(Minghui.org) Un ex ingegnere di quarantotto anni, è stato costretto a trascorrere gli ultimi vent’anni della sua vita dietro le sbarre e in fuga per aver sostenuto la sua fede nel Falun Gong.

Wang Fengqiang, ha subito continue vessazioni come arresti, detenzioni, saccheggi domestici e torture. È stato privato di tutti i suoi diritti compreso quello di lavorare, crescere una famiglia e di occuparsi della figlia. La moglie ha divorziato a causa della pressione subita per la persecuzione. Dopo decenni di persecuzioni e grande disagio mentale il praticante è morto il 31 ottobre 2020.

Wang Fengqiang in una foto non datata

Una carriera in ascesa prima della persecuzione

Il signor Wang, è nato l'8 ottobre 1973, in un villaggio della città di Jinling città di Zhaoyuan, provincia dello Shandong. Era il figlio più giovane dei suoi genitori che avevano anche altri due figli e due figlie.

Nel 1993, Wang, è stato ammesso alla Shandong Industry University dove si è laureato in ingegneria elettrica. Ogni anno gli è stato assegnato il premio delle "Tre eccellenze", un premio per gli studenti che eccellono nel mondo accademico, nell'educazione fisica e nella condotta morale.

A causa dello studio intenso soffriva di emicrania, problemi al fegato e al cuore. Nel marzo 1996, è stato introdotto al Falun Gong, un'antica pratica per il benessere della mente e del corpo, nota anche come Falun Dafa. Poco dopo, i suoi sintomi sono scomparsi ed era di nuovo pieno di energia, laureandosi l’anno seguente come uno dei migliori studenti della sua classe.

Essendo una delle pochissime persone della sua città natale a frequentare il college e a finire con prestazioni accademiche di alto livello, i suoi genitori erano molto orgogliosi di lui.

Dopo la laurea ha superato l'esame per diventare funzionario pubblico, una posizione considerata una "ciotola di riso di ferro" in Cina o un "lavoro a vita" in Occidente. Ha ottenuto un lavoro nella prima prigione della città di Jinan, come ruolo amministrativo per aiutare a gestire la prigione e lavorare anche in una centrale elettrica incaricata di progettare i generatori della prigione.

Nel tempo libero ha aiutato a tradurre le specifiche tecniche e i manuali delle tecnologie e dei generatori importati. Molti dei suoi colleghi lo descrivevano come un giovane laborioso, umile, facile da gestire e altruista.

Arresti, torture e lavoro forzato

All’età di ventisei anni, la vita di Wang ha preso una brusca svolta quando il Partito comunista cinese ha improvvisamente ordinato la persecuzione del Falun Gong nel 1999.

Il suo supervisore gli parlava costantemente di rinunciare al suo credo ma poiché si è sempre rifiutato, le autorità lo hanno trattenuto in custodia e lo hanno mandato in un centro per il lavaggio del cervello e inflitto un'enorme multa. Ciò nonostante è rimasto fermo nella sua fede e il suo supervisore lo ha licenziato.

Nel 2001, è stato arrestato e trattenuto in un centro per il lavaggio del cervello. Dopo il suo rilascio, nel dicembre 2001, è stato ospitato da un praticante poiché all'epoca non aveva una casa a Jinan. La polizia lo ha arrestato nuovamente e durante l’arresto un agente lo ha picchiato con un sacco e lo ha sbattuto al suolo, un altro gli ha calpestato la schiena causandogli dolori che in seguito gli hanno portato difficoltà a urinare per molto tempo.

La polizia non ha informato la sua famiglia del suo arresto e alcuni giorni dopo è stato condannato a trentasette giorni presso il centro di detenzione di Jinan. Dopo aver perso i contatti con lui, l'anziana madre con il secondo cognato, hanno viaggiato per oltre 200 miglia (circa 300 chilometri) da Zhaoyuan a Jinan per cercarlo.

Nel centro di detenzione il praticante è stato picchiato ripetutamente dai detenuti, era sotto un enorme stress fisico e mentale e le sue condizioni di vita erano misere.

Il 5 febbraio 2002, è stato imprigionato per tre anni al campo di lavoro forzato di Liuchangshan, dove è stato sottoposto al lavaggio del cervello oltre ad essere costretto a confezionare bacchette, piegare stampe e a fare lavori manuali.

Nell'ottobre dello stesso anno, mentre era ancora nel campo di lavoro, sua suocera Jia Xiufen, è stata arrestata per aver praticato il Falun Gong. In seguito è fuggita e si è data alla clandestinità con la conseguenza che la polizia l’ha inserita sulla lista dei ricercati.

Dopo essere stato rilasciato, grazie ad una raccomandazione da parte del suo ex collega di lavoro dalla Prima Prigione della provincia dello Shandong è stato riassunto come appaltatore nella produzione e vendita di televisori.

Il 22 febbraio 2005, la polizia ha arrestato sua moglie, Jia Yun, e sua suocera. Jia, che all’epoca stava ancora allattando la figlia, è stata rilasciata, mentre la suocera Jia Xiufen è stata mandata in un centro locale per il lavaggio del cervello dove ha subito ulteriori persecuzioni. Dopo che suo marito non ha potuto farle visita, era profondamente angosciato ed è morto poco dopo.

Il 23 agosto 2006, Wang è stato arrestato di nuovo dopo essere stato trovato da un addetto alla sicurezza a distribuire materiale informativo sul Falun Gong in una piazza. La sera è stato portato in un centro per il lavaggio del cervello dove ha contratto la tubercolosi.

La polizia lo ha mandato in ospedale per le cure mediche ma ha anche ordinato agli agenti di sorvegliarlo 24 ore su 24.

Per protestare contro la persecuzione in ospedale, Wang ha tenuto uno sciopero della fame. Zhang Wenyuan, il capo dell'ufficio 610 locale, un'agenzia extralegale creata appositamente per perseguitare il Falun Gong, gli ha dato tre schiaffi in faccia facendogli sanguinare la bocca e rompendogli gli occhiali. Zhang lo ha quasi colpito con un piccolo sgabello ma si è fermato perché altri pazienti e le loro famiglie lo stavano guardando. Zhang lo ha così minacciato: «Non m'importa se ora sta facendo lo sciopero della fame, vediamo come ti raddrizzo quando più tardi perderai tutte le forze».

Il 30 agosto, durante un esame fisico, Wang è fuggito e si è nascosto, all'epoca sua figlia aveva solo due anni.

Un decennio di maltrattamenti

Non avendo possibilità di ricevere cure mediche, Wang continuava a tossire e a volte tossiva sangue, e la sua debole condizione fisica e la persecuzione gli hanno impedito di trovare un lavoro per mantenere sé stesso e la sua famiglia.

Incapace di sopportare la persecuzione la moglie ha divorziato da lui.

Il praticante, è tornato poi a Zhaoyuan e si è nascosto in un posto vicino a casa dei suoi genitori, ma la sua tubercolosi e la tosse continuavano a peggiorare e tossiva sangue ogni giorno, faceva molta fatica a respirare ed era emaciato, la sua vita era appesa a un filo.

L’8 ottobre 2012, un gruppo di agenti di polizia si è recato a casa dei genitori a Zhaoyuan, e con l’inganno hanno fatto rivelare al padre dove si trovava il figlio, così la polizia lo ha trovato e arrestato. Hanno anche fatto irruzione nella sua abitazione e confiscato molti dei suoi oggetti personali tra cui computer portatili, stampanti e molte altre forniture d'ufficio che ha usato per produrre materiale informativo sul Falun Gong. Sua madre che era con lui quando è arrivata la polizia, ha avuto un infarto ed è svenuta.

Gli agenti lo hanno portato alla stazione di polizia della città di Jinling ma è riuscito a scappare verso mezzogiorno ed è tornato a nascondersi.

Nella primavera del 2015, la polizia ha saccheggiato la casa dei suoi genitori per cercarlo, e non riuscendo a trovarlo hanno perquisito le case dei vicini per cercare indizi.

Tra la fine del 2019, e l'inizio del 2020, entrambi i suoi genitori sono morti. Negli ultimi anni, suo padre ha avuto un ictus ed è stato costretto a letto e sua madre ha sviluppato il morbo di Alzheimer.

Qualche mese dopo anche Wang ha ceduto allo sfinimento fisico ed è morto alla fine dell’ottobre 2020.

Alcuni dei suoi amici hanno detto che non potevano immaginare quanta sofferenza avesse sofferto in quegli anni. Il posto in cui soggiornava non aveva il riscaldamento e aveva poco cibo soffrendo così di una grave malnutrizione.

Articolo Correlato in cinese:

山东法轮功学员王风强在迫害中离世

Versione cinese