(Minghui.org) Il 25 aprile di 22 anni fa più di 10.000 praticanti della Falun Dafa sono andati a all’Ufficio centrale dei ricorsi di Pechino per chiedere lo status legale della pratica. Quel raduno ha scioccato il mondo, tutta la comunità internazionale l’ha definito come “l’appello più grande, ordinato e di successo nella storia cinese”. Ma Jiang Zemin, allora capo del Partito Comunista Cinese (PCC), ha voluto dare all’azione pacifica dei manifestanti un ‘motivo politico’ e ha sostenuto che Zhongnanhai fosse stata ‘assediata’. Poi ha usato questa sua interpretazione dei fatti come scusa per perseguitare la Falun Dafa.

L'intera famiglia della signora Wang Jinju ha partecipato all’appello pacifico del 25 aprile

Il 25 aprile 1999 circa 10.000 praticanti della Falun Dafa si appellano pacificamente fuori dall’Ufficio Centrale dei Ricorsi a Pechino

I membri della famiglia si sono incontrati in via Fuyou

Jinju era una professionista del basket e allenatrice di una squadra militare. L’intenso allenamento e l’agonismo nelle competizioni per molti anni avevano danneggiato la sua salute. Nel 1996 è rimasta paralizzata e la sua vita era miserevole. Fortunatamente ha incontrato la Falun Dafa (chiamata anche Falun Gong) e dopo aver praticato per un mese è riuscita a riprendere a camminare. I suoi familiari, i parenti e gli amici sono stati testimoni di questa incredibile guarigione, e molti di loro hanno iniziato a praticare la Falun Dafa. Ognuno di loro ha avuto miglioramenti sia fisici che spirituali e in un breve periodo di tempo si son ritrovati liberi da malattie. Sono diventati brave persone e hanno vissuto secondo i principi di Verità, Compassione e Tolleranza.

Wang Jinju (la prima a destra) e i suoi sette fratelli, tutti praticanti della Falun Dafa

Quando hanno saputo che i praticanti della Falun Dafa erano stati arrestati illegalmente a Tianjing, i praticanti della famiglia di Jinju sono andati a Zhongnanhai (il quartier generale centrale del PCC) in via Fuyou a Pechino per parlare della Falun Dafa ai funzionari del governo.

“Una volta ero paralizzata e la Falun Dafa mi ha permesso di rialzarmi e camminare. Nessuna parola potrà mai esprimere la mia gratitudine alla Falun Dafa. Come potrei non chiedere giustizia a favore della Falun Dafa?”, ha detto Jinju. “Sono arrivata in via Fuyou verso le sette del mattino. Molte persone erano già lì. Tutti noi abbiamo aspettato pazientemente, alcuni stavano leggendo i libri della Falun Dafa e altri facevano gli esercizi. Quello che mi ha colpito di più è che erano tutti ben educati e ordinati. Hanno raccolto i resti del pranzo e la spazzatura. I poliziotti in uniforme parlavano con noi disinvoltamente. Tutto era ordinato, pacifico e calmo. Riesco ancora a vederlo vividamente nonostante siano passati più di 20 anni”.

“Io e i miei parenti eravamo di fronte al Consiglio di Stato. Il premier Zhu Rongji è uscito per vederci dopo le 10. Diversi rappresentanti dei praticanti in seguito sono entrati nell’edificio con lui. Pensavo che sarebbe stato bello poter andare con loro. Gli avrei raccontato dei grandi cambiamenti che avevo sperimentato dopo aver praticato la Falun Dafa. Pensavo che il governo centrale avrebbe portato giustizia e sostenuto la diffusione della Dafa”.

“Verso le quattro del pomeriggio mia sorella maggiore improvvisamente ha visto molti Falun (Ruote della Legge) intorno al sole. Erano immagini molto chiare e d’aspetto magnifico, sono rimaste visibili per un bel po'; molti di noi le hanno viste ed eravamo tutti emozionati. Mia sorella si è commossa fino alle lacrime”.

“Verso le 21 uno dei nostri rappresentanti è venuto a dirci che le cose si erano risolte. Il premier Zhu Rongji aveva gestito bene la cosa, e la polizia di Tianjin aveva rilasciato i praticanti. Dopo aver saputo del loro rilascio, siamo andati via pacificamente, tutti e 10.000 siamo andati via in silenzio. Non ci sono stati ingorghi. Non abbiamo lasciato nemmeno un pezzo di carta per terra”.

“Uno degli amici dei miei fratelli, dopo essere tornati a casa, gli ha detto di averlo visto al telegiornale. Mio fratello ha sorriso e ha risposto che gli imperatori saggi nei tempi antichi visitavano la gente del posto in segreto per conoscere la verità, mentre ora il leader non ha bisogno di uscire ma impara comunque la verità dalla gente. Non è una buona cosa? Ha detto: “Noi crediamo nel governo e crediamo che il governo reagirà alla nostra ragionevole richiesta e la gestirà in modo tempestivo”.

Perché Jinju e la sua famiglia hanno partecipato tutti all’appello? “Perché tutti noi abbiamo tratto beneficio dalla pratica della Falun Dafa”, ha risposto Jinju.

Sono responsabile che tutta la mia famiglia pratichi la Falun Dafa

La signora Wang Jinju ora vive in Canada.

Jinju all'età di 19 anni è stata selezionata dalla squadra sportiva militare ed è diventata membro della squadra di basket. Ha lavorato duramente per più di dodici anni. Da giocatrice di basket ad allenatrice, ha vinto molti premi e si è guadagnata una buona reputazione. “Ma gli infortuni successivamente hanno causato grossi problemi nella mia vita”, ha detto.

Negli anni '80 ha lasciato la pallacanestro ed è diventata vice direttore di una società cinematografica. Era impegnata nelle riprese e gli affari andavano a gonfie vele. La sua situazione finanziaria è cambiata radicalmente, aveva una casa grande e una bella macchina.

Proprio quando cominciava a intravedere un futuro sicuro, si è imbattuta in grossi problemi. “Nel 1996, da un giorno all’altro, sono rimasta paralizzata. La mia famiglia e i miei parenti mi hanno portata da tutti i medici specialisti, ma non sono migliorata. Giacevo a letto sola, mia sorella si prendeva cura di me. Ripercorrendo la mia vita negli ultimi 40 anni, sembrava promettente, da povera sono diventata ricca”. Ma poi si è accorta che in realtà non aveva nulla quando mancava la salute.

Un giorno un amico le ha dato una copia dello Zhuan Falun e le ha detto che molte persone malate che avevano tumori e di altre gravi malattie erano guarite dopo aver iniziato a praticare la Falun Dafa. “Questo mi ha dato speranza”, ha detto. “Ho letto il libro tutto d’un fiato. Ogni frase del libro mi diceva la verità e rispondeva a molte delle mie domande sulla vita. Ho deciso di praticare la Falun Dafa”. Un mese dopo è avvenuto un miracolo. Poteva stare in piedi! Sentiva il suo corpo leggero. Ha sperimentato dei cambiamenti radicali.

Vedendo la sua miracolosa guarigione, molti dei suoi parenti hanno iniziato a praticare la Falun Dafa.

In quei giorni, ogni mattina, nei parchi e nelle strade laterali, si potevano vedere gruppi di persone che facevano gli esercizi della Falun Dafa. La bella musica e i movimenti degli esercizi attiravano l’attenzione dei passanti. Jinju ha detto: “Una volta davo soldi alle persone per aiutarle. Ma ora dico loro quanto sia meravigliosa la Falun Dafa. La Dafa è il miglior regalo che si possa ricevere”. Ha comprato molte copie dello Zhuan Falun e le ha date ai suoi amici e colleghi. Ha fatto un viaggio speciale alla sua ex unità militare per dire loro quanto sia buona la Falun Dafa, tant’è vero che molti hanno iniziato a praticare e a beneficiare della Dafa.

“In occasione di un capodanno cinese, i membri della nostra famiglia si sono riuniti e siamo andati al tempio Jietai”, ha raccontato Jinjiu. Abbiamo fatto gli esercizi in un campo aperto e nel mentre ci siamo ripresi. A casa quando lo abbiamo riguardato, nel filmato si poteva scorgere come una grande copertura, tipo una tenda, che si apriva e i corpi della legge del Maestro formavano un cerchio attorno. Nello sfondo, sulla montagna, si potevano vedere molti Budda, Tao e Divinità.

“Quando abbiamo sentito che alcuni praticanti di Tianjin erano stati arrestati e che il nostro diritto di praticare legalmente la Falun Dafa era minacciato, ci è venuta l’idea di parlare e cercare giustizia per la Dafa. Così siamo andati in appello a Pechino”.

La persecuzione e la resistenza alla persecuzione

L'appello del 25 aprile ha avuto successo”,ha proseguito, “e tutti noi pensavamo che avremmo avuto un ambiente di coltivazione pacifico. Tuttavia il PCC nel luglio 1999 ha lanciato la persecuzione della Falun Dafa. Tutto quello che potevamo fare era andare in piazza Tiananmen per raccontare alla gente i fatti sul Falun Gong e chiedere la fine della persecuzione”.

“Molti dei miei parenti sono stati arrestati. Io sono stata arrestata tre volte. Ho detto alla polizia che quando ero paralizzata e disperata, la Falun Dafa mi aveva salvata e avevo potuto rialzarmi. Un detto cinese dice: “Un piccolo favore sarà ripagato con la gratitudine”. Il Maestro mi ha dato una seconda vita. Come potrei ascoltare quelle bugie e tradire il Maestro? Il Maestro ci insegna ad essere premurosi, buoni e a seguire i principi di Verità, Compassione e Tolleranza. Ho donato 20.000 yuan alle persone che hanno sofferto per la grande inondazione del sud nel 1998. Non l’avrei mai fatto prima di praticare la Falun Dafa. Quando una pratica così meravigliosa viene calunniata, non dovrei difenderla?”.

Sua sorella minore Wang Jingxiang è stata duramente perseguitata. È nata nel 1952. È diventata membro della squadra sportiva provinciale dello Shandong nel 1970, dopo di che ha lavorato per 20 anni nella scuola sportiva di Weifang come allenatrice professionista Era un’insegnante eccellente. Ha iniziato a praticare la Falun Dafa a ottobre 1996 e ha allestito un luogo di pratica dove decine di persone facevano gli esercizi sul terreno della scuola.

Wang Jingxiang, la sorella minore di Jinju

Il PCC ha iniziato la persecuzione del Falun Gong nel luglio 1999. Jingxiang è andata in piazza Tiananmen per cercare di avere giustizia per il Falun Gong, nell’ottobre di quell’anno e dopo il suo ritorno da Pechino è stata arrestata degradata dalla sua posizione alla scuola sportiva. Il 20 luglio 2000 è andata di nuovo in piazza Tiananmen per convalidare la Fa, ed è stata nuovamente arrestata.

Nel settembre 2000 sua figlia è andata a Pechino per preparare gli esami di ammissione all’università e anche Jingxiang era con lei. Nell’ottobre 2004, mentre stava distribuendo materiale informativo della Dafa in un edificio residenziale, è stata denunciata alla polizia e arrestata. Poiché non ha rinunciato alla sua fede, è stata mandata in diversi centri di detenzione dove è stata torturata. L’hanno detenuta in un campo di lavoro forzato per due anni e torturata fino quasi alla morte. Solo allora è stata rilasciata su cauzione per cure mediche. È morta nel settembre 2011.

Prima di morire, ha raccontato alcuni dei suoi calvari:

“Sono stata arrestata e portata in un campo di lavoro forzato e mi hanno detto che ogni praticante che arrivava lì doveva essere trasformato. Ho dichiarato che non mi sarei trasformata. Mi hanno messa su un letto di cemento e una sedia dietro la testa e dietro la schiena. Poi qualcuno si è seduto sulla sedia ferendomi la spina dorsale. Sono stata rinchiusa in una stanza piccola, umida ed estremamente fredda. Ero congelata e avevo le gambe intorpidite, non potevo camminare né stare in piedi. Non riuscivo ad aprire gli occhi. La testa mi martellava”.

“Poiché mi rifiutavo di rinunciare alla coltivazione, sono stata drogata diverse volte. La mia salute si è deteriorata e la mia vita era in pericolo. Hanno chiamato la mia famiglia per portarmi a casa. Sono stata rilasciata su cauzione medica tre mesi dopo”.

Le iniezioni tossiche le avevano reso le gambe insensibili; cadeva quando camminava, aveva ulcere e una costante febbriciattola. È morta nel settembre 2011.

Anche la sorella maggiore di Jinju è stata gravemente torturata. Jinju ha raccontato: “Mia sorella maggiore è stata condannata a otto anni di prigione. Anche se è stata torturata, è stata molto ferma e si è rifiutata di rinunciare alla sua fede. Durante un’estate calda, l’hanno tenuta esposta sotto il sole cocente per 40 giorni”.Grazie a delle conoscenze la mia famiglia ha chiesto a due funzionari dell'ufficio legale di vederla in prigione. Sono andati a trovarla diverse volte e hanno cercato di convincerla ad abbandonare la coltivazione. Lei ha raccontato loro della Falun Dafa, delle sue esperienze personali e di come tutta la nostra famiglia abbia beneficiato della Dafa. I due funzionari in seguito hanno detto: “Siamo stati quasi ‘trasformati’ da lei.

Le guardie della prigione ammiravano il suo coraggio. Quando è stata rilasciata una guardia le ha detto: “Sappiamo che sarai sempre una fenice dorata”.

La persecuzione non avveniva solo nelle prigioni e nei campi di lavoro forzato. Jinju ha commentato: “Il PCC ha distrutto veramente tante persone da quando ha iniziato a perseguitare il Falun Gong, per esempio mio fratello maggiore. Dopo aver praticato la Falun Dafa è guarito dalle malattie, ma ha smesso di praticare a causa della persecuzione insopportabile, ha avuto una ricaduta ed è morto. Se non ci fosse stata la persecuzione, sarebbe ancora vivo”.

Per chi sopportiamo le sofferenze?

Jinju si è trasferita in Canada nel 2004, l’anno della pubblicazione dei Nove Commenti sul Partito Comunista. È andata in prima linea e da allora è rimasta lì, ha raccontato alla gente della Falun Dafa, e distribuito i Nove Commentari e ha chiesto alle persone di dimettersi dal PCC. Spiega loro anche della persecuzione in Cina e parlando delle sue esperienze, della preziosità della Falun Dafa. Spera che la gente smetta di ascoltare e credere alle bugie del PCC.

Jinju a Queens Park, Toronto, insegna i cinque esercizi del Falun Gong ai viaggiatori a turisti cinesi

Jinju (al centro) che saluta i turisti alla TV Tower di Toronto

Jinju per più di 10 anni si è impegnata duramente e ha allestito molti siti per il chiarimento della verità con striscioni recanti le scritte: “La Falun Dafa è meravigliosa”. Durante il gelido inverno Jinju e altri praticanti chiariscono la verità ai turisti cinesi presso i siti turistici e fanno le telefonate di chiarimento della verità in Cina, durante la notte.

Alcune persone le hanno chiesto quanto viene pagata per questo. Lei affronta con calma queste domande che hanno talvolta un tono di sfida e incomprensione e normalmente spiega dicendo: “Sapete, in Cina i praticanti vengono arrestati e picchiati perché praticano la Falun Dafa e perché raccontano i fatti sulla Falun Dafa alla gente. Molti praticanti hanno perso la vita. Se non pensi veramente che la Falun Dafa sia buona, vorresti davvero andare in Piazza Tienanmen a dire “la Falun Dafa è buona” e rischiare di essere arrestato? Noi siamo qui solo per dirvi la verità e non chiediamo soldi. Speriamo solo che non crediate alle bugie, e lo facciamo sinceramente per il vostro bene”.

Jinju con uno striscione in mano, il 22 aprile 2021, fuori dal consolato cinese a Toronto per commemorare l’appello del 25 aprile 1999

L'esperienza della famiglia di Jinju è solo un riflesso delle migliaia e migliaia di famiglie cinesi. Tutti nella sua famiglia sono diventati praticanti e hanno vissuto felicemente. In questi 22 anni di persecuzione hanno sopportato veramente tante difficoltà e tribolazioni; ma non si arrendono, porteranno avanti, con lo stesso spirito dell’Appello del 25 aprile e continueranno a chiarire la verità alla gente. La Falun Dafa si è diffusa in tutto il mondo e ha ricevuto numerosi riconoscimenti. Più di 300 milioni di persone si sono dimesse dal PCC e dalle sue organizzazioni giovanili. Sempre più Paesi occidentali si stanno facendo avanti per dire “No al PCC”. Lo spirito e le ragioni morali dell’Appello del 25 aprile esisteranno per sempre.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione non commerciale è consentita, ma richiede l’attribuzione del titolo dell’articolo e un link all’articolo originale.

Versione cinese