(Minghui.org) Il nuovo coronavirus è ora apparso in oltre 130 Paesi e l'11 marzo 2020 l'OMS ha dichiarato lo stato di pandemia. Nel suo epicentro, la città di Wuhan nella provincia dello Hubei, in Cina, la malattia ha causato migliaia di vittime.

Il 6 Marzo i funzionari cinesi hanno dichiarato che oltre 3.000 operatori sanitari nella provincia dello Hubei sono stati infettati: il 40% negli ospedali e il 60% nelle loro comunità. Quasi tutti sono operatori sanitari e non specialisti di epidemia.

Oltre 40.000 professionisti medici di altre province sono stati inviati nella provincia dello Hubei per aiutare a curare i pazienti infettati da coronavirus. Dato lo stretto controllo delle informazioni da parte del Partito Comunista Cinese (PCC), tuttavia, non vi sono dati su quanti di essi siano stati infettati.

Uno dei fattori chiave che ha contribuito all'elevato numero di infezioni e morti è stato il continuo insabbiamento dell'epidemia da parte del PCC. Il 24 gennaio 2020, il giorno dopo che la città di Wuhan è stata messa in isolamento, l'OMS ha pubblicato il suo “Quarto rapporto sulla situazione”, annunciando che in quel momento i funzionari cinesi avevano riconosciuto 830 casi di coronavirus in tutta la Cina. Ma i professionisti medici locali dubitavano dell'accuratezza di quel numero.

Hu Dianbo, un medico dell'ospedale aerospaziale Hubei nella città di Xiaogan, provincia dello Hubei, ha rivelato in un post online del 24 gennaio che lui e i suoi colleghi medici avevano stimato che a Wuhan c'erano oltre 100.000 persone infettate dal virus. Ha scritto: “Per nascondere i fatti, la provincia dello Hubei ha affermato di disporre di scorte sufficienti e ha rifiutato gli aiuti stranieri. Gli ospedali sono come l'inferno e la gente corre, sperando solo di sopravvivere. So che farlo [scrivere il post] potrebbe mettermi nei guai. Ma non mi interessa: salvare la vita è più importante”.

Questo rapporto illustra in dettaglio come i professionisti medici dell'ospedale centrale di Wuhan abbiano confermato il coronavirus a dicembre e i loro tentativi di sensibilizzazione sono andati invano. Tra questi, Li Wenliang, uno degli otto medici punito per aver denunciato l'epidemia, è morto a causa del virus il 7 febbraio 2020. Da allora, anche altri tre medici nello stesso ospedale sono morti a causa del virus.

L’inizio dell’epidemia e dell’occultamento

Il 16 dicembre 2019, il Wuhan Center Hospital ha ricoverato un paziente nel suo pronto soccorso con una “febbre misteriosa”. Il 22 dicembre, il paziente è stato trasferito al Dipartimento malattie respiratorie. Il 24 dicembre 2020, dato che i medici non sapevano cosa causasse la polmonite “sconosciuta”, hanno inviato il campione del paziente a un laboratorio nella provincia del Guangdong per Next Generation Sequencing (NGS). L'ospedale ha ricevuto il risultato il 27 dicembre: un tipo di coronavirus con una sequenza omologa all'81% con quella della SARS.

“Tutti i segnali indicano che si tratta del coronavirus”, ha detto un medico ad Ai Fen, direttore del dipartimento di emergenza.

Il 27 dicembre 2019, un altro paziente è stato ricoverato senza problemi di salute, ma gli è stata diagnosticata un'insufficienza polmonare. A mezzogiorno del 30 dicembre 2019, Ai ha ricevuto risultati da NGS di altri test, che hanno nuovamente indicato il coronavirus. Cerchiando la parola "SARS" sul rapporto, ha condiviso le schermate del rapporto con un compagno di classe della sua scuola di medicina. Fu poi fatto circolare tra i medici di Wuhan, incluso l'oftalmologo Li Wenliang.

L’11 Marzo 2020, il The Guardian ha riportato in un articolo intitolato “Coronavirus: medico di Wuhan parla contro le autorità” che:

“Quella notte Ai ha detto di aver ricevuto un messaggio dal suo ospedale, dicendo che le informazioni su questa misteriosa malattia non dovevano essere rilasciate arbitrariamente per evitare il panico”.

L'articolo del The Guardian citava anche l'intervista di Ai alla rivista cinese Renwu (People), dove veniva riportato che il 1° gennaio 2020 Ai fu convocata dal comitato di controllo disciplinare dell'ospedale e fu severamente rimproverata per aver “diffuso dicerie” e “danneggiato la stabilità”. Secondo il The Guardian poco dopo la pubblicazione, questa intervista è stata rimossa dalla rivista e dall'intera rete internet cinese.

Limitare le informazioni a tutti i livelli

Secondo un documento ottenuto dalla rivista Caixin, numerosi medici dell'Ospedale Centrale di Wuhan hanno confermato che quattro persone associate al mercato del pesce di Huanan sono state ricoverate in ospedale il 29 dicembre 2019. La TAC e gli esami del sangue hanno indicato una polmonite virale.

L'ufficio di sanità pubblica dell'ospedale ha presentato 14 casi di polmonite “sconosciuta” tra l'8 e il 10 gennaio: nove casi sono stati rilevati l'8 gennaio, quattro casi il 9 gennaio e un caso il 10 gennaio. Il 9 gennaio, il CDC del distretto di Jianghan ha condotto analisi epidemiologiche e raccolto campioni.

L'11 gennaio 2020 si sono tenuti a Wuhan due eventi: l'Hubei National People's Congress (NPC) e la Commissione nazionale della Chinese People's Political Consultative Conference (CPPCC). Il Caixin ha riportato che dopo questi incontri il metodo di segnalazione del coronavirus è stato modificato. Quando il 12 gennaio il Wuhan Central Hospital ha riportato un altro caso, è stato archiviato dal CDC del distretto di Jianghan.

Il 12 Gennaio 2020, un ufficiale soprannominato Xu dalla Commissione per la salute di Hubei ha dichiarato che qualsiasi relazione sull'epidemia doveva prima essere approvata da funzionari municipali e provinciali.

Il 13 Gennaio 2020, Wang Wenyong del CDC del distretto di Jianghan ha contattato l'ospedale centrale di Wuhan con le istruzioni per classificare i pazienti con polmonite “sconosciuta” come affetti da altre malattie.

Anche dopo il 16 Gennaio la CDC della città di Wuhan ha continuato ad inviare personale negli ospedali locali per raccogliere campioni da pazienti sospettati di coronavirus. Fino a quel momento, il numero di pazienti con polmonite “sconosciuta” era salito a 48. Secondo i rapporti giornalieri della Wuhan Health Commission, tuttavia, nessun nuovo caso è stato identificato a Wuhan tra il 12 e il 17 gennaio.

Insabbiamento sistematico

Dopo che il Dr. Li Wenliang ha ricevuto uno screenshot da Ai Fen il 30 dicembre, lo ha condiviso con altri professionisti medici. Alle 1:30 del 31 dicembre, fu convocato dagli ufficiali dell'ospedale per giustificarsi di fronte alla Commissione Sanitaria di Wuhan. Al lavoro quel giorno, è stato costretto a scrivere una dichiarazione di autocritica.

Il 1° gennaio, i funzionari hanno disciplinato il Dr. Li e altri sette medici per “diffondere voci”. Secondo le informazioni ottenute dalla rivista Caixin, quel giorno, l'Hubei Health Commission ha comunicato alle società di sequenziamento genetico di non testare altri campioni di pazienti e di distruggere i campioni che avevano già ricevuto.

Il 3 gennaio, i funzionari dell'Ospedale Centrale di Wuhan hanno ordinato a tutti i membri del personale di astenersi dal divulgare qualsiasi informazione relativa alla malattia attraverso messaggi, immagini o conversazioni. Lo stesso giorno, il dottor Li è stato rimproverato dalla polizia.

Sebbene i funzionari della National Health Commission siano arrivati a Wuhan il 31 dicembre 2019, il pubblico non è stato informato dell'epidemia fino al 20 gennaio 2020.

Una malattia fuori controllo

I medici del terzo ospedale di Wuhan hanno riferito che una donna anziana, che è stata ammessa il 3 gennaio, ha successivamente infettato le sue tre figlie, due medici, cinque infermiere e altri due pazienti nello stesso reparto. Il personale ha presentato il caso e i campioni alle autorità il 9 gennaio. Ma nessuno è venuto a indagare e, in seguito, la donna è deceduta.

Gli ospedali di Wuhan furono sopraffatti dal numero di pazienti. Ma la Commissione per la salute di Wuhan ha insistito sul fatto che solo coloro che erano stati esposti al mercato ittico di Huanan potevano essere sottoposti a test per il coronavirus.

Li Wenliang aveva la febbre l'11 gennaio, seguita da problemi ai polmoni. Entro il 16 gennaio, 26 casi di infezione sono stati identificati nell'ospedale centrale di Wuhan. Quel giorno un funzionario dell'ospedale ha dichiarato: “Non abbiamo osservato nessuna trasmissione da uomo a uomo. Questa malattia è prevenibile e curabile”.

Li è morto il 7 febbraio all'età di 34 anni. Jiang Xueqing, responsabile della tiroide e della chirurgia mammaria, è deceduto per la malattia il 1° marzo. Sono seguite altre due morti: un oculista, Mei Zhongming il 3 marzo e Zhu Heping, specialista in malattie degli occhi, il 9 marzo.

Sebbene l'intervista di Ai sia stata cancellata dal sito Web di Renwu (People), dai social media e da altri siti internet in Cina, i netizen sono stati in grado di preservare il testo e diffonderlo oltremare.

Il The Guardian ha riferito: “Nell'intervista, Ai ha descritto i momenti che non dimenticherà mai: un uomo anziano che fissa in modo assente un medico che gli consegna il certificato di morte del figlio di 32 anni o un padre che era troppo malato per uscire dalla propria auto fuori l'ospedale. Quando è andata in macchina, era morto”.

In un articolo del 12 Marzo intitolato “Un medico di Wuhan afferma che funzionari cinesi hanno messo a tacere i suoi avvertimenti sul coronavirus a Dicembre, costando la vita di migliaia di persone”, il Business Insider citando Ai scrive: “Come medico, quando scopro un virus molto importante, come potrei non dirlo ad altri dottori... ho fatto quello che un dottore o un qualunque normale essere umano farebbe. Se la popolazione fosse stata avvisata del virus il 1° gennaio, non ci sarebbero così tante tragedie”.

Versione Cinese