(Minghui.org) Insegno agli studenti dell'ultimo anno in una scuola superiore nella provincia dello Hunan. Negli anni ho chiarito la verità sulla Falun Dafa e sulla persecuzione ai miei studenti e a tutte le persone con cui ho interagito. Sono stato personalmente testimone dell'incredibile potere delle parole: “La Falun Dafa è buona; Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”. Vorrei condividere un paio di esempi.

Studente si riprende da un dolore acuto

Il 7 aprile 2007 ho organizzato nella mia scuola la simulazione di un esame di ammissione all'università. Insegnavo alla mia classe da un semestre e mezzo. Tramite me tutti i miei studenti hanno appreso la verità sulla persecuzione della Falun Dafa e hanno lasciato i Giovani Pionieri e la Lega della Gioventù Comunista. Sapevano che ci tenevo davvero a loro e si fidavano di me.

Durante l'esame ho notato uno studente mettersi improvvisamente le mani sullo stomaco e chinarsi, appoggiando la testa sul banco. Mi sono precipitato da lui e gli ho chiesto cosa si sentisse. Ha detto di avere un mal di stomaco terribile. Aveva la faccia quasi blu e sembrava in agonia.

Ho chiesto con calma: “Ti fidi di me?”, lui ha annuito. Ho preso un pezzo di carta e ho scritto: “Ripeti nella tua mente 'la Falun Dafa è buona; Verità, Compassione e Tolleranza sono buone'”. Lui ha annuito di nuovo.

Sono tornato alla cattedra ma ho tenuto gli occhi puntati su di lui. Nel giro di un minuto il colore del suo viso è tornato alla normalità.

L'ho avvicinato di nuovo e gli ho chiesto: “Vuoi essere visitato da un dottore?”, lui ha scosso la testa e sorridendo ha sussurrato: “Sto bene, professore! Sono sorpreso che sia passato!”. Non era un buon momento per dargli spiegazioni, quindi gli ho semplicemente detto di ricordare quelle parole e come lo avevano aiutato.

Riflettendo su come avevo chiarito la verità ai miei studenti, mi sono reso conto che non mi ero decisamente preoccupato di dire loro di ricordare di recitare la frase: “La Falun Dafa è buona; Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”. Dal giorno di quell'incidente ho parlato ai miei studenti delle numerose persone che sentono di essere state benedette dopo aver detto quelle parole. Dopo aver chiarito loro la verità e averli aiutati a lasciare le organizzazioni del Partito Comunista Cinese (PCC), chiedo loro di ricordare quella frase.

Una volta ho detto loro di ripetere le parole sommessamente, ma hanno gridato: “La Falun Dafa è buona! Verità, Compassione e Tolleranza sono buone!”. Probabilmente nell'edificio hanno sentito tutti, ma non ero preoccupato perché l'intera scuola sapeva che ero un praticante. È capitato persino che quando incontravo degli studenti a cui non le avevo insegnate, mi salutavano dicendo: “La Falun Dafa è buona!”. Negli ultimi dieci anni questo è successo molte volte nel campus.

La sofferenza di mio fratello si è alleviata

Mio fratello maggiore, anche lui insegnante di scuola, si è dimesso da tutte le organizzazioni comuniste alle quali aveva aderito. Tuttavia dopo che sono stato arrestato due volte dalle autorità, ha iniziato ad avere incomprensioni sulla Dafa. Nel 2015 gli è stato diagnosticato un cancro ai polmoni. Ho cercato di convincerlo a leggere gli opuscoli di chiarimento della verità e recitare: “La Falun Dafa è buona; Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”, ma lui ha rifiutato.

Nel marzo 2017 era sull'orlo della morte. Sua figlia mi ha telefonato per venire a vederlo per l'ultima volta. Ho visto ondate di intenso dolore riversarsi su di lui; era pallido come un foglio di carta e non riusciva a parlare.

Mi sono reso conto che le lacune nella mia coltivazione dovevano averlo indotto a fraintendere la Dafa. Gli ho chiesto di scusarsi per i commenti negativi che aveva fatto sulla Dafa e di chiedere al Maestro Li di dargli una buona vita nell'aldilà. Quel testardo di mio fratello finalmente ha annuito. Gli ho chiesto allora di ripetere silenziosamente: “La Falun Dafa è buona; Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”, e lui ha annuito di nuovo.

Nel giro di un minuto ha ripreso un bel colorito ed è sembrato non soffrire più. Mia cognata ha assistito al potere di queste parole. Due ore dopo è morto con l'anima in pace.

Versione cinese