(Minghui.org) Lo scorso 28 marzo, i passanti nella piazza del municipio di Parigi, hanno mostrato il loro sostegno verso i praticanti del Falun Gong, hanno firmato una petizione per chiedere che al regime comunista cinese la fine della persecuzione del Falun Gong che dura da ventun anni.

I praticanti in Cina vengono arrestati e torturati dal 1999, per praticare il Falun Gong e rispettare i principi di Verità, Compassione e Tolleranza.

A Parigi, nel pomeriggio hanno allestito un tavolo con i manifesti ed informato sulla persecuzione in Cina. L’esecuzione degli esercizi, con i movimenti delicati e la musica rilassante, ha attirato l'attenzione di molti passanti. Una donna francese ha detto che il regime comunista cinese è destinato a soccombere presto, perché perseguita le persone di fede.

Parigi 28 marzo, gli esercizi nella piazza del municipio

Manifesti nella piazza del municipio

Firma della petizione per porre fine alla persecuzione e sostegno agli sforzi dei praticanti

Linda è cristiana e lavora nel dipartimento giudiziario. «Non c'è fumo senza fuoco. Le persone non raccontano avvenimenti che non accadono, quindi credo che la persecuzione è una triste realtà. La politica del regime cinese sopprime il proprio popolo per assicurarsi il potere e il suo controllo. La nazione è sofferente quando i suoi abitanti denunciano l’oppressione e chiedono aiuto all'estero», ha affermato.

«Sono contro la persecuzione, nessun governo opprime il suo popolo come fa il regime comunista. Gli uomini uccidono sui campi di battaglia perché devono combattere le guerre, ma è da criminali uccidere i propri connazionali. Alla fine sarà punito da Dio a causa della retribuzione karmica. La persecuzione non durerà a lungo perché i giusti vinceranno, questo è certo… Il bene vincerà sempre! Chiunque vada contro i principi umanitari dovrà assumersi tutte le responsabilità e questo regime è destinato a fallire e tutto finirà», ha concluso.

Jean Pierre, è un pensionato appassionato della cultura e della lingua cinese. Ha detto che la persecuzione del Falun Gong è un atto vergognoso. «La sanguinosa repressione omicida ha ferito il cuore del popolo cinese. La nazione ha sofferto delle tribolazioni enormi, paragonabili agli episodi russi, quando i dissidenti furono massacrati da Stalin. Il Partito Comunista Cinese è una dittatura ed il governo vieta di esprimersi liberamente, se le disposizioni vengono disattese le pene inflitte sono terribili, più di ottanta milioni di cinesi sono stati perseguitati sino alla morte e questo non è solo un numero indicativo… Stiamo parlando di vite umane!», ha evidenziato. Prima di salutare ha elogiato e mostrato rispetto verso i praticanti per il loro coraggio.

Nelson è originario della Colombia e lavora a Parigi. Era felice di osservare i praticanti lavorare per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla persecuzione. Ha sottolineato: «Il Comunismo ha ucciso due milioni di persone in Russia e ottanta milioni in Cina. Se aggiungiamo i morti cubani e della Corea del Nord, questa nefasta ideologia ha eliminato esseri umani più di Hitler ed ha creato la storia più sanguinosa di sempre. Non è necessario aggiungere altro…. I numeri non mentono!»

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione non commerciale è consentita ma richiede l'attribuzione del titolo dell'articolo e un collegamento all'articolo originale.

Versione cinese