(Minghui.org) Nel 2015 un piccolo gruppo di praticanti della mia città è stato coinvolto nel tentativo di aiutare a salvare i praticanti della Falun Dafa che erano stati arrestati e detenuti illegalmente in un'altra città.

Attraverso questa esperienza abbiamo acquisito una certa conoscenza del processo legale e abbiamo appreso che è anche un ottimo modo per chiarire i fatti a coloro che lavorano nell'ambito del sistema giudiziario.

Da quel momento in poi abbiamo sempre prestato particolare attenzione agli articoli sul sito web Minghui che parlavano di come i praticanti della Dafa si impegnavano in questo tipo di progetti in altri luoghi della Cina.

Questa esperienza sembrava essere predisposta affinché potessimo imparare i rudimenti in modo da essere in grado di aiutare un praticante locale che era stato arrestato nel 2016. Da allora in poi mio marito ed io abbiamo iniziato a partecipare agli sforzi per salvare i praticanti.

Finora siamo stati coinvolti in sei casi e negli ultimi tre anni abbiamo assunto diversi avvocati. Abbiamo riscontrato successi e appreso amare lezioni. Quando ci sentivamo persi e non sapevamo cosa fare, abbiamo studiato di più la Fa, e il Maestro Li (il fondatore della Dafa) ci ha guidato.

Una sola opzione: Dichiarare la non colpevolezza

Prima di decidere quale avvocato assumere, dovevamo parlare loro a fondo della Falun Dafa e infine optare solo per coloro che accettavano di presentare una dichiarazione di “non colpevolezza” per i praticanti. Questi legali di solito hanno un forte senso di giustizia e responsabilità sociale.

Ci siamo incontrati con il nostro primo avvocato nel 2016. Conosceva già la Falun Dafa e aveva letto le lezioni del Maestro Li Hongzhi.

Questo avvocato ha rappresentato in tribunale una praticante, un'insegnante in pensione, dichiarandone la “non colpevolezza”. Tuttavia in seguito ha discusso con il giudice per ottenere una riduzione della pena, affermando: “Poiché non esiste una legge che dice che praticare la Falun Dafa è un crimine, allora la mia assistita non è colpevole. Dal momento che la mia anziana cliente ha dedicato la vita a educare gli studenti, spero che il giudice possa prendere in considerazione di concederle una riduzione della pena”.

Alcuni praticanti che hanno partecipato al processo si sono chiesti perché il difensore avesse fatto quel tipo di richiesta. Lui ha dichiarato di sentirsi molto dispiaciuto per la praticante e di ritenere che quella di richiedere una riduzione della pena avrebbe potuto rivelarsi una soluzione migliore.

Abbiamo potuto vedere che stava cercando di ottenere il rilascio della praticante il più presto possibile, ma la nostra comprensione era che il fatto di discutere una qualsiasi riduzione della sentenza contraddiceva il fatto che la praticante non aveva commesso alcun crimine.

Ci siamo resi conto che questo avrebbe potuto rappresentare un blocco fondamentale anche per altri avvocati e abbiamo compreso che per noi era importante comunicare le questioni chiave all'avvocato e raggiungere un consenso prima di procedere con il caso.

Mio marito ed io abbiamo scritto un articolo che è stato successivamente pubblicato sul sito web Minghui in lingua cinese. L'articolo suggeriva che, nel difendere i praticanti della Falun Dafa, gli avvocati difensori avrebbero dovuto presentare unicamente una dichiarazione di “non colpevolezza”. Il fatto di discutere per una riduzione della sentenza è un compromesso. Sappiamo chiaramente che dovremmo sostenere fermamente la nostra fede, non scendere a compromessi con il male e negare completamente le disposizioni delle vecchie forze.

Molti funzionari credono ancora di poter perseguitare i praticanti a piacimento e quindi continuano a commettere illeciti, fabbricare prove e cercare di incastrarli. Se gli avvocati della difesa potessero esporre quelle violazioni che screditerebbero gravemente le forze dell'ordine, questo aiuterebbe tutte le persone coinvolte a vedere la natura malvagia del Partito Comunista Cinese (PCC) e a risvegliare il loro senso di giustizia.

I membri delle forze dell'ordine e del sistema giudiziario sono stati profondamente ingannati dalle bugie e dalla propaganda del PCC. Osano fare cose cattive perché sono spinti o attirati da interessi personali. A loro insaputa sono anche loro vittime del regime comunista.

Come praticanti del Falun Gong dovremmo avere pensieri retti e compiere azioni rette, cooperare bene con gli avvocati e portare alla luce i fatti. Speriamo che, invece di continuare a perseguitare i praticanti della Falun Dafa, più persone possano risvegliarsi, riconoscere la propaganda fuorviante e scegliere un futuro luminoso. Questo è il nostro scopo fondamentale nell'assumere i legali per difendere i praticanti arrestati.

Devono capire che vogliamo esporre tutte le violazioni della legge e delle procedure legali che sono state commesse. Pertanto, dovremmo chiarire loro che la dichiarazione di “non colpevolezza” è l'unica via percorribile.

Gli avvocati svolgono un ruolo importante

È importante conoscere il ruolo importante che gli avvocati svolgono durante il processo di salvataggio.

Intermediario con i praticanti detenuti

Come prima cosa possiamo comunicare con i praticanti detenuti attraverso gli avvocati in modo da rafforzare i loro pensieri retti.

Nel 2018 è stata arrestata una praticante. Durante i cinque mesi precedenti al processo, l'avvocato è stato in grado di incontrarla otto volte, ognuna delle quali preparavo una lettera e chiedevo al legale di leggergliela durante l'incontro – alcune delle lettere erano insegnamenti della Fa del Maestro.

Dopo che la praticante detenuta è stata rilasciata, ci ha detto che le nostre comunicazioni l'avevano decisamente aiutata a rafforzare i suoi pensieri retti.

Aiuto a chiarire i fatti

Rispettiamo sempre gli avvocati e il lavoro che svolgono e cerchiamo di aiutarli in ogni modo possibile.

Alcuni avvocati chiariscono i fatti a coloro che lavorano nella pubblica sicurezza, nella Procura e nei tribunali con cui hanno contatti durante il caso.

Nel 2017 abbiamo assunto un difensore per rappresentare un praticante anziano che era stato arrestato. L'avvocato ha chiamato il pubblico ministero e ha insistito per ottenere un incontro con lui faccia a faccia. È importante notare che la maggior parte dei pubblici ministeri si rifiuta di incontrare gli avvocati della difesa che rappresentano i praticanti della Falun Dafa.

Durante l'incontro l'avvocato ha parlato cordialmente con il pm, aiutandola a sentirsi più rilassata. Entrambe le parti hanno continuato a parlare in tono amichevole. Il legale le ha spiegato molto sulla Falun Dafa e la conversazione ha avuto molto successo.

Durante il processo, il pubblico ministero ha respinto il caso due volte e alla fine il praticante anziano è stato rilasciato.

Esporre le violazioni della legge

Nel 2018, durante un processo giudiziario contro un praticante, l'avvocato della difesa ha inizialmente presentato una dichiarazione di “non colpevolezza”. Ha quindi proceduto metodicamente nell'esporre le violazioni commesse dalle forze dell'ordine e dal sistema giudiziario in relazione al caso.

L'avvocato ha anche sottolineato che la persona che vestiva i panni della pubblica accusa era un impiegato del tribunale che conosceva e non il pubblico ministero dichiarato in precedenza dal tribunale. Questo ha davvero imbarazzato il personale giudiziario.

Il giudice, che prima del processo aveva rifiutato di incontrarsi con l'avvocato, ha successivamente organizzato un incontro con lui. Il difensore ha colto l'occasione per parlare al giudice della Falun Dafa. Di conseguenza i giudici e i pubblici ministeri, che inizialmente avevano programmato di condannare il praticante a due o tre anni di reclusione, hanno deciso di ridurre la pena a dieci mesi.

Prendersi cura degli avvocati

Non dobbiamo perdere di vista il fatto che non paghiamo e assumiamo semplicemente gli avvocati; dobbiamo anche salvarli.

Nel 2016 abbiamo assunto un difensore, con il quale avevamo già lavorato. Ci ha addebitato una parcella quasi doppia rispetto alla volta precedente, dicendo che il prezzo della sua prestazione doveva essere aumentato.

Ho discusso del problema con mio marito. Ci siamo resi conto che gli avvocati erano sotto forte pressione e quindi abbiamo pensato che sarebbe stato corretto accettare l'aumento. Allo stesso tempo, però, abbiamo ritenuto di dover considerare che questi avvocati avevano fatto dei voti nelle vite passate per aiutare i praticanti della Dafa in questo modo.

Il Maestro ha detto:

“Se una persona comune potesse fare le cose che i discepoli della Dafa fanno in questo periodo in cui i discepoli della Dafa vengono perseguitati, questa persona diventerebbe sicuramente un essere divino, anche se è una persona comune che non ha mai coltivato”. (Insegnare la Fa a San Francisco 2005)

Questa per un avvocato è la suprema gloria di aiutare i discepoli della Dafa, non è solo una questione di soldi. Accettare di pagarli molto al di sopra della tariffa normale significherebbe fare qualcosa di potenzialmente dannoso per loro, in quanto prenderebbero più risorse (denaro) della Dafa di quanto farebbero normalmente. Inoltre, se dovessimo pagare onorari sempre più elevati, i praticanti con finanze ridotte potrebbero non essere in grado di sostenere le spese.

Le risorse della Dafa non dovrebbero essere sprecate. Alla luce di questa riflessione, abbiamo quindi insistito per pagare a quell'avvocato la tariffa concordata inizialmente.

Nel 2017 stavamo cercando di assumere un avvocato di un'altra città; avevamo sentito molte cose su di lui: alcune positive e altre negative. Abbiamo quindi deciso di andare nella sua città per incontrarlo. Abbiamo scoperto che aveva una buona comprensione della Dafa e che voleva essere d'aiuto, tuttavia insisteva per fare le cose a modo suo.

Abbiamo deciso di assumerlo e siamo andati a prenderlo all'aeroporto in una tempestosa notte di dicembre. Poiché il suo aereo è stato dirottato in un'altra città a causa del maltempo, abbiamo aspettato a lungo. Ci ha esortato ad andare a casa, aggiungendo che avrebbe atteso per vedere se l'aereo sarebbe ripartito. Così è successo e, quando finalmente è atterrato nella nostra città, è stato davvero commosso nel vedere che l'avevamo aspettato.

Si è impegnato duramente nel caso e ha fatto un ottimo lavoro nel difendere il praticante imputato.

Riflettere sul processo

Negli ultimi anni abbiamo lavorato instancabilmente mentre tutti i praticanti collaboravano tra loro per ogni processo.

Alcuni praticanti erano responsabili della spedizione del materiale per chiarire la verità a coloro che facevano parte delle forze dell'ordine, mentre altri mettevano adesivi informativi nelle aree circostanti per informare le persone sui casi. Alcuni praticanti hanno inviato lettere con informazioni sui processi imminenti, mentre altri hanno formato gruppi per inviare pensieri retti.

La nostra cooperazione ha svolto un ruolo importante nel disintegrare i fattori delle vecchie forze in altre dimensioni e ci ha permesso di aiutare il Maestro a salvare esseri senzienti.

Come praticanti stiamo facendo quello che dovremmo fare. Tuttavia, in realtà, questo è il processo che il Maestro ha organizzato per noi affinché potessimo vedere le nostre mancanze e migliorare nella coltivazione.

Ringraziamo sinceramente il Maestro per la sua grazia salvifica! Ringraziamo anche gli amici praticanti per il loro supporto altruistico e ringraziamo gli avvocati per il loro coraggio e la loro devozione alla professione che svolgono!

Versione cinese