(Minghui.org) Eileen Chang (conosciuta anche come Zhang Ailing, 1920 - 1995) è stata una delle più famose scrittrici americane di origine cinese. Ma la sua saggezza andava ben oltre la scrittura.

Negli anni ‘40, oltre a Chang, anche molte altre donne erano famose per il loro talento nello scrivere, tra cui Su Qing (1914-1982) e Guan Lu (1907-1982). Ma dopo che il Partito Comunista Cinese (PCC) ha preso il potere nel 1949, a differenza di Chang, né Su né Guan hanno prodotto scritti importanti. Inoltre, entrambe hanno sofferto tremendamente per decenni prima di morire miseramente.

Cosa ha reso i loro percorsi così diversi?

Chiarezza sul Terrore rosso

Chang è nata in una famiglia prestigiosa. Suo nonno era Zhang Peilun, un comandante navale anziano della dinastia Qing, e sua nonna era Li Ju’ou, la figlia maggiore di Li Hongzhang, uno dei più potenti ufficiali della dinastia Qing.

Chang ha avuto un’istruzione bilingue a Shanghai, ed è diventata famosa in Cina negli anni ‘40. Nel frattempo, è stata diffidente nei confronti del comunismo che stava emergendo tra gli intellettuali. Nel descrivere il movimento del 4 maggio, un episodio del 1919 che ha portato alla nascita del PCC, Chang ha detto che “ha sostituito la voce di tutti con la propria voce”.

Chang era affezionata alla sua terra e alla sua gente, e per questo non ha immediatamente lasciato la Cina dopo che il PCC ha preso il potere nel 1949. Come richiesto dai funzionari del PCC, nel 1950 ha scritto due romanzi che si adattavano alla versione dei fatti del Partito. Tuttavia, ha dichiarato nei suoi libri: “La politica determina tutto. Anche se scappi, la politica ti troverà”.

Sempre in quell’anno, le è stato ordinato di partecipare a due mesi del movimento per la riforma agraria. Quell’esperienza si è rivelata dolorosa. Si è trovata incapace di continuare a scrivere storie “eroiche” per il PCC. “Quei tipi di scrittura ‘monumentali’ non erano il mio stile. E non volevo nemmeno provarci”, ha scritto.

Incapace di tollerare le sessioni di autocritica e la “trasformazione del pensiero” del PCC, è fuggita a Hong Kong nel luglio 1952, all’età di 32 anni.

Mentre era a Hong Kong, Chang ha scritto due romanzi, The Rice Sprout Song: a Novel of Modern China e Naked Earth. Entrambi sono stati pubblicati dopo il suo trasferimento negli Stati Uniti e ancora oggi sono vietati in Cina.

In questi due romanzi, Chang descrive la brutale riforma agraria, la campagna dei Tre-Anti e la guerra di Corea. Le storie descrivono come il PCC abbia torturato le persone e controllato le loro menti. Rivelano anche la distruzione dell’umanità portata avanti dal regime totalitario. “Viviamo in un’era frettolosa: i danni sono iniziati e altri stanno arrivando”, ha scritto.

In seguito, le opere di Chang sono diventate ancora più famose a Hong Kong, Taiwan e in molte altre regioni. Il PCC l’aveva invitata per un incontro, ma lei ha rifiutato.

Il comunismo: un regime tossico per la “felicità”

La migliore amica di Chang, Su Qing, ha avuto una storia completamente diversa. A differenza di Chang, che desiderava una vita tradizionale, Su è stata fortemente influenzata dalle idee comuniste. Ha sminuito il matrimonio e promosso la convivenza. Ma questa ricetta per la ricerca della felicità si è rivelata un seme che si è trasformato in una infinita amarezza e dolore.

Con quel pensiero di libertà sessuale, Su ha divorziato dal marito e ha avuto relazioni extraconiugali con diversi uomini. Ha documentato questi fatti nella sua semi-autobiografia, prima in Ten Years of Marriage pubblicato nel 1943 e poi in Continuation of Ten Years of Marriage pubblicato nel 1947. Sebbene all’epoca questi libri erano diventati dei best-seller, la sua difesa della libertà sessuale e la descrizione esplicita della psicologia dei rapporti extraconiugali ha tuttavia sbalordito gli intellettuali e la società in generale.

Per questo motivo, Su ha interrotto la sua amicizia con Chang e si è allontanata da molte persone con valori tradizionali, riguardo la famiglia e il matrimonio. Inoltre, i libri sono diventati un obiettivo nelle principali campagne politiche; è stata incarcerata nel 1955 e nuovamente attaccata durante la Rivoluzione Culturale. Queste esperienze hanno colpito anche i suoi figli, che non hanno potuto avere un’istruzione adeguata e sono stati discriminati. Negli ultimi anni, Su non poteva permettersi le spese mediche. “Voglio solo morire il prima possibile”, ha rivelato una volta alla sua amica. Nel dicembre 1982 quando suo figlio, un venditore ambulante, è tornato a casa l’ha trovata morta.

In prigione per 11 anni

Se Su è stata una vittima dell’ideologia comunista, Guan Lu può essere considerata uno strumento per la carneficina dello spietato sistema politico del PCC.

Guan ha studiato prima filosofia alla Nation Central University e poi è passata agli studi linguistici. All’epoca era già famosa come scrittrice. All’inizio del 1932 si è unita al PCC. Nel 1937, i massimi dirigenti del Partito le hanno ordinato di contattare Pan Hannian, un ufficiale dei servizi segreti del PCC. Pan ha ordinato a Guan di lavorare come spia insieme a Li Shiqun, membro clandestino del Partito.

“Se qualcuno dice che sei una traditrice [del PCC], non puoi difenderti. Altrimenti, non funzionerà”, le ha detto Pan. Guan ha accettato di interpretare il ruolo di traditore.

Diversi anni dopo, il PCC ha inviato un’altra spia per lavorare con Li, ma rifiutando la richiesta di Guan di porre fine alle sue attività di spionaggio. Guan è stata incaricata di lavorare con i funzionari e gli intellettuali dei servizi segreti giapponesi. Ancora una volta, Guan ha obbedito incondizionatamente all’ordine e ha sacrificato la sua reputazione. Ha lavorato come redattrice per una rivista giapponese, sotto le spoglie di notatraditrice. Guan ha chiesto ripetutamente di rivelare la sua identità di membro clandestino del PCC, ma le sue richieste le sono sempre state negate.

Dopo che i giapponesi invasori si sono arresi nel 1945, la situazione non è migliorata. Molte persone l’hanno condannata come traditrice e il PCC non ha fornito chiarimenti. Inoltre, i principali leader del Partito hanno ordinato al suo fidanzato Wang Bingnan di porre fine alla sua relazione con Guan a causa della sua reputazione. Dopo aver ricevuto una lettera di rottura da Wang nel 1946, l’allora 39enne Guan aveva il cuore spezzato.

Nel 1955, è stata incarcerata per dar credito alla sua storia di traditrice cinese. È stata rilasciata solo dopo tre anni. Ma nel 1967 è stata nuovamente incarcerata, questa volta per otto anni. È stato solo nel marzo 1980 che i massimi dirigenti del PCC hanno ristabilito la sua reputazione. Successivamente, diversi mesi dopo, Guan ha terminato il suo libro di memorie e si è suicidata nel dicembre dello stesso anno.

Una figlia che ha tradito suo padre

Il PCC enfatizza le dang xing (caratteristiche del Partito). Quando i valori o gli interessi personali sono in conflitto con gli interessi del Partito, ci si dovrebbe arrendere incondizionatamente ad esso. Questo è accaduto a quasi tutti i membri del PCC, compresa Guan. Un altro esempio è stata Fu Dongju (1924-2007), che ha tradito suo padre, l’alto capo militare del Kuomintang (KMT), Fu Zuoyi.

Nell’estate del 1946, Fu Dongju si è laureata all’università e ha iniziato a lavorare come redattrice a Tianjin. Ha trasferito una grande quantità di informazioni militari del KMT al PCC all’insaputa di suo padre. L’anno successivo, anche lei si è unita al Partito.

Nell’autunno del 1948, i leader del PCC hanno istruito Fu, allora 24enne, a raggiungere suo padre a Pechino come agente sotto copertura. Questo perché il PCC a breve avrebbe attaccato la città e il padre di Fu era responsabile della difesa. Fu ha seguito l’ordine ed è rimasta accanto a suo padre come spia, con la scusa di prendersi cura di lui.

Fu ha avuto accesso ai più alti segreti del KMT scattando foto di documenti riservati chiusi in una cassaforte. La cassaforte era nella camera da letto di suo padre e Fu conosceva la password, ma suo padre teneva sempre la chiave con sé. Fu ha usato dell cioccolato per convincere il fratello di cinque anni a prendere la chiave. Il fratello minore ha chiesto un abbraccio al padre e lo ha supplicato di raccontargli una storia. Dopo aver preso la chiave, Fu è andata alla cassaforte e ha scattato delle foto ai documenti, mentre suo padre stava tenendo delle riunioni. La chiave sarebbe poi stata restituita dal fratello al padre. In seguito, i funzionari del PCC hanno dichiarato che l’informazione ottenuta in questo modo era l’informazione più preziosa in quel momento.

Al padre di Fu non piaceva il PCC e discuteva se negoziare con il PCC. Negli ultimi giorni, per la frustrazione, a volte si è schiaffeggiato in faccia e ha persino sbattuto la testa contro il muro. Spesso Fu riferiva le parole e le azioni di suo padre a Cui Yueli, un’altra spia sotto copertura del PCC. Cui ha poi inviato le informazioni ai massimi leader del Partito tramite telegrafo. Queste informazioni hanno permesso al PCC di mantenere un vantaggio strategico.

Solo all’ultimo momento suo padre è venuto a conoscenza del tradimento di Fu, e l’ha definita “sleale, ingiusta, una spregevole serva”.

Come Guan, la devozione di Fu per il PCC è finita nella miseria. Durante la Rivoluzione Culturale, è stata presa di mira come nemica di classe anti-PCC. Quando è andata a trovare suo padre, che riusciva a malapena a proteggere sé stesso, ha detto a Fu: “Non devi più venire”. In seguito, è morto nell’aprile 1974.

Anche Fu nei suoi ultimi anni ha avuto una vita difficile. Il suo misero stipendio non era sufficiente a coprire le spese mediche. Durante la riforma degli alloggi del PCC, gli allora proprietari avrebbero potuto pagare una piccola somma di denaro per diventare i veri proprietari. Ma anche così non poteva permetterselo. In passato suo padre aveva ceduto molte proprietà private, ma i funzionari del PCC hanno semplicemente ignorato quel periodo della storia.

Negli ultimi anni, Fu ha detto che gradualmente è arrivata a capire il pensiero di suo padre riguardo al PCC, ma era troppo tardi. È morta nel 2007.

La tragedia non si è limitata a padre e figlia. Il fratello di Fu Zuoyi, Fu Zuogong, è stato uno studente della Columbia University, ed ha conseguito il dottorato di ricerca. Seguendo il consiglio di suo fratello, Fu Zuogong è tornato in Cina ed è stato preso di mira come di destra. Nel 1960, al culmine della grande carestia cinese, è morto di fame a Jiabiangou.

Riepilogo

Nella cultura tradizionale cinese, le persone si sforzavano di vivere in armonia con il Cielo e la Terra, abbracciando i valori dell’onestà, della lealtà e del rispetto reciproci, e per questo sono state benedette per migliaia di anni.

Ci sono state anche molte donne famose nella storia cinese come Mulan e Mu Guiying. Le loro storie hanno ispirato i cinesi, uomini e donne, ad aiutare altre persone e a servire la società superiore. Ma quando il PCC è arrivato con la sua ideologia di lotta di classe, odio e bugie, tutto è cambiato.

Wei Junyi, editrice cinese e scrittrice di racconti, una volta ha detto a sua figlia con grande rammarico: “Quando mi sono unita al PCC, ero pronta a dedicarmi al Partito. Ma non sapevo di dover sacrificare anche la mia coscienza”.

Quante persone impareranno dalle lezioni di Chang, Su, Guan e Fu? Solo il tempo lo dirà.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell’articolo e sia presente un collegamento all’articolo originale

Versione cinese