(Minghui.org) Sono passati vent'anni da quando la persecuzione dei praticanti del Falun Gong è iniziata in Cina per volere del Partito Comunista Cinese (PCC). Per pubblicizzare questo terribile genocidio, i praticanti del Falun Gong di Puebla hanno proiettato i documentari Free China: The Courage to Believe, Human Harvest: The Illegal Trafficking of Organs in China nel Luis Buñuel Cinema presso la House of Culture di Puebla il 27 luglio 2019.

Una praticante del Falun Gong presenta il primo documentario

Guardare i documentari

Un persona tra il pubblico resta sgomenta nell'apprendere della crudeltà del PCC

Sostegno dei funzionari governativi a Puebla

Il cinema Luis Buñuel è a gestione statale e quando i manager hanno saputo di questi film che documentavano le atrocità commesse dal regime comunista cinese, erano molto interessati; hanno messo a disposizione la struttura e assistito durante l'evento. Free China è stata proiettata alle cinque del pomeriggio, seguita da Human Harvest alle sette.

L'invito a partecipare è stato inviato sui social network. Il luogo è noto per lo svolgimento di numerose attività culturali e diverse famiglie, persone di altre città, funzionari pubblici e turisti stranieri hanno preso parte alle proiezioni.

Condanna delle atrocità commesse dal PCC

Novanta sei persone hanno visto il documentario Free China e dopo aver ascoltato le testimonianze di due praticanti del Falun Gong che hanno vissuto personalmente la persecuzione in Cina, i membri del pubblico hanno condannato l'operato del regime cinese che reprime delle brave persone che vogliono solo vivere secondo i principi del Falun Gong di Verità, Compassione e Tolleranza.

Una persona del pubblico ha detto: "Coloro che detengono il potere hanno abusato della loro posizione per controllare il popolo"; ha aggiunto di aver sentito parlare del Falun Gong ma non era riuscita a contattare qualcuno per avere maggiori informazioni su questo sistema di coltivazione e che era proprio quello che lei stava cercando. La donna ha poi ringraziato i praticanti e ha accettato volentieri i volantini con le informazioni sui siti di pratica nella città di Puebla.

Il documentarioHuman Harvest è stato proiettato alle sette di sera e vi hanno partecipato 98 persone. Il pubblico ha espresso sgomento per le testimonianze e le informazioni ricevute e molti si sono opposti categoricamente a tali crimini contro l'umanità, in particolare per il traffico illegale di organi che viene portato avanti dal regime cinese.

Una persona ha commentato che questo tipo di genocidio poteva essere paragonato solo all'olocausto della seconda guerra mondiale e che altri governi dovrebbero legiferare contro il turismo dei trapianti.