(Minghui.org) Il 9 giugno 2020, presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, si è tenuta una tavola rotonda sulla libertà religiosa internazionale. Durante la seduta Ingrid Wu, una praticante del Falun Gong di Hong Kong, è stata invitata a parlare.

Wu ha detto: “Vorrei portare alla vostra attenzione la pressione che stiamo affrontando e le nostre preoccupazioni per la libertà di credo a Hong Kong sotto la minaccia della legge sulla sicurezza nazionale recentemente approvata in Cina”. Ha aggiunto che l'applicazione di questa legge andrebbe a colpire i praticanti del Falun Gong e i seguaci di tutte le religioni.

Il PCC attacca i praticanti del Falun Gong a Hong Kong

La donna ha continuato: “Da quando, ventuno anni fa, in Cina è iniziata la persecuzione del Falun Gong, il Partito Comunista Cinese (PCC) ha costantemente monitorato i praticanti del Falun Gong a Hong Kong e interferito, direttamente o indirettamente, con le nostre attività”.

Ha fornito i seguenti esempi degli attacchi attuati dal PCC persino sotto la politica di 'un Paese, due sistemi'. “Nel 2016, quando si è tenuta a Hong Kong la conferenza del Falun Gong dell'area Asia-Pacifico, un gruppo pro-PCC ha telefonato alla sede per avvisare della presenza di una bomba, causando l'interruzione della conferenza e alla fine la sua cancellazione”.

“La Youth Care Association di Hong Kong (un'organizzazione sostenuta dal PCC che prende di mira specificatamente il Falun Gong a Hong Kong) ha molestato e iniziato a picchiare i praticanti del Falun Gong per strada e nei luoghi turistici sin dal 2013”.

“A settembre 2019 due uomini hanno picchiato alla testa con un bastone una delle nostre coordinatrici, causandole gravi emorragie, subito dopo che era uscita dalla stazione di polizia dove si era recata per chiedere il permesso di protestare in occasione della Festa Nazionale cinese”.

“Il governo di Hong Kong ha negato per molti anni ai praticanti la concessione di sedi per tenere conferenze o altri eventi”.

Wu ha continuato: “Diversi anni fa l'ufficio della fabbrica che stampa il giornale Epoch Times è stato distrutto e il 19 novembre 2019, proprio quando il giornale stava assumendo un ruolo di primo piano nel riferire delle proteste di massa dell'anno scorso, alcuni criminali, che riteniamo siano stati inviati dal PCC, hanno dato fuoco ai nostri macchinari di stampa”.

“Gli incidenti sopra descritti sono avvenuti persino mentre Hong Kong godeva della semi-autonomia. Una volta che la legge sulla sicurezza nazionale porrà fine alla formula 'un Paese, due sistemi', la nostra sicurezza e la nostra libertà saranno ulteriormente minacciate”.

La legge sulla sicurezza mette in pericolo la libertà di tutte le religioni a Hong Kong

Wu ha detto: “Potremmo perdere il diritto di fare pubblicamente i nostri esercizi e tenere eventi. Potremmo sperimentare ciò che i praticanti del Falun Gong in Cina hanno subito negli ultimi ventuno anni: molestie costanti, detenzione arbitraria, prigionia, tortura e persino prelievo forzato di organi”.

“Nella Cina continentale, le chiese cristiane sotterranee devono affrontare la repressione. Altre religioni, tra cui il buddismo in Tibet, e altri credenti religiosi stanno affrontando lo stesso problema; i loro insegnamenti religiosi originali sono repressi”. Devono seguire gli ordini e le linee guida del PCC, ma il Partito è ateo.

Dopo la tavola rotonda il Dipartimento di Stato americano ha pubblicato il Rapporto 2019 sulla libertà religiosa internazionale. Il documento ha sottolineato che la questione della libertà religiosa in Cina è ulteriormente peggiorata.

Per ventuno anni consecutivi la Cina è stata elencata come “Paese di particolare preoccupazione” a causa della sua violazione della libertà religiosa. Il rapporto ha condannato la persecuzione del PCC nei confronti dei diritti umani, inclusa quella dei praticanti del Falun Gong. Ha anche menzionato l'incendio doloso presso la fabbrica di Epoch Times e l'attacco alla praticante nel 2019.

Wu ha sottolineato: “Credo che se ci saranno sempre più persone e governi che rivolgeranno la loro attenzione alla legge sulla sicurezza di Hong Kong, lo sprezzante PCC sarà limitato”.

Dopo il discorso alcune persone hanno inviato messaggi a Wu chiedendole cosa potevano fare per aiutare e di tenersi in contatto.

La praticante ha affermato che la promozione della libertà religiosa come obiettivo principale della politica estera degli Stati Uniti è stimolante, poiché gli Stati Uniti proteggeranno i valori universali in tutto il mondo.

Il mondo si sta risvegliando riguardo alla natura avversa all'umanità del PCC

Wu ha detto: “Il PCC reprime la libertà religiosa. È una sfida ai valori universali dell'umanità”. Quando il Partito presenterà a persone o Paesi la possibilità di interessi economici, questi opteranno per i loro benefici o per i valori universali dell'umanità?

La praticante ha osservato che negli ultimi decenni il PCC ha utilizzato gli interessi economici per costringere altri Paesi a tacere sulla sua scarsa considerazione dei diritti umani. Ha affermato: “Ciò significa che le persone hanno finito per abbandonare i loro principi. La natura del PCC contro i valori universali e l'umanità ha causato sofferenza e perdite alle persone di tutto il mondo”.

Wu ha affermato che il coronavirus si è diffuso in tutto il mondo a causa dell'insabbiamento dei fatti e della disinformazione iniziali del PCC. Ha detto che il mondo intero sta soffrendo durante questa pandemia, ma che le persone si stanno risvegliando riguardo alla vera natura del PCC.

I praticanti del Falun Gong aumentano la consapevolezza pubblica

Wu ha aggiunto: “Come praticanti, non perseguiamo la politica o il potere. Perché il PCC vuole perseguitare il Falun Gong? È perché seguiamo i principi di Verità, Compassione e Tolleranza e ci guardiamo dentro quando affrontiamo i conflitti e sopportiamo le difficoltà”.

Il PCC controlla la Cina usando bugie e violenza e non può tollerare l'esistenza di così tante persone che seguono i valori universali dell'umanità. Quindi il Partito continua a condurre una brutale persecuzione contro il Falun Gong e attua politiche contro le religioni e la cultura tradizionale dell'umanità.

Wu ha sottolineato che la risposta dei praticanti alla campagna di diffamazione e brutale persecuzione del PCC è quella di sensibilizzare l'opinione pubblica e chiarire la verità alla gente.

Ha detto: “Le persone sono fuorviate dalla propaganda del PCC e sono diventate a loro volta vittime perché non conoscono la verità. Assistendo il Partito nella persecuzione possono prendere decisioni sbagliate. Quindi più la loro consapevolezza aumenta, meglio sono in grado di comprendere quando le informazioni sono veritiere”.

Wu ha affermato che il PCC è ateo ed è contrario ai valori universali, e ha detto di sentire che è responsabilità dei praticanti ricordare alle persone i valori tradizionali dell'umanità.

Versione cinese