(Minghui.org) La pandemia da coronavirus sta devastando il mondo dal 2020 e molte persone sono preoccupate per il loro futuro. Vorrei condividere alcuni dati e riflessioni su come possiamo osservare la situazione da una prospettiva diversa e assicurarci un futuro migliore.

La pandemia è fuori controllo

Ho raccolto e analizzato i dati pubblicati sui casi di coronavirus ed ecco i miei risultati.

Il numero di nuovi casi a livello globale continua ad aumentare. Ad esempio, ci sono stati oltre 10 milioni di casi nella prima metà del 2020 e oltre 70 milioni nella seconda metà. Nella sola prima metà di quest’anno, però, si sono registrati circa 99 milioni di casi, che hanno superato il numero totale di 83 milioni del 2020.

Ci sono voluti più di 180 giorni (da dicembre 2019 al 28 giugno 2020) per raggiungere i primi 10 milioni di casi confermati a livello globale e altri 43 giorni (dal 29 giugno al 10 agosto 2020) per raggiungere i secondi 10 milioni di casi.

I casi sono ulteriormente aumentati di 13 milioni nei successivi 49 giorni (dall'11 agosto al 28 settembre 2020), con una media di 37,69 (=49/13) giorni necessari per raggiungere ogni 10 milioni di casi aggiuntivi. Dal 29 settembre al 31 dicembre 2020 (94 giorni), c'è stato un aumento di 5,01 milioni di casi, con una media di 18,76 (= 94/5,01) giorni necessari per raggiungere ogni 10 milioni di casi aggiuntivi.

Nei primi sei mesi di quest’anno sono stati registrati un totale di 98.921.930 casi (181 giorni in totale), con una media di 18,3 (=181/9.892193) giorni necessari per raggiungere ogni 10 milioni di casi aggiuntivi.

Ciò indica che ci vuole sempre meno tempo per raggiungere ogni ulteriore dieci milioni di casi confermati. Abbiamo anche osservato una tendenza simile con i casi di morte. Mentre ci sono voluti 9 mesi (da dicembre 2019 a settembre 2020) per la morte del primo milione di persone, ci sono voluti solo 4 mesi (da settembre 2020 a gennaio 2021) per il secondo milione; 3 mesi (da gennaio ad aprile 2021) per il terzo milione, e meno di tre mesi (da aprile a luglio 2021) per raggiungere i quattro milioni a luglio. In particolare solo nella prima metà di quest’anno si sono registrati 2.129.715 decessi per coronavirus, 1.175 volte il numero totale (1.821 milioni) in tutto il 2020.

Di seguito una cronologia più dettagliata:

Secondo i dati raccolti dalla John Hopkins University (JHU), i casi cumulativi confermati hanno raggiunto 10 milioni entro il 28 giugno 2020 e 20 milioni entro il 10 agosto 2020 (Nota: le prove hanno dimostrato che la Cina ha significativamente sottostimato i casi, quindi i numeri reali potrebbe essere molto più alti).

Il 28 settembre 2020 ci sono stati 33 milioni di casi di virus e un milione di morti.

L'8 novembre 2020, il numero di casi aveva raggiunto i 50 milioni.

Secondo i dati in tempo reale di Worldometer, al 31 dicembre 2020 c'erano 83,1 milioni di casi con un bilancio delle vittime di 1,812 milioni; 58,89 milioni di pazienti sono stati in grado di guarire completamente.

Secondo i dati JHU, il numero di morti ha raggiunto i due milioni il 15 gennaio scorso.

Al 26 gennaio scorso, il numero totale di casi confermati ha superato i cento milioni, con un bilancio delle vittime di 2.149.818.

I decessi totali erano superiori a tre milioni al 17 aprile scorso.

Il 30 aprile i casi confermati hanno raggiunto i 150 milioni, il che significa che una persona su 50 nel mondo era stata infettata, meno di tredici mesi dopo che l'Organizzazione Mondiale della Sanità aveva dichiarato l'epidemia di coronavirus una pandemia globale.

Nella sola prima metà di quest’anno (tra il 1° gennaio e il 10 giugno), un totale di 1.884.146 persone hanno perso la vita a causa del coronavirus, quando il bilancio totale delle vittime nel 2020 era stato di 1.880.510. In altre parole, il virus ha ucciso più persone nella metà del tempo rispetto allo scorso anno.

A partire dal 7 luglio, i decessi totali hanno superato i 4 milioni, ovvero più della metà della popolazione di Hong Kong, o quasi la metà della popolazione della città di New York. Il Peace Research Institute di Oslo ha stimato che questo numero è uguale a tutte le morti di guerra a livello globale dal 1982 ad oggi. Alla fine di luglio scorso c'erano più di 197 milioni di casi e più di 4,2 milioni di morti.

Nuove varianti

Quando il numero di morti ha raggiunto i 4 milioni, il 7 luglio, gli esperti hanno affermato che la situazione era cambiata e che ora si trattava di una battaglia tra vaccini e varianti altamente infettive come la Delta.

Tali preoccupazioni provenivano dall'improvviso aumento dei casi a partire dalla fine di giugno scorso. Israele, ad esempio, ha scoperto che il 90% dei suoi nuovi casi erano dovuti alla variante Delta. A peggiorare le cose circa il 50% degli adulti appena infettati era stato completamente vaccinato. Delle 9,3 milioni di persone nel Paese, circa il 55% aveva ricevuto due dosi del vaccino Pfizer, compresi i bambini tra i dodici e i quindici anni.

Una situazione simile è stata osservata altrove. “Mentre la variante Delta del coronavirus si diffonde nel Regno Unito, quasi la metà dei recenti decessi di Covid-19 del Paese sono di persone che sono state vaccinate”, ha riportato il Wall Street Journal il 2 luglio in un articolo intitolato “Alcuni vaccinati”. Le persone muoiono di Covid-19. Ecco perché gli scienziati non sono sorpresi.

In effetti, il 6 luglio il Regno Unito ha riportato il maggior numero di nuovi casi (28.773) in un solo giorno dal 29 gennaio scorso. Ha anche fatto registrare il maggior numero di decessi (37) dal 23 aprile scorso. È una cosa sconcertante dalla prospettiva dell'immunità di gregge, che richiede che il 60-70% della popolazione sia vaccinato o sia stata già esposto al virus, perché l'86,2% degli adulti britannici aveva almeno una dose di vaccino e il 64,3% ne aveva due.

Con i nuovi casi giornalieri che salgono a 500.000 in tutto il mondo, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha avvertito il 15 luglio che in futuro potrebbero emergere nuove varianti potenzialmente pericolose. “La pandemia non è affatto finita”, ha osservato Didier Houssin dell'OMS.

Tale preoccupazione è supportata dalla crescente diffusione della malattia. I dati mostrano che nel solo luglio sono stati registrati 15,03 milioni di nuovi casi, molti di più rispetto a giugno.

Finora quattro varianti hanno dominato la pandemia da coronavirus, tra cui Alpha, Beta, Gamma e Delta. Dopo essere emersa in India nell'ottobre 2020, la variante Delta si è ora diffusa in oltre 130 Paesi.

“La variante Delta è un avvertimento che questo virus si sta evolvendo, ma è anche un invito all'azione prima che emergano varianti più pericolose”, ha avvertito Michael Ryan, direttore esecutivo delle emergenze sanitarie dell'OMS, il 30 luglio.

La pandemia e i valori tradizionali

L'ultimo anno e mezzo è stato un periodo caotico. I medici e i governi stanno cercando di contenere il virus e controllarne la diffusione, ma i loro sforzi non stanno dando i risultati sperati. Potrebbe essere il momento di fare un passo indietro e valutare questo problema in maniera olistica.

Nei tempi antichi, specialmente in Cina, la gente in generale credeva nell'armonia del cielo, della terra e dell'umanità. Quando i valori morali venivano ignorati e la società era corrotta, spesso si verificavano piaghe e altri disastri.

Limitazioni delle contromisure attuali

Guardando indietro alle piaghe del passato, si vede che molto spesso erano al di fuori del controllo delle persone. Nonostante le moderne tecnologie, le persone possono comunque venire colte alla sprovvista quando si verificano determinati disastri, come tsunami e guerre. La pandemia in corso è un altro esempio.

Come risultato del sistematico insabbiamento e disinformazione perpetrato dal Partito Comunista Cinese (PCC), il virus si è diffuso rapidamente in altri Paesi. Nel marzo 2020 l'Italia ha annunciato che stava chiudendo le città e attuando politiche di quarantena, ma è stata comunque duramente colpita dal virus. Dopo che nel dicembre 2020 una variante è stata identificata nel Regno Unito, la contea ha immediatamente avviato rigorose misure di isolamento. Ma i nuovi casi hanno continuato ad aumentare nelle settimane successive e sia i nuovi casi giornalieri che i decessi giornalieri a gennaio hanno battuto i record. Negli Stati Uniti, la California, che aveva le politiche più rigorose, aveva anche il maggior numero di casi e decessi.

“In questo ciclo di studio abbiamo visto che il numero di persone infette è rimasto elevato e non abbiamo prove concrete che le infezioni stiano diminuendo in Inghilterra”, ha osservato Steven Riley, professore di Dinamica delle malattie infettive presso l'Imperial College di Londra. “Stiamo lavorando per capire meglio perché stiamo assistendo a queste tendenze quando il Paese è in isolamento, compreso lo studio della nuova variante, in modo che i responsabili politici possano rispondere con urgenza per aiutare a ridurre le infezioni e salvare vite umane”.

Alcuni membri della squadra economica della Casa Bianca hanno anche scoperto che i lockdown non contenevano il virus e talvolta lo peggioravano. Tuttavia molti Paesi, inclusa la Cina, hanno continuato con questa politica, poiché il numero di nuovi casi aumenta drasticamente in molti luoghi.

Ora è il momento di ripensare alla situazione. Ad esempio, il 19 luglio il governo del Regno Unito ha revocato tutte le restrizioni relative al Covid-19, inclusi i requisiti di distanziamento sociale e mascherine. Ma il numero di nuovi casi ha continuato a diminuire nei successivi sette giorni. Questo potrebbe offrirci alcune idee su modi alternativi per gestire la pandemia.

Un altro argomento correlato è la vaccinazione. Sotto l'autorizzazione all'uso in situazioni di emergenza (EUA), diversi vaccini sono stati rapidamente approvati e alla fine del 2020 il primo gruppo di persone (principalmente nei Paesi sviluppati) è stato sottoposto ad essi.

La pandemia continua nel 2021, provocando più casi e decessi. Anche dopo che molte persone si sono vaccinate, il virus si sta comunque diffondendo in lungo e in largo, distruggendo le speranze delle persone per una rapida vittoria sul virus attraverso la vaccinazione.

Le piaghe hanno gli occhi

La pandemia è simile a una pioggia torrenziale in quanto può essere violenta un momento ma meno subito dopo. Quando le inondazioni seguono gli acquazzoni, le persone si affrettano ad attuare misure a breve termine per ridurre il loro impatto, simili alle quarantene e ai blocchi nel caso della pandemia. Mentre gli acquazzoni si trasformano in pioggerellina o addirittura si fermano temporaneamente, le persone celebrano il “successo” del controllo delle inondazioni e tornano a godersi la vita di tutti i giorni come al solito. Allo stesso modo, quando i casi di pandemia sono diminuiti momentaneamente, le persone hanno dimenticato il dolore e hanno ripreso la loro vita normale.

Ma poiché le cause fondamentali rimangono incontrollate, tali catastrofi ritornano. Nel corso della storia, le inondazioni sono andate e venute, così come le piaghe come il vaiolo, la peste bubbonica, la peste nera, la SARS e ora il Covid-19.

In tutte le culture, fin dall'antichità, si crede che le piaghe giungano per una ragione e che servano come avvertimento (o punizione) per le azioni sbagliate delle persone. In effetti ci sono molte indicazioni sul fatto che le persone buone saranno benedette e hanno meno probabilità di infettarsi durante le piaghe.

Un esempio è l'antico Impero Romano, che fu inondato da ondate di pestilenze. A quel tempo molti imperatori e molti soldati che perseguitavano i cristiani persero la vita a causa di queste piaghe. Al contrario i cristiani in generale erano immuni e pochissimi vennero infettati. Apparentemente la malattia arrivò a causa della soppressione dei cristiani. Dopo alcuni secoli le pestilenze scomparvero misteriosamente insieme alla fine dell'Impero Romano.

Una situazione simile si verificò alla fine della dinastia Ming in Cina. Scoppiò una piaga che infettò solo i soldati della dinastia Ming ma non l'esercito manciù. Quando l'imperatore Shunzhi dichiarò l'istituzione della dinastia Qing, tuttavia, la malattia scomparve misteriosamente.

Anche la pandemia in corso non sembra infettare le persone in modo casuale. I dati mostrano che il virus colpisce i luoghi che sono stati pesantemente influenzati dal PCC. Negli ultimi decenni, molti Paesi occidentali hanno abbracciato il PCC per ragioni economiche ignorando le deplorevoli violazioni dei diritti umani. La maggior parte di questi Paesi è stata duramente colpita durante la pandemia. Al contrario, sia i tassi di infezione che di mortalità a Taiwan sono stati estremamente bassi anche se si trova molto vicino alla Cina continentale. Infatti sia i funzionari che i comuni cittadini di Taiwan diffidano dell'infiltrazione del PCC. Hanno anche preso contromisure concrete contro il Partito.

Tale tendenza è stata osservata anche all'interno della Cina. Dalle liste circolate online di diversi datori di lavoro, il tasso di mortalità dei membri del PCC a causa del virus appare molto più alto rispetto ai normali cittadini. Sebbene i membri del PCC siano solo il 6,4% della popolazione cinese, i loro tassi di mortalità vanno dal 64% all'88%.

La connessione mente-corpo

Ai tempi dell'antico Impero Romano, molte persone erano sorprese di vedere che i cristiani avevano meno probabilità di essere infettati dalle malattie che dilagavano. Dopo averci pensato bene, divennero ricettivi agli insegnamenti cristiani e si pentirono delle loro malefatte, e molte persone guarirono miracolosamente dalla malattia.

Huangdi Neijing (Canone Interiore dell'Imperatore Giallo), uno dei primi e più conosciuti classici della medicina cinese, disse: “Quando una persona ha il giusto qi (energia) che risiede dentro, nessuna malvagità può invaderlo”.

In questo momento il PCC è la più grande minaccia per il mondo.L’insabbiamento sistematico e la disinformazione del regime hanno permesso al virus di diffondersi rapidamente in tutto il mondo. Ecco perché molte persone chiamano l'agente patogeno il “virus del PCC”.

In Cina, il Falun Gong è il più grande gruppo soppresso dal PCC. Circa cento milioni di praticanti sono stati perseguitati dal regime dal 1999 per la loro fede nei principi di Verità, Compassione e Tolleranza. Ci sono stati molticasi riportati da Minghui in cui le persone sono state benedette con salute e sicurezza tenendo a mente le frasi “La Falun Dafa è buona, Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”.

Attenzione agli avvertimenti

Molti esempi nella storia hanno dimostrato che, quando la morale di una società è corrotta, le persone corrono un pericolo. Un esempio è Pompei e la sua cultura degenerata, sepolta nelle ceneri di un vulcano.

Abhigya Anand, un bambino astrologo in India, ha fatto molte previsioni sulla pandemia, tante delle quali si sono avverate. Ha detto che la pandemia era legata agli scarsi valori morali e che i vaccini non avrebbero risolto tutti i problemi. In effetti fare troppo affidamento su medicine e vaccini potrebbe peggiorare ulteriormente la malattia. Ha detto che l'unica soluzione adeguata era risvegliare i cuori delle persone, come tornare alla fede.

Anand ha anche previsto che la pandemia potrebbe peggiorare. Anche altre profezie, come quella di Liu Bowen della dinastia Ming cinese, hanno previsto la pandemia.

Riepilogo

Da quando ha preso il potere nel 1949, il PCC ha ucciso decine di milioni di persone innocenti durante le sue campagne politiche. La grande carestia cinese (1959-1961) da sola ha tolto la vita ad almeno 45 milioni di persone. Tuttavia, attraverso incentivi economici e infiltrazioni ideologiche, il regime ha attivamente promosso la sua agenda comunista in tutto il mondo.

La pandemia da coronavirus è probabilmente un avvertimento. Il PCC non solo ha diffuso il virus nel mondo, ma ha anche nascosto i numeri reali e si è vantato del suo “successo” mentre vendeva i suoi vaccini a livello globale. Sebbene questi vaccini non siano riusciti a controllare le infezioni, il PCC si è presentato comunque come un “salvatore” del mondo.

Da quando i Nove Commentari sul Partito Comunista sono stati pubblicati nel 2004, più di 380 milioni di cinesi si sono dimessi dalle organizzazioni del PCC. Rifiutando il PCC, sia i cinesi che le persone in altri Paesi saranno benedetti assicurandosi un futuro più sicuro.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale

Versione cinese