(Minghui.org) Nonostante fosse metà marzo, con la primavera alle porte, il cielo era grigio e il vento gelido, un riflesso delle emozioni dei tre praticanti del Falun Gong nella mia regione che dovevano affrontare un processo illegale a causa della loro fede. L'udienza è stata rinviata cinque volte negli ultimi diciotto mesi poiché i praticanti hanno continuato a protestare nel centro di detenzione locale. La mattina della data prevista per il processo, alle loro famiglie e ai loro avvocati è stato detto che era stato posticipato alle due del pomeriggio.

Quando, quel pomeriggio, i familiari e gli amici hanno visto i tre praticanti in tribunale, sono rimasti sbalorditi: dopo 563 giorni di carcere avevano perso un po' di peso ma sembravano di buon umore e completamente a proprio agio. Uno di loro condivideva una cella con altri 34 detenuti che avevano tutti la scabbia a causa della scarsa igiene nel centro di detenzione, tuttavia lui era l'unico che non l'aveva contratta.

Il giudice capo era anche il vicepresidente del tribunale. Non ha avuto altra scelta che accettare il caso perché nessun altro l'avrebbe fatto. Il giudice prima di lui si era ritirato dopo che le famiglie dei praticanti gli avevano spiegato perché la persecuzione è sbagliata. Il caso è stato poi trasferito a un'altra giurisdizione, tuttavia avevano continuato a rifiutarlo.

In precedenza il giudice capo credeva che i praticanti fossero colpevoli e meritassero di essere rinchiusi. Era fiducioso che qualcuno alla fine avrebbe preso il caso prima che facesse un giro completo e tornasse da lui, nondimeno quando le famiglie dei praticanti gli hanno consegnato il materiale informativo sul Falun Gong e gli hanno parlato della persecuzione messa in atto dal Partito Comunista Cinese, ha cambiato idea. Durante il processo ha ascoltato in silenzio le argomentazioni degli avvocati della difesa e ha segnalato loro di continuare quando il pubblico ministero li interrompeva.

La stessa cosa era successa con il giudice precedente. Inizialmente anche lui era scortese e convinto che i praticanti fossero colpevoli; quando le famiglie dei praticanti gli avevano fatto visita, non li aveva lasciati parlare e aveva minacciato gli avvocati. Tuttavia il suo atteggiamento è cambiato completamente quando ha appreso i fatti della persecuzione: è diventato gentile e comprensivo con le famiglie. Non solo si è ritirato dal caso, ma ha anche suggerito ai suoi colleghi di non accettarlo. Ha aiutato gli avvocati a ottenere la procura dai praticanti.

Quel giorno l'udienza è durata sei ore; tutti in aula hanno ascoltato in silenzio. Il pubblico ministero sembrava riluttante a leggere l'accusa e ha tenuto la testa bassa per tutto il tempo.

Quando l'udienza è finita, gli avvocati sono usciti e hanno esultato: “Che meraviglia!”. Uno di loro ha osservato che era stato in grado di finire di leggere senza interruzioni la sua arringa difensiva, nonostante fosse molto lunga. Ha detto: “Questa è la mia udienza di maggior successo!”. Per tutto il tempo gli avvocati hanno lavorato insieme come un unico gruppo; quando uno parlava, gli altri integravano il discorso.

Durante l'udienza i praticanti e gli avvocati hanno presentato i fatti della mal gestione del caso da parte polizia. Un difensore ha interrogato il pubblico ministero: “Lei ha una coscienza? La polizia ha falsato il caso con numerosi equivoci e ha raccolto prove illegalmente, e lei lo ha lasciato andare in tribunale?”. L'impiegato del tribunale ha documentato le violazioni della legge da parte della polizia durante le indagini e l'incriminazione illegale dei praticanti da parte del pubblico ministero.

In aula, verso la fine dell'udienza i praticanti hanno visto che l'energia positiva dei pensieri retti dei praticanti presenti si è fusa in un gigantesco fiore di loto dorato. Mentre il fiore di loto dorato ruotava, l'energia del male si è ridotta ed è scomparsa.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale

Versione cinese