(Minghui.org) I praticanti del Falun Gong in trentotto Paesi hanno recentemente presentato ai rispettivi governi un elenco di circa 9.300 agenti dell'Ufficio 610 a tutti i livelli in Cina. I praticanti richiedono che i loro governi sanzionino gli autori di violazioni dei diritti umani, così come i loro familiari, impedendo loro l'ingresso e congelando i loro beni.

All'inizio dello scorso mese di dicembre, i praticanti avevano già presentato un elenco abbreviato ai governi di 29 Paesi che richiedevano sanzioni. Questa volta ne sono stati aggiunti altri nove. I trentotto Paesi ne includono cinque dell'alleanza “I Cinque Occhi”, venticinque Paesi dell'Unione Europea (UE) ed otto di altre regioni. Più specificamente, I Cinque Occhi includono: Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda. I venticinque Paesi dell'UE sono: Germania, Francia, Italia, Spagna, Paesi Bassi, Polonia, Belgio, Svezia, Austria, Irlanda, Danimarca, Finlandia, Repubblica Ceca, Romania, Portogallo, Grecia, Ungheria, Slovacchia, Lussemburgo, Bulgaria, Croazia, Slovenia, Lettonia, Cipro e Malta. Gli otto Paesi aggiuntivi sono: Giappone, Corea del Sud, Svizzera, Norvegia, Liechtenstein, Israele, Argentina e Messico.

L'Ufficio 610 è stato istituito il 10 giugno 1999, per ordine dell'ex leader del Partito Comunista Cinese (PCC) Jiang Zemin che ha lanciato la persecuzione nazionale contro il Falun Gong. Lavorando a stretto contatto con il Comitato per gli Affari Politici e Legali (PLAC) a tutti i livelli, l'agenzia è un'entità extralegale che mobilita tutti i rami dell'apparato statale per reprimere il Falun Gong e include: la polizia, la procura, i tribunali, l’esercito, la polizia armata, l'intelligence, gli affari esteri, l'istruzione, i media, l'assistenza sanitaria ed altri. Soprattutto dopo che Jiang ha emesso l'ordine di "diffamare la reputazione dei praticanti, mandarli in bancarotta finanziariamente e distruggerli fisicamente", il sistema dell'Ufficio 610 ha pianificato, implementato ed esortato quasi tutte le altre agenzie ed organizzazioni a partecipare alla persecuzione.

Oltre all'Ufficio 610 a livello centrale, l'agenzia ha anche filiali in quasi tutte le città, contee, paesi e villaggi in Cina. Esistono anche nelle imprese statali e nelle grandi società. Negli ultimi ventun anni dall'inizio della persecuzione nel 1999, oltre 4000 praticanti del Falun Gong hanno perso la vita a causa della repressione. Un numero maggiore di praticanti è stato arrestato, detenuto, imprigionato e torturato, inoltre molti praticanti hanno subito abusi psichiatrici e sessuali ed alcuni sono addirittura diventati vittime del prelievo forzato di organi.

Numerosi praticanti hanno perso la loro libertà fisica, sono stati feriti o divenuti disabili ed hanno sofferto di indicibili angosce mentali. Anche i loro familiari hanno sofferto tremendamente, affrontando discriminazioni a scuola, al lavoro e nella società. Molti praticanti hanno anche visto le loro famiglie distrutte a causa della persecuzione. L'Ufficio 610 è in gran parte responsabile di queste tragedie.

Ci sono circa 9.300 persone nell'ultimo elenco di nomi, che vanno dal governo centrale agli agenti di filiale a livello di provincia e città. Includono anche membri del personale dell'Ufficio 610 nelle scuole e in altre organizzazioni.

I funzionari del governo a livello centrale includono: Jiang Zemin, Zeng Qinghong, Li Lanqing, Luo Gan, Ding Guangen, Jia Chunwang, Liu Jing, Jia Qinglin, Wu Guanzheng, Liu Yunshan, Meng Jianzhu ed altri.

I funzionari del governo a livello di provincia includono: Du Libin (Pechino), Ye Luhua (Shanghai), Teng Jinran (Tianjin), Chen Ming (Chongqing), Zhang Zhongyu (Liaoning), Li Guanghui (Jilin), Guo Yan (Heilongjiang), Wang Lishan (Hebei), Lin Xiuting (Shandong), Jia Yuecheng (Sichuan), Zhnag Shengqin (Guangdong), Jin Xiubin (Hubei), Chen Shulin (Hunan), Wu Xincheng (Shaanxi) ed altri.I funzionari dei governi a livello cittadino includono: Zhang Changshun (Shenyang, provincia del Liaoning), Chen Fuchun (Jilin nella provincia dello Jilin), Xu Yujun (Weifang nella provincia dello Shandong), Li Kunxue (Chengdu nella provincia del Sichuan), Zhang Zhanjiang (Tangshan nell'Hebei Provincia), Li Xiaosheng (Guangzhou nella provincia del Guangdong), Tao Delin (Wuhan nella provincia dell'Hubei) e Xi Junming (Baoji nella provincia dello Shaanxi).

Funzionari a livello di città e contea: Zhao Jian (contea di Linquan, provincia dell’Anhui), Lin Xiaoxian (contea di Xiapu, provincia del Fujian), Zhao Rongsen (contea di Daxin, provincia del Guangxi), Zhao Qingguo (contea di Ji, città di Tianjin), Zhou Ke (Contea di Tongnan, città di Chongqing), Yang Qingshan (città di Niujing, provincia dello Yunnan) e Yang Xiaofeng (città di Chaoyanggou, provincia dell’Heilongjiang).

Funzionari nelle regioni remote: Zhu Dezhong (città di Bijie, provincia del Guizhou), Chen Peifen (città di Chuxiong, provincia dello Yunnan), Sun Zonggui (città di Haidong, provincia del Qinghai), Meng Youzhu (città di Jinchang, provincia del Gansu) e Li Derong (Guyuan Città, provincia di Ningxia).

Funzionari delle minoranze etniche: Wang Jihong (città di Aksu, provincia dello Xinjiang), Ciren Duoji (città di Lhasa, Tibet) e Liang Junfeng (città di Bayannur, Mongolia interna).

Coprendo tutte le aree della Cina a vari livelli, questi funzionari hanno formato una gigantesca rete ed hanno diretto la grave persecuzione negli ultimi ventun anni, ma i loro crimini non rimarranno inosservati. Dopo che il Global Magnitsky Act è stato approvato negli Stati Uniti nel 2016, circa ventisette Paesi, incluso il Canada e molti nell'UE, hanno adottato o pianificato di attuare una legislazione simile per ritenere questi violatori dei diritti umani responsabili a livello globale.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione non commerciale è consentita, ma richiede l'attribuzione del titolo dell'articolo e un collegamento all'articolo originale.


Versione cinese