Yu, un abitante del villaggio, ha visto i funzionari del Partito Comunista Cinese (PCC) perseguitare i praticanti adottando le tattiche utilizzate durante la Rivoluzione Culturale, ha gridato a piena voce: “Lunga vita alla Falun Dafa!”. Gli abitanti del villaggio in piedi accanto a lui hanno esclamato: “Stai per essere arrestato!”. Alcuni erano così spaventati da tenersi a distanza da lui. Lui ha risposto: “Non ho paura”.

Non è stato arrestato per il suo sfogo. Non solo, ma entrambe le sue nuore hanno dato alla luce nipoti sani. Le cose sono andate bene per la sua famiglia.

Dopo la pubblicazione dei Nove Commentari sul Partito Comunista, non ha esitato a lasciare il PCC.

I raccolti dell'agricoltore protetti dai forti venti dopo aver esposto gli striscioni della Falun Dafa

Il figlio di un praticante coltivava il ginseng cinese per vivere. Suo figlio si identificava con i principi della Falun Dafa. Una volta ha assunto dei lavoratori per essere aiutato a raccogliere il ginseng. Il tempo è cambiato all'improvviso e i braccianti volevano andarsene prima che piovesse. Ha chiesto loro di aspettare e vedere, ma a mezzogiorno era ancora nuvoloso.

Mentre i lavoratori si preparavano ad andarsene, ha detto loro di aspettare mentre lui si è diretto verso un punto in alto. Ha gridato: “La Falun Dafa è buona! Verità, Compassione e Tolleranza sono buone!”. In meno di due minuti le nuvole si sono dissipate ed è uscito il sole. I braccianti sono così stati in grado di raccogliere le erbe.

Nel 2014, le piantine che ha piantato sono state afflitte da parassiti. I praticanti hanno scritto “La Falun Dafa è buona” e “Verità, Compassione e Tolleranza sono buone” su strisce rosse e gialle di stoffa e gli hanno chiesto di appenderle nei campi. Pensava che questi non fossero abbastanza. Così ha comprato dell'altro panno rosso, l'ha trasformato in striscioni con lo stesso messaggio e li ha appesi ovunque nei suoi campi. Quell'anno ci sono stati molti meno parassiti.

L'anno successivo ha messo degli striscioni simili in tutte le aree in cui ha coltivato il ginseng. In una notte di tempesta, molti capannoni di ginseng furono distrutti da forti venti, ma i suoi rimasero intatti. Tutti dicevano che era straordinario: era come se i venti cambiassero direzione quando raggiungevano i suoi campi.

Conclusione

Queste storie toccanti riflettono il principio celeste secondo cui il bene viene premiato mentre il male viene punito. Nella brutale campagna del PCC contro la Falun Dafa, ci sono stati molti episodi di persecutori che sono incorsi nella retribuzione karmica. Ci auguriamo che coloro che stanno ancora partecipando alla persecuzione possano saperne di più sulla Dafa e ritirare le loro adesioni al PCC in modo che sia loro che le loro famiglie possano avere un futuro luminoso.

Versione Cinese