(Minghui.org) Nelle ultime settimane, forti piogge hanno colpito molte parti del mondo. In Iran, le piogge hanno causato inondazioni in 60 città, 140 comuni e più di 500 villaggi. Almeno 80 persone sono rimaste uccise. Il Pakistan ha perso almeno 549 vite e ha visto più di 46.200 case danneggiate nell’ultimo mese a causa di piogge monsoniche insolitamente forti che hanno provocato inondazioni improvvise.

Seoul, Corea del Sud: le piogge torrenziali più intense degli ultimi 80 anni, almeno 8 morti

Le piogge torrenziali sono continuate nella regione centrale della Corea del Sud e i disastri si sono diffusi frequentemente nell’area metropolitana e in altre regioni dall’8 agosto 2022. Almeno 8 persone sono state uccise, 6 sono scomparse e più di 100 persone sono state costrette a cercare rifugio in centri residenziali e altri luoghi.

Secondo il Ministero degli Interni e della Sicurezza della Corea del Sud, tre delle persone decedute erano rimaste intrappolate in un seminterrato allagato; una donna è annegata nella sua casa; un operaio è morto durante lo sgombero degli alberi caduti, forse folgorato. Altre nove persone sono rimaste ferite e almeno sette risultano disperse.

La Corea del Sud è stata colpita dalle piogge più intense degli ultimi decenni. Case, strade e stazioni della metropolitana sono state allagate. Si sono verificate anche interruzioni di corrente (Immagini dal web)

L’agenzia di stampa Yonhap ha riferito che dall’8 agosto le piogge torrenziali nella regione centrale della Corea del Sud hanno raggiunto un nuovo massimo in 80 anni. Le precipitazioni accumulate in molte aree hanno superato i 300 mm. Secondo l’Agenzia meteorologica, le precipitazioni a Xindafang-dong, distretto di Dongjak, Seoul, hanno raggiunto i 422 mm, quasi la stessa media delle precipitazioni dell’intero mese di luglio a Seoul.

L’improvvisa e forte pioggia ha causato l’allagamento delle strade a sud del fiume Han nell’area di Seoul. Molte stazioni della metropolitana sono state chiuse a causa del forte accumulo d’acqua. Anche il traffico stradale è stato seriamente compromesso o sospeso a causa delle inondazioni. Alcuni tratti di strada sono rimasti chiusi dalle 21:00 dell’8 agosto. Il Ministero dell’Amministrazione e della Sicurezza ha innalzato l’avviso di tempesta da “allerta” a “grave” alla mezzanotte del 9 agosto.

Le forti piogge hanno causato la limitazione delle seguenti strade nell’area metropolitana: 80 strade, 3 corsie sotterranee, 26 parcheggi sulle sponde del fiume, 45 argini e 134 sentieri in 4 parchi nazionali. Sono state sospese anche 19 rotte di traghetti.

Sebbene le acque alluvionali si siano in gran parte ritirate martedì (9 agosto) mattina, gli alberi delle strade, i cartelli crollati e i veicoli spostati a causa delle forti piogge in varie località hanno ancora ostacolato seriamente gli spostamenti nell’area metropolitana per molti giorni.

Migliaia di persone intrappolate nelle alluvioni improvvise nel Parco nazionale della Valle della Morte in California

Il 5 agosto 2022, forti piogge hanno causato un’alluvione improvvisa nel Parco Nazionale della Valle della Morte, in California, negli Stati Uniti. Decine di veicoli sono rimasti sepolti e tutte le strade all’interno e all’esterno del parco sono state chiuse. Circa 1.000 persone sono rimaste intrappolate, ma non sono state segnalate vittime.

Il Parco Nazionale della Valle della Morte si trova a metà strada tra la California e il Nevada. Le autorità del servizio del parco hanno dichiarato che le precipitazioni sono state pari a quasi un anno di pioggia in una sola mattina. La media annuale delle precipitazioni nel parco è di 48 mm.

Questa è la seconda alluvione improvvisa nel Parco Nazionale della Valle della Morte in una settimana. Le inondazioni hanno portato sedimenti e detriti che hanno causato la chiusura di alcune strade il 1° agosto. Sono state colpite anche alcune aree del Nevada occidentale e dell’Arizona settentrionale.

Almeno 80 morti nelle alluvioni in Iran, 30 dispersi

Il 30 luglio 2022, i media statali iraniani hanno riferito che le inondazioni hanno imperversato nel Paese per più di una settimana, uccidendo almeno 80 persone e lasciandone altre 30 disperse.

Le forti piogge hanno causato inondazioni in 60 città, 140 comuni e più di 500 villaggi in tutto il Paese. La provincia di Teheran è stata la più colpita, con 35 vittime. La vicina provincia di Mazandaran ha registrato il maggior numero di dispersi, 20 in totale.

Inoltre, almeno 22 persone sono rimaste uccise nelle inondazioni causate dalle forti piogge del 23 luglio nella provincia meridionale di Fars, normalmente secca.

I video pubblicati sui media locali e sui social media hanno mostrato le forti piogge che hanno causato alti livelli d’acqua nel fiume Roodball, vicino a Estahban, con auto travolte dal fiume in piena.

Negli ultimi dieci anni l’Iran ha sperimentato numerose siccità e inondazioni. Nel 2019, massicce inondazioni nel sud dell’Iran hanno causato almeno 76 vittime e danni stimati in oltre 2 miliardi di dollari.

35 morti per le inondazioni in Kentucky, tra cui 6 bambini

Piogge torrenziali hanno causato inondazioni anche nel Kentucky orientale, negli Stati Uniti, spazzando via case, distruggendo strade e inondando fiumi. Al 1° agosto,almeno 35 persone risultano morte e altre centinaia disperse.

Giorni di temporali, inondazioni e smottamenti hanno devastato le aree colpite del Kentucky. Secondo un video diffuso dai media locali, le inondazioni hanno raggiunto i tetti delle case e le strade si sono trasformate in fiumi.

A causa delle continue piogge e dei danni provocati dalle inondazioni ad alcune infrastrutture critiche, potrebbero passare settimane prima che vengano ritrovati tutti i dispersi o i morti.

Nella città mineraria di Garrett, a circa 200 chilometri a sud-est di Lexington, nel Kentucky, l’acqua torbida dell’alluvione ha attraversato una strada commerciale e si è schiantata contro le vetrine dei negozi. I gommoni di salvataggio che trasportavano i residenti con i giubbotti di salvataggio remavano lungo le strade allagate, con i tetti delle auto sommersi.

Il Pakistan subisce le piogge più intense degli ultimi 30 anni, 549 persone uccise dalle inondazioni in un mese

Il 5 agosto, le piogge insolitamente intense che hanno colpito il Pakistan nell’ultimo mese hanno causato inondazioni improvvise, uccidendo almeno 549 persone e danneggiando più di 46.200 case. Le comunità rurali povere del Balochistan meridionale sono state una delle aree più colpite.

L’Agenzia nazionale per la gestione dei disastri del Pakistan ha dichiarato che il mese scorso il Paese ha registrato il mese più piovoso degli ultimi 30 anni, con precipitazioni superiori del 133% rispetto alla media degli ultimi 30 anni.

Inoltre, l’Agenzia nazionale per la gestione dei disastri del Pakistan ha sottolineato che la provincia pakistana del Baluchistan, collegata ai confini con l’Iran e l’Afghanistan, ha ricevuto il 305% di precipitazioni in più rispetto alla media degli ultimi 30 anni.

La Spagna affronta la peggiore siccità degli ultimi 57 anni

Mentre molte parti del mondo sono state colpite da forti piogge, la Spagna ha dovuto fare i conti con la mancanza di precipitazioni. Il basso livello di precipitazioni in Spagna da maggio a luglio ha battuto un record meteorologico di 57 anni. Il bacino idrico si trovava in una profonda crisi di carenza idrica. Di fronte alla peggiore siccità della storia, alcuni governi regionali hanno fatto ricorso a misure restrittive.

A Ciudad Real, nella Spagna centrale, non ha piovuto per 49 giorni consecutivi. Rispetto alla media delle precipitazioni di 72 mm per lo stesso periodo, le piogge da maggio a luglio di quest’anno non hanno raggiunto nemmeno 1 mm.

Ad agosto, la capacità di stoccaggio del bacino nazionale era solo del 41,9%, circa il 20% in meno rispetto alla media dello stesso periodo. Di fronte alla crisi idrica, città e comuni come Barcellona, Malaga, Pontevedra e Huelva hanno dovuto adottare misure per limitare l’uso dell’acqua.

Sprofondamento in Cile raddoppia a 50 metri di diametro

L’ultima notizia di questo rapporto non riguarda un tempo insolito, ma un fenomeno geologico anomalo. Il 30 luglio 2022 è stata scoperta una gigantesca voragine nei pressi di una miniera di rame nel deserto di Atacama in Cile. A partire dal 7 agosto, il diametro della voragine è raddoppiato, inducendo i funzionari locali a ordinare alle vicine miniere di rame di interrompere le loro attività.

La dolina si trova a circa 665 chilometri a nord di Santiago, la capitale del Cile, vicino alla miniera di Alcaparrosa gestita dalla canadese Lundin Mining.

Reuters ha riferito che il diametro della voragine si è allargato fino a 50 metri e la profondità è di circa 200 metri. Potrebbe contenere l’Arco di Trionfo e lo Space Needle di Seattle, alto circa 184 metri.

Le compagnie minerarie hanno dichiarato che la voragine non ha colpito i lavoratori o i residenti locali, che stanno ancora cercando di capire come si sia formata.

Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano i punti di vista o le comprensioni dell’autore. Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese