(Minghui.org) Il 26 agosto scorso, un uomo residente nella contea del Nong'an, è deceduto un mese e mezzo dopo essere stato arrestato insieme alla moglie durante una retata della polizia. La coppia è stata catturata perché pratica il Falun Gong e al momento della scrittura dell’articolo la donna si trova ancora in carcere.

Il Falun Gong, noto anche come Falun Dafa, è un'antica pratica spirituale e di meditazione perseguitata dal regime comunista cinese dal 1999.

Jiang Quande

Il 15 luglio Jiang Quande e sua moglie, Sun Xiuying, sono stati arrestati, e nonostante l’uomo fosse malato ed emaciato, è stato comunque preso in custodia.

Rilasciato dopo due settimane, la sua salute si è aggravata, costringendolo a stare sotto costante somministrazione di flebo. Per impedire alla moglie di prendersi cura di lui, la polizia si è rifiutata di rilasciarla.

Il 26 agosto il praticante di sessantasei anni è morto e quattro giorni dopo il Procuratore della Contea di Nong'an ha approvato l'arresto di Sun.

Precedente persecuzione

Jiang lavorava all'ufficio di stoccaggio del grano. Dipendente dal fumo e dall’alcol dopo aver iniziato a praticare il Falun Gong nel 1997 ha abbandonato le sue cattive abitudini ed è diventato più premuroso. Anche il suo problema cardiaco e una malattia della pelle sono scomparsi.

Nel 1999 dopo che il regime comunista ha ordinato la persecuzione del Falun Gong, è stato tenuto in un campo di lavoro forzato per un anno e mezzo e poi condannato a undici anni di prigione. Inoltre è stato sottoposto a forme raccapriccianti di tortura rimanendo invalido al braccio destro.

Campo di lavoro forzato

Jiang è stato arrestato per la prima volta nel settembre 1999 e detenuto per sessanta giorni. Le guardie lo hanno fatto sedere su un piccolo sgabello per diverse ore senza muoversi e quando gli hanno permesso di alzarsi, è stato costretto ai lavori forzati, come trasportare sacchi di fagioli pesanti più di 90 chili.

All'inizio del 2000, non molto tempo dopo dal suo rilascio, è stato arrestato di nuovo e trattenuto per trenta giorni.

Nel mese di febbraio si è recato a Pechino per appellarsi al diritto di praticare il Falun Gong ma è stato nuovamente arrestato. Dopo tre settimane di detenzione l’hanno sottoposto a un anno di lavori forzati, poi prolungato di altri sei mesi perché si è rifiutato di rinunciare alla sua fede.

Il 28 aprile 2001, durante una riunione dei detenuti del campo di lavoro, ha impedito a una guardia di diffamare il Falun Gong ed è stato picchiato selvaggiamente e tenuto in isolamento per un mese.

Nel mese di luglio, le guardie lo hanno costretto assieme ad altri venti praticanti che non hanno rinunciato alla loro fede, a sedersi su una tavola di legno con le gambe incrociate per un’intera notte senza dormire. C’era cosi poco spazio che le loro gambe stavano una sopra l'altra. Erano controllati a vista da una guardia e picchiati al piccolo movimento. La stanza non aveva finestre ed era molto umida, tutti i praticanti sudavano e avevano difficoltà a respirare, la guardia chiamava questa tortura "panini fumanti".

Condannato a undici anni

L'8 novembre 2002, circa un anno dopo il suo rilascio, è stato nuovamente arrestato per aver realizzato materiale informativo sul Falun Gong. La polizia lo ha fatto sedere su una panchina con le gambe legate e con un sacchetto di plastica sulla testa gli hanno trafitto le dita e i capezzoli con bastoncini di bambù affilati.

Gli hanno anche ammanettato le mani dietro la schiena e tirato sopra la testa per più di dieci volte. Gli sono stati stretti così forte i polsi da rompergli il braccio destro, divenendo invalido.

Il 17 gennaio 2004 Jiang è stato condannato a undici anni e spedito nel carcere dello Shiling che a causa della sua resistenza è stato rinchiuso in isolamento per due mesi. Dopo le ripetute percosse gli sono caduti la maggior parte dei denti , le guardie lo hanno anche costretto a sdraiarsi in un letto con i suoi quattro arti legati agli angoli.

Il 4 novembre 2005 è stato trasferito nel carcere di Gongzhuling dove è stato di nuovo messo in isolamento e legato su un letto. Le guardie si sono rifiutate di slegarlo anche quando avrebbe dovuto liberarsi, gli hanno tolto i vestiti e lo hanno picchiato con bastoni elettrici provocandogli una grossa vescica sulla testa e quando gli hanno inferto la scossa all'ombelico è stata così forte che si è messo in posizione eretta.

L'11 novembre 2013 dopo undici anni infernali di prigionia, Jiang finalmente è tornato a casa.

Altri due arresti

Il 3 settembre 2015, è stato arrestato dopo una denuncia per aver parlato con delle persone sull’autobus del Falun Gong. È stato multato di 1.000 yuan (circa 120 euro) e trattenuto per quindici giorni.

Il 25 gennaio 2016, solo pochi mesi dopo, lui e la moglie sono stati arrestati insieme.

Articoli Correlati:

Fourteen Falun Gong Practitioners Targeted in Group Arrests in Jilin Province Remain in Custody

Snapshot of Falun Gong Practitioners Whose Copies of Lawsuits Against Jiang Zemin Were Received by Minghui on August 8, 2015

Mr. Jiang Quande Barely Escapes Arrest After Being Incarcerated and Tortured for 11 Years

Urgent Rescue Needed for Practitioner Jiang Quande from Changchun City

Falun Dafa Practitioner Jiang Quande from Nongan County, Jilin Province Had One of His Arms Broken by the Police and Was Sentenced to Eleven Years

Versione cinese