(Minghui.org) Il 12 maggio 2021 il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha annunciato sanzioni contro un funzionario del Partito Comunista Cinese per la sua partecipazione alla persecuzione dei praticanti del Falun Gong.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken parla in una conferenza stampa tenutasi il 12 maggio 2021

In una conferenza stampa sul rilascio del Rapporto sulla libertà religiosa internazionale del 2020, tenutasi il 12 maggio 2021, il segretario di Stato americano Antony J. Blinken ha affermato che secondo l'articolo 7031 (c) del Foreign Operations, and Related Programs Appropriations Act 2021 del Dipartimento di Stato, il governo degli Stati Uniti ha deciso di sanzionare Yu Hui, ex direttore del Central Leading Group on Preventing and Dealing with Heretical Religions (Gruppo dirigente centrale sulla prevenzione e il trattamento delle religioni eretiche) nella città di Chengdu, provincia del Sichuan.

Blinken ha osservato che la designazione di Yu è stata il risultato delle sue “gravi violazioni dei diritti umani, vale a dire la detenzione arbitraria dei praticanti del Falun Gong per le loro convinzioni spirituali”. Sia a Yu che ai suoi parenti stretti verrà negato l'ingresso negli Stati Uniti.

Blinken ha dichiarato: “Continueremo a prendere in considerazione tutti gli strumenti appropriati per promuovere la responsabilità nei confronti degli autori di violazioni e abusi dei diritti umani in Cina e altrove”.

Il Central Leading Group on Preventing and Dealing with Heretical Religions, comunemente noto come Ufficio 610, è un'agenzia extralegale creata appositamente per perseguitare il Falun Gong, un'antica disciplina spirituale. L'Ufficio 610 ha preso il nome dalla sua data di istituzione, il 10 giugno 1999, circa un mese e mezzo prima che il regime comunista lanciasse ufficialmente la persecuzione del Falun Gong.

All'inizio del 2021 i praticanti del Falun Gong di 38 Paesi hanno presentato una lista ai rispettivi governi contenente i nomi di circa 9.300 funzionari a tutti i livelli dell'Ufficio 610. I praticanti hanno esortato i loro governi a vietare agli autori delle violazioni e alle loro famiglie di entrare nel Paese e a congelare i loro beni. Yu Hui, l'ex direttore dell'Ufficio 610 di Chengdu, è sulla lista data al governo degli Stati Uniti.

Durante il mandato di Yu come direttore dell'Ufficio 610, i praticanti del Falun Gong di Chengdu sono stati duramente perseguitati. Nel novembre 2001 la signora Zha Sang, una praticante tibetana, è stata arrestata dagli agenti della stazione di polizia di Jiangxi Street nella sua residenza a Chengdu. È stata rinchiusa nel centro di detenzione di Xipu e successivamente condannata a tre anni di reclusione. Poiché durante la prigionia le è stato privato del diritto di fare gli esercizi del Falun Gong, ha accusato un peggioramento della salute e la ricaduta della malattia che l'aveva afflitta in precedenza. Successivamente è stata rilasciata per motivi medici e nell'ottobre 2002 è morta all'età di 56 anni nella sua casa di Lhasa, Tibet.

Le sanzioni contro Yu fanno parte di una serie di azioni che gli Stati Uniti stanno intraprendendo per ritenere il Partito Comunista Cinese responsabile delle sue violazioni dei diritti umani. Il 10 dicembre 2020, Giornata internazionale dei diritti umani, il Dipartimento di Stato americano ha designato come violatori dei diritti umani 17 tra funzionari di governi stranieri e loro familiari diretti. Uno dei funzionari è Huang Yuanxiong, capo dell'Ufficio di pubblica sicurezza di Xiamen della stazione di polizia di Wucun, provincia del Fujian, che è stato sanzionato per le sue “gravi violazioni dei diritti umani” ai danni dei praticanti del Falun Gong. Adesso sia a Huang che alla sua coniuge sono stati negati i visti per entrare negli Stati Uniti.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale

Versione cinese