(Minghui.org) Durante un videoconferenza tenuta il 16 luglio 2020 dall'Associazione Falun Dafa in Francia, prima del 21° anniversario dell'inizio della persecuzione del pacifico gruppo spirituale da parte del PCC, la signora Françoise Hostalier, ex membro dell'Assemblea nazionale francese, ha criticato il modo in cui il Partito Comunista Cinese (PCC) opera nella comunità internazionale e ha invitato i Paesi europei ad aprire gli occhi e a prendere posizione.

La signora Françoise Hostalier è un ex membro dell'Assemblea nazionale di Francia ed ex segretario di Stato responsabile dell'istruzione scolastica

Smettiamo di arrenderci al PCC

La signora Hostalier ha iniziato riconoscendo la Cina come un Paese con una lunga storia e diversi contesti geografici, etnici, culturali e religiosi. Ma dopo oltre settant'anni di dominio comunista “la Cina oggi è un Paese in completa regressione in molte aree, sia a livello economico, culturale e politico in senso lato”.

Ha spiegato che in queste aree, il governo cinese utilizza operazioni simili “per farsi strada, per sottomettere sistematicamente gli altri, per esercitare l'egemonia [eliminando la concorrenza] e mentire!”.

Hostalier ha affermato che i principi del Partito Comunista Cinese non sono compatibili con quelli delle organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite e l'OMS. Ha firmato molti trattati e convenzioni ma non li onora. Ha affermato: “Questo Partito Comunista Cinese sta semplicemente cercando di soffocare queste organizzazioni e appropriarsene. Ne abbiamo il miglior esempio con l'OMS”.

Appellandosi ai Paesi europei ha affermato: “Non dobbiamo permettere che ciò accada”.

Aprire gli occhi per vedere il PCC per quello che è

Le grandi potenze democratiche sono iniziate con l'Europa e la signora Hostalier ha chiesto all'UE di “reagire [alla cattiva condotta del PCC] prima che sia troppo tardi”.

Ha dichiarato: “Dobbiamo sostenere i principi umanistici che sono i valori fondamentali nostri e di tutti gli organismi internazionali. I valori sono i diritti umani, la libertà di credo, la libertà religiosa, l'uguaglianza tra tutte le persone, i diritti dei bambini all'istruzione”.

Dal punto di vista economico, la signora Hostalier ha descritto la Cina come “un gigante con i piedi di argilla che cerca di dominare il mondo avventatamente”.

Ha usato l'attuale pandemia per dimostrare fino a che punto il PCC avrebbe continuato a coprire i suoi crimini. Ha sottolineato che l'epidemia globale di coronavirus e il modo in cui la Cina ha ingannato i governi e gli organi medici di tutto il mondo mostrano che i leader del PCC non sono credibili. Ha affermato: “Se questa epidemia è risultata meno mortale in Cina rispetto all'Europa o agli Stati Uniti, è stato semplicemente perché tutti i cinesi sono sotto costante controllo... È stato molto facile rinchiudere le persone che volevano parlare e mentire sulla situazione dei decessi”.

Ha avvertito: “Apriamo gli occhi e smettiamo di essere ingenui”.

Il prelievo sistematico di organi identifica il PCC con i nazisti

La signora Hostalier ha preso una ferma posizione riguardo al prelievo forzato di organi da praticanti del Falun Gong incarcerati per il fatto di rifiutare di rinunciare alla propria fede. Ha sottolineato: “Dobbiamo denunciare con forza le pratiche spregevoli di prelievo forzato di organi da persone non consenzienti, in cui la Cina si è specializzata. I fatti sono noti... sono indiscutibili!”.

Sebbene il prelievo forzato di organi e il rapimento per traffico di organi esistano anche in altre parti del mondo, sono eseguiti dalle mafie, non dagli Stati. Hostalier ha affermato di credere che “nella storia dell'umanità, l'unico regime politico organizzato [diverso dal PCC] che ha attuato queste pratiche è stato quello nazista”.

Ha concluso: “Penso che sia urgente prendere posizione”.

Versione cinese