(Minghui.org) Alcuni giorni dopo aver iniziato a lavorare come cassiera, il direttore generale ha detto in privato agli altri impiegati del negozio: “Dopo così tanti colloqui, come siamo finiti ad assumere qualcuno che pratica il Falun Gong?”.

Quando la mia responsabile ha condiviso il commento con me, le ho detto: “Tutti i praticanti del Falun Gong si sforzano di essere brave persone. Non facciamo del male a nessuno”. Lei non ha detto nulla, ma mi sono resa conto che aveva delle riserve sul Falun Gong.

Data la pervasiva campagna di propaganda del Partito Comunista Cinese che da 20 anni scredita il Falun Gong, molti cinesi sono stati ingannati e ora sono risentiti verso di noi.

D’altra parte, probabilmente non è una coincidenza che io abbia ottenuto il lavoro. Dovevo fare bene per mostrare loro com’è veramente il Falun Gong.

Per prima cosa, ho scritto una lettera al direttore generale in cui spiegavo come ho beneficiato dalla pratica, sperando di chiarire i fraintendimenti che aveva sul Falun Gong. Dopo averla letta, il suo atteggiamento è un po’ cambiato.

Come cassiera non avevo alcuna esperienza precedente, quindi mi sono impegnata molto per imparare il lavoro. Sebbene fossi più vecchia degli altri cassieri, la Dafa mi ha dato la saggezza e in pochi giorni ho imparato. Andavo d’accordo con i miei colleghi, ero paziente con i clienti e non spettegolavo. Col passare del tempo, tutti i miei colleghi volevano essere miei amici. Era un buon ambiente di coltivazione.

Parlare a favore della Dafa

Un giorno, mentre ero in pausa, la responsabile delle vendite e alcuni altri rappresentanti stavano chiacchierando vicino a me. Di solito non prestavo attenzione a quello che dicevano, ma quel giorno li ho sentiti dire qualcosa di negativo sul Maestro Li, il fondatore della Falun Dafa.

Mi ha fatto male al cuore sentire quelle persone ripetere le solite incomprensioni sulla Dafa e sul Maestro. Sapevo che avrei dovuto parlare loro della Dafa, quindi ho detto alla responsabile: “Mi dispiace, ho sentito quello che hai detto proprio ora. Voglio davvero sperare che non aiuterai il regime comunista a diffondere queste voci sulla Dafa e sul Maestro Li. Ci conosciamo da un po’ di tempo, dovresti sapere che il Falun Gong non è così. Lo dico per il vostro bene.

Forse perché ha sentito che stavo davvero pensando al suo benessere, mi è sembrata dispiaciuta per le parole che aveva espresso, e mi ha detto: “Mi dispiace, non lo farò più”.

Un rappresentante ha detto: “Hai ragione, non parleremo più di quelle dicerie”. Un'altra impiegata, che stava trattando con un cliente, si è voltata verso di me con un’espressione di rispetto sul viso. In seguito ha espresso interesse a saperne di più sul Falun Gong.

“I praticanti del Falun Gong sono tutti bravi!”

Ho sempre trattato i clienti con calore e con un sorriso. Ho fatto del mio meglio per risolvere i loro problemi. Anche quando erano frustrati e mi dicevano cose spiacevoli non ho mai discusso con loro.

Una volta, una cliente insisteva di aver lasciato 800 yuan in contanti sul nostro bancone dopo aver fatto la spesa. Quando le abbiamo detto che nessuno di noi aveva visto i soldi, si è arrabbiata e la mia responsabile ha iniziato a discutere con lei.

Ho detto alla cliente con calma: “Per favore, non ti avvilire, ho un’idea. Siamo in grado di rivedere i filmati delle nostre telecamere di sorveglianza. Tuttavia, sono accessibili solo nell’ufficio del nostro direttore generale che oggi non c’è. Per favore, puoi tornare domani mattina dopo le 8.00? Possiamo guardare il nastro insieme. Se hai lasciato davvero i soldi qui e li hai persi, ti rimborserò personalmente. In caso contrario, saprai cosa è successo”.

Lei si è calmata e ha accettato di tornare il giorno dopo. Allora ho chiamato il direttore e gli ho spiegato la situazione.

Il giorno successivo, la cliente è tornata. Dalla video-registrazione, si è scoperto che lei aveva rimesso i soldi nella borsa. Era imbarazzata e ha detto al direttore: “La tua dipendente è così gentile e responsabile. Oggi non è facile trovare qualcuno come lei”.

Quando l’ho incontrata al piano di sotto, continuava a ringraziarmi. Ho colto l’occasione per chiarire la verità sulla Dafa. Così ho scoperto che lavorava nel comitato di strada ed era un membro del Partito Comunista Cinese (PCC). Mi ha detto che anche una sua vicina, una praticante della Dafa molto gentile, si era già dimessa dal PCC. Ha aggiunto: “Sembra che tutti i praticanti del Falun Gong siano buoni!”.

Il cambiamento dei miei colleghi

Davanti al negozio in cui lavoro, degli ambulanti vendono frutta e cibo. Poiché distribuiscono anche merce gratuita, alcuni dei nostri impiegati prendevano la frutta dagli stand senza pagare.

Una volta, una collega ha preso alcune prugne senza pagarle e voleva dividerle con me. Le ho ricordato: “Non è facile per questi venditori fare soldi. Da qui in avanti, non dovremmo prendere loro le cose senza pagarle”. Non si è arrabbiata, ma era d’accordo con me che fosse la cosa giusta da fare. Dopodiché, la nostra relazione si è effettivamente avvicinata. Molti altri colleghi seguendo il nostro esempio, hanno smesso di prendere gratuitamente la frutta dai venditori.

“Le persone dovrebbero rifiutare il PCC”

Ogni anno, i calendari con informazioni e immagini sulla Dafa sono molto popolari. Tutti i miei colleghi ne volevano uno. Ogni anno ne mettevo uno sul mio bancone. Il primo anno, il direttore generale (che raramente veniva nel negozio) vedendo il calendario ha chiesto: “Chi l’ha portato qui?” Gli ho risposto: “È mio”. Lui ha detto: “Ah” e poi ha sorriso: “Il Falun Gong è piuttosto buono, è solo un po’ contro il PCC”. Prima che potessi rispondere, ha aggiunto: “Il PCC è molto cattivo. Le persone dovrebbero comunque evitarlo”. Poi ha sorriso ed è andato via.

I colleghi mi proteggono dall’Ufficio 610

Una volta, un membro dello staff dell’Ufficio 610 del nostro municipio, un’agenzia illegale creata per perseguitare il Falun Gong, mi ha chiamata chiedendomi di incontrare due persone che sarebbero venute di lì a dieci minuti, solo per parlare di qualcosa di urgente e che poi se ne sarebbero andate via. Ho accettato di incontrarle mentre ero al lavoro. Dopo aver riattaccato il telefono, improvvisamente mi sono resa conto che non avrei dovuto fidarmi di loro, perché in passato mi avevano ingannato. Mi avevano messo in un centro per il lavaggio del cervello e in un campo di lavoro forzato. Così ho deciso di andare al grande magazzino dall’altra parte della strada, per poterli osservare.

Dieci minuti dopo, è arrivata un’auto della polizia. Sono scese quattro o cinque persone che si sono precipitate nel nostro negozio. Ho capito che ancora una volta avevano mentito, allora li ho chiamati e ho detto loro: “Ho deciso di non incontrarvi più perché state mentendo di nuovo”.

Dopo, sono andati a cercarmi in un altro negozio della stessa catena. La direttrice del negozio, una collega che conoscevo bene, ha detto loro che non sapeva nulla. Poi ha chiamato anche tutti gli altri negozi della catena e li ha avvertiti di non dire nulla di me agli agenti dell’Ufficio 610. Sono molto grata ai miei colleghi per avermi protetto.

I miei colleghi si fidano di me

Con la mia gentilezza e onestà ho guadagnato la fiducia del mio direttore generale e dei miei colleghi. Tuttavia, per diversi motivi ho dovuto licenziarmi, inoltre dovevo prendermi cura della mia mamma che era anziana.

Tutti i miei colleghi hanno fatto del loro meglio per farmi rimanere. Una di loro è andata dalla moglie del direttore generale e le ha chiesto di convincermi a restare. Le ha raccontato alcune storie che mi riguardavano. Una si riferiva alla donna che consegna i giornali, che era caduta dalla sua motocicletta, ed io senza esitare ero intervenuta per aiutarla. Un’altra volta, un venditore di pranzo in scatola aveva dimenticato di includere nel servizio un cucchiaio, ci ha chiesto di prenderne uno in prestito. La manager del nostro negozio non voleva prestarglielo, ma l'ho persuasa ad aiutarlo. La collega ha aggiunto che anche se non conoscevo nessuna di quelle persone, ero sempre pronta per aiutare chiunque ne avesse bisogno.

Sono molto grata per la fiducia che i miei colleghi hanno riposto in me. Sono ancora più grata di aver incontrato la Dafa, grazie alla sua guida ho imparato ad essere una brava persona.

Versione cinese