(Minghui.org) Il 24 aprile i praticanti del Falun Gong di Filadelfia si sono riuniti a Chinatown per commemorare l’appello pacifico del 25 aprile che ha avuto luogo a Pechino ventitré anni fa. Attraverso discorsi e striscioni, hanno parlato ai passanti della persecuzione in corso in Cina e chiesto loro di aiutare a porre fine a questo crimine il prima possibile.

Manifestazione tenuta nella Chinatown di Filadelfia il 24 aprile, per chiedere di fermare la repressione del Falun Gong in Cina

Colpiti da ciò che hanno visto e sentito, molti pedoni si sono fermati a leggere i materiali, hanno parlato con i praticanti e firmato la petizione per porre fine alla persecuzione. Dopo aver sentito come il Partito Comunista Cinese (PCC) ha danneggiato molti cittadini innocenti nelle passate campagne politiche, 14 cinesi hanno accettato di lasciare le organizzazioni del PCC.

Ex studente di dottorato dell’Università Tsinghua

Kui Huang, ex studente di dottorato alla rinomata Università Tsinghua di Pechino, ha detto: “Il Falun Gong è molto profondo e aiuta molti praticanti come me sia a livello fisico che mentale”.

Dopo aver saputo che decine di praticanti erano state arrestate nella vicina città di Tianjin il 23 aprile 1999, il signor Huang ha deciso di recarsi a Pechino insieme ad altri praticanti ad appellarsi per il loro diritto di praticare. Ha ricordato: “Il 25 aprile 1999 siamo arrivati all’Ufficio degli appelli del Consiglio di Stato situato vicino a Zhongnanhai. C’erano praticanti sia in via Wenjin che in via Fuyou. Ma non abbiamo bloccato il traffico o la pista ciclabile”.

I praticanti erano molto tranquilli e pacifici. Ha detto: “Non avevamo striscioni e non abbiamo gridato alcuno slogan, aspettavamo solo di consegnare i nostri messaggi all’ufficio degli appelli”. Dopo che, tra le 8:00 e le 9:00 di sera, le autorità di Tianjin hanno accettato di rilasciare i praticanti arrestati, i praticanti se ne sono andati.

Il signor Kui Huang ha parlato dell’appello pacifico a Pechino il 25 aprile 1999

Ma solo tre mesi dopo il PCC ha comunque lanciato una campagna nazionale contro il Falun Gong. Il signor Huang è stato anche costretto a interrompere la scuola a causa del suo arresto e detenzione per circa cinque anni. Ha continuato dicendo: “Negli ultimi ventitré anni, i praticanti del Falun Gong hanno sofferto enormemente per il loro credo. Ma invece di sottomettersi alla persecuzione come il PCC aveva sperato, la pratica e i principi di Verità, Compassione e Tolleranza hanno conquistato il cuore di sempre più persone e ora la Falun Dafa è praticata in oltre cento Paesi”.

Medico di medicina cinese: Alla ricerca della libertà di credo

Anche la signora Gong Qinhua, medico di medicina cinese, nel 1999 si era unita all’appello pacifico. Dopo aver saputo da sua madre dell’arresto avvenuto a Tianjin, hanno deciso insieme di andare a Pechino per fare appello per il Falun Gong.

La dottoressa Gong ha detto: “Siamo arrivate molto presto e l’ufficio degli appelli non era ancora aperto. Abbiamo visto anche altre persone che camminavano verso quella direzione e più tardi abbiamo scoperto che erano praticanti”. All’inizio la polizia non ha permesso loro di fermarsi e li ha fatti camminare. “Più tardi, i poliziotti ci hanno portato a camminare in una certa direzione e altri praticanti ci hanno seguito. Alla fine, siamo finiti su Fuyou Street, proprio fuori dall’entrata ovest di Zhongnanhai”.

Il medico di medicina cinese Gong Qinhua

Era una bellissima giornata. Di solito fa un po’ freddo in aprile a Pechino, ma quel giorno era caldo e soleggiato. Ha detto: “C’erano circa 10.000 praticanti e tutti stavano lì molto tranquillamente. Chi era stanco di stare in piedi tornava indietro e si sedeva per una pausa”. C’erano praticanti di tutte le età: alcune madri avevano bambini piccoli, alcuni erano studenti, altri di mezza età e altri anziani.

Ha aggiunto: “Credevamo tutti in Verità, Compassione e Tolleranza, quindi l’ambiente era molto pacifico e gli agenti di polizia presenti non avevano quasi nulla da fare. La sera, dopo aver sentito che i praticanti di Tianjin erano stati rilasciati, ce ne siamo andati tutti tranquillamente e il giorno seguente abbiamo ripreso la nostra normale vita quotidiana: alcuni sono tornati a scuola e altri a lavoro”.

Da quando il PCC ha preso il potere nel 1949, ha messo a tacere con successo gli intellettuali e ha spazzato via la cultura tradizionale cinese attraverso numerose campagne politiche come ad esempio la Rivoluzione Culturale. Dopo il massacro di piazza Tiananmen del 1989, pochi cinesi hanno osato realizzare i propri sogni, la maggior parte ha piuttosto seguito ciecamente la linea del Partito del PCC. La dottoressa Gong ha detto: “Apparentemente i praticanti del Falun Gong facevano appello per i propri diritti ma in realtà chiedevano che ogni cittadino cinese potesse vedere rispettata la libertà fondamentale di credo”.

Il PCC ha preso di mira il Falun Gong e i suoi principi di Verità, Compassione e Tolleranza, che sono in netto contrasto con la sua natura malvagia che incita alle lotte di classe, all’odio e alle menzogne. Ha detto: “Durante gli ultimi ventitré anni i praticanti del Falun Gong hanno sofferto tremendamente e lavorato instancabilmente per denunciare le brutalità subite. Per favore non rifiutate un volantino dei praticanti del Falun Gong perché non lo stanno facendo per loro stessi, ma stanno aiutando tutti a stare lontani dal PCC per un futuro migliore”.

Tredici arresti in una sola famiglia

Il signor Liu Lecun è arrivato negli Stati Uniti dalla Cina quattro mesi fa. Nel corso degli anni diversi suoi familiari sono stati ripetutamente perseguitati a causa della loro fede nel Falun Gong.

Liu Lecun, praticante del Falun Gong

Il signor Liu ha spiegato: “Sono stato arrestato cinque volte e tenuto in un campo di lavoro per tre anni. Mia moglie è stata arrestata nove volte e una di queste ha scontato otto anni di prigione. Anche mia madre è stata arrestata cinque volte e tenuta due volte in un centro per il lavaggio del cervello. Una volta, quando io, mia madre e mia moglie eravamo tutti detenuti, mia figlia di quattro anni è stata lasciata incustodita e anche lei è finita nel centro per il lavaggio del cervello”.

Mentre la famiglia non era in custodia, ci sono stati frequenti saccheggi e molestie da parte della polizia. Infatti, il terzo giorno dopo che il signor Liu è fuggito dalla Cina, la polizia locale aveva pianificato di arrestarlo di nuovo mentre tratteneva già sua madre.

Quello che la sua famiglia ha vissuto è solo uno degli innumerevoli esempi di ciò che i praticanti hanno subito in Cina a causa della loro fede. Oltre a detenzione e tortura, alcuni di essi sono stati anche sottoposti ad abusi psichiatrici. Ha detto: “Speriamo che più persone sentano parlare della verità e aiutino a porre fine a queste tragedie”.

Impegno ad essere buoni

Jingduan Yang, medico e presidente dell’Associazione Falun Dafa di Filadelfia

L’appello pacifico dell’aprile 1999 era una testimonianza dell’impegno dei praticanti del Falun Gong nel loro credo in Verità, Compassione e Tolleranza, ha detto Jingduan Yang, medico e presidente dell’Associazione Falun Dafa di Filadelfia.

“Sapevano che ci sarebbero stati dei rischi, ma hanno scelto di farsi avanti e raccontare al governo la vera storia. A causa della loro fede e perseveranza nella verità, hanno messo da parte paura e interessi materiali e hanno continuato. I praticanti sono andati volontariamente e pacificamente all’ufficio degli appelli, e se ne sono andati tranquillamente senza lasciare rifiuti. Tutto ciò dimostrava che avevano a cuore i principi di Verità, Compassione e Tolleranza e che agivano in base ad essi. Purtroppo, il regime totalitario del PCC non poteva tollerarlo e ha deciso di perseguitare queste persone innocenti”.

Il dottor Yang spera anche che la gente possa aprire la propria mente e non rifiutare il materiale del Falun Gong. Infine ha aggiunto: “All’interno della Cina, una singola copia di materiali della Dafa o una singola telefonata potrebbero mettere in pericolo la vita di un praticante. Ma loro continuano comunque a sensibilizzare sulla persecuzione perché sanno che la nostra società ha bisogno di persone buone”.

Il sostegno dei passanti

Molti pedoni si sono fermati a leggere i materiali e a firmare le petizioni per aiutare i praticanti del Falun Gong.

La studentessa Hannah Kolzer dell’Haverford College

Hannah Kolzer, studentessa dell’Haverford College, ha detto di aver visto quello stesso giorno l’attività dei praticanti del Falun Gong al parco Independence Hall e ha dichiarato: “La persecuzione del PCC nei confronti del Falun Gong, specialmente il prelievo forzato di organi, è una grave violazione dei diritti umani. Il comunismo ha causato molti danni e l’ideologia è terribile”.

Maines Jonathan, studente dell’università La Salle

Maines Jonathan, studente all’università La Salle, ha firmato una petizione per aiutare a fermare la persecuzione. Ha detto: “Conosco bene il PCC e il crimine del prelievo forzato di organi è assolutamente inaccettabile, in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, specialmente nella nostra società”.

I pedoni hanno firmato petizioni per sostenere i praticanti del Falun Gong

Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano i punti di vista o le comprensioni dell’autore. Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese