(Minghui.org) Il 16 novembre dello scorso anno una donna di Huaihua, nella provincia dell’Hunan, è stata condannata a tre anni per la sua fede nel Falun Gong, una pratica per il benessere della mente e del corpo perseguitata dal regime comunista cinese dal 1999.

La signora in questione si chiama Nie Tiemei, ha cinquant’anni ed è una pensionata che lavorava nell'Ufficio per l'energia della città di Huaihua. È stata arrestata il 14 settembre 2020, dopo essere stata denunciata per aver parlato alla gente del Falun Gong. Altre due praticanti, la signora He Xiuyun e la signora Zhou Mangao, sono state arrestate con lei.

Tutte e tre sono state condotte alla stazione di polizia di Tuanjie. Le abitazioni di Nie e He sono state perquisite e secondo la famiglia di Nie, la polizia non ha mostrato alcun documento d'identità o mandato di perquisizione prima del raid, durante il quale gli agenti hanno requisito il suo laptop e due stampanti.

Mentre Zhou è stata rilasciata intorno a mezzanotte per un problema di salute, le altre due donne sono state trattenute in custodia per tre mesi. Nie è stata rilasciata su cauzione il 1° dicembre e He è stata rilasciata su cauzione il 18 dicembre. Entrambe sono state poste sotto sorveglianza residenziale.

La polizia ha presentato il caso di Nie alla Procura del distretto di Hechengil 31 maggio dello scorso anno, che ha esteso la sua sorveglianza residenziale originaria di sei mesi, fino al 30 novembre.

Quando Nie ha rifiutato di firmare i documenti di sorveglianza residenziale, Li Manqun della procura del distretto di Hecheng le ha detto: "Alcuni praticanti del Falun Gong si sono rifiutati di firmare i documenti, ma sono stati comunque condannati al carcere".

Il 16 giugno la procura del distretto di Hecheng ha deferito il caso della praticante a quella della contea di Zhijiang, che l'ha incriminata un mese dopo, il 16 luglio. I giudici Jiang Xingliang, Zhang Jun e Zhu Xiaomei sono stati incaricati di occuparsi del suo caso.

Nie è stata informata il 22 luglio che sarebbe dovuta comparire il 4 agosto. In ogni caso, il tribunale ha impedito alla sua famiglia di partecipare alla sessione, citando la pandemia come scusa. Il suo avvocato ha presentato una dichiarazione di non colpevolezza per lei e la donna ha testimoniato in propria difesa, tornando a casa dopo l'udienza.

Diversi agenti hanno fatto irruzione nell’abitazione di Nie il 14 ottobre e l'hanno portata al centro di detenzione di Huaihua. Il giorno successivo altri ufficiali hanno perquisito la sua casa e le hanno confiscato il nuovo laptop, la stampante e diversi opuscoli sul Falun Gong.

Il 16 novembre, presso il centro di detenzione, il tribunale ha condannato Nie a tre anni di carcere.

Informazioni di contatto dei perpetratori:

Lu Tao (鲁涛), capo dell'ufficio di sicurezza interna del distretto di Hecheng: +86-15807450033

Peng Jun (彭军), agente, stazione di polizia di Tuanjie: +86-13973072713

Li Manqun (李曼群), procuratore, Procura del distretto di Hecheng: +86-13517455028

Zou Liyuan (邹理源), procuratore, procura della contea di Zhijiang: +86-745-684096

1Jiang Xingliang (江兴亮), presidente del tribunale della contea di Zhijiang: +86-13574586458

(Le informazioni di contatto di altri perpetratori sono disponibili nell'articolo cinese originale.)

Articolo correlato

CCP Propaganda Leads to Another Family Tragedy - Nie Tiemei is Abused by Her Husband's Family

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale.

Versione cinese