(Minghui.org) Nel dicembre 1994 abbiamo appreso che il Maestro avrebbe tenuto una serie di conferenze a Guangzhou, tuttavia abbiamo anche sentito che i biglietti erano esauriti. Una praticante che in precedenza aveva già frequentato le lezioni del Maestro ha affermato: “Andrò, anche se non riesco a procurarmi un biglietto”. Le ho detto che mi sarebbe piaciuto andare con lei.

Mio marito lavorava fuori città e non poteva prendersi cura di nostro figlio. L'altra praticante ha detto: “Parlerò con mio marito e gli chiederò di prendersi cura di tuo figlio. Al nostro ritorno ragioneremo sulle sue spese. Assicurati di prendere dieci giorni liberi dal lavoro”.

Eravamo in sei e il 18 dicembre 1994 siamo arrivati in treno a Guangzhou. Con l'aiuto di un parente di un praticante abbiamo alloggiato nella foresteria del quartier generale dell'esercito della città.

Durante i tre giorni precedenti alle lezioni siamo andati ogni giorno allo stadio nel tentativo di procurarci i biglietti. C'erano molte persone allo stadio e alcune stavano facendo gli esercizi della Falun Dafa. Ho avvertito qualcosa che mi ruotava nei palmi delle mani, nelle piante dei piedi e nella parte superiore della testa, e l'energia era forte.

Le lezioni sono iniziate il 21 dicembre 1994. Fuori dallo stadio c'era molta gente. Ho pianto nel guardare le persone entrare nello stadio; mi rammaricavo profondamente di aver perso la serie di lezioni del Maestro a Zhengzhou nel mese di giugno. Speravo di vedere il Maestro e ascoltarlo insegnare. Pensavo che sarebbe stato il più grande rimpianto della mia vita se non fossi potuta entrare!

In quel momento ho notato un coordinatore di Wuhan che parlava con qualcuno del nostro gruppo. Si sono avvicinati e mi hanno detto: “Ci sono due biglietti disponibili. Tu e la ragazza dovreste entrare. Noi aspetteremo qui ancora un po'”.

Felicissima, ho preso il biglietto. Il mio posto era circa dieci file dietro il palco. Ho pensato: “Avrebbe importanza se il Maestro non potesse vedermi?”. Quando il Maestro ha detto che le persone dietro di lui non sarebbero state escluse, sono rimasta stupita.

Per aggiustare i nostri corpi, il Maestro ci ha detto di pensare a una malattia che avevamo, e io ho pensato alla mia cardiopatia. Mentre il Maestro agitava la mano in questa dimensione, ho sentito la sua mano in un'altra dimensione raggiungere il mio petto. Ho avvertito immediatamente una fresca brezza nel mio petto e tutto il mio corpo è diventato leggero. Ho visto la mano del Maestro togliermi dal petto alcune cose grigie, appiccicose e sporche.

Poi il Maestro ci ha detto di battere a terra i piedi al suo tre. Quando alcuni studenti li hanno battuti prima che pronunciasse il tre, il Maestro ha detto: “Sarebbe bello se poteste studiare la Fa con la stessa impazienza (non le parole esatte del Maestro)”. Ci ha quindi detto di riprovare. Vedendolo prendersi cura così compassionevolmente di noi studenti, sono rimasta profondamente commossa.

Durante le lezioni il campo energetico era molto forte. Avvertivo il mio corpo completamente caldo, così come la mia faccia. Avevo gli occhi pieni di lacrime; non riuscivo a tenerli aperti e gradualmente mi sono addormentata. Più tardi ho letto ciò che il Maestro ha detto:

“Alcune persone persino si addormentano durante le mie lezioni e si svegliano non appena ho terminato. Perché? Perché dentro la loro testa ci sono delle malattie che devono essere eliminate. Non sarebbero in grado assolutamente di reggere un'azione diretta sullaloro testa, quindi, devono essere messi, a loro insaputa,sotto anestesia. Ciononostante, alcuni di loronon hanno alcun problema di udito; sono profondamente addormentati, ma ascoltano tutto, senza perdere una sola parola. Quando si svegliano, sono perfettamente lucidi e capaci di restare svegli per due giorni consecutivi, senza avere sonno.” (Seconda lezione, Zhuan Falun)

Ho pensato: “Il Maestro sembra parlare di me. Soffrivo continuamente di mal di testa ed ero confusa tutto il giorno. È incredibile come il Maestro sappia tutto!”.

Il Maestro arrivava sempre in anticipo alle lezioni. Un giorno molti studenti l'hanno circondato e anch'io mi sono affrettata ad avvicinarmi, cercando di vederlo più chiaramente. Ma in qualche modo, mi sono ritrovata di nuovo alle sue spalle. Ho teso la mano per afferrargli un braccio, ma una forza l'ha respinta indietro. Sono stata colta di sorpresa. A quel punto ho capito che afferrarlo era scortese e irrispettoso. Dopo quella volta, quando ho visto il Maestro in giro, l'ho guardato da lontano.

Un giorno, dopo la lezione, sono tornata alla foresteria assieme ad altri due praticanti. Non appena abbiamo attraversato il cancello, un furgone ci ha superato da dietro. Uno dei praticanti con me ha visto il Maestro nel furgone! Tutti e tre abbiamo gridato all'unisono: “Salve Maestro!”, e abbiamo congiunto le mani davanti al petto in segno di rispetto. Il Maestro è sceso dal mezzo, ci ha salutato con la mano e ha sorriso.

Quando la serie di lezioni a Guangzhou è terminata siamo partiti con riluttanza. Ho pensato: “Mi chiedo quando potrò vedere di nuovo il Maestro...”.

Quei giorni a Guangzhou sono stati i giorni più felici della mia vita. Sono trascorsi più di venti anni, eppure tutto è ancora vivido nella mia memoria. Il Maestro ci ha dato così tanto! Il Maestro mi ha dato una vita completamente nuova e mi ha aiutato a capire il suo insegnamento:

“Ognuno dovrebbe ritornare alla propria vera natura: questo è il vero scopo dell'essere “umani”. Quindi, quando una persona vuole coltivare, considerano che la sua “natura di Budda” si sia manifestata. Tale pensiero è il più prezioso, poiché questa persona vuole tornare alla sua vera natura originaria e trascendere questo livello umano ordinario.” (Prima lezione, Zhuan Falun)

Sotto la misericordiosa protezione del Maestro sono riuscita ad arrivare fino ad oggi. Le parole non possono esprimere la mia gratitudine nei suoi confronti. Durante gli oltre venti anni che ho coltivato, ho fatto le cose male, sono inciampata, mi sono alzata di nuovo e sono andata avanti. Devo studiare di più la Fa e farlo bene, coltivare me stessa, fare bene le tre cose e seguire il Maestro per ritornare a casa.

Grazie Maestro, per la tua grazia salvifica!

Versione cinese