(Minghui.org) Zhang Chao, un residente della città di Weifang nella provincia dello Shandong, che ha scontato quattro anni per la sua fede nel Falun Gong, è stato sottoposto a "stretta sorveglianza" per due mesi nella prigione n. 4 dello Shandong, a partire dal 7 gennaio scorso. L’uomo è stato legato al letto della morte per i primi quindici giorni e ha frequentato il corso di lavaggio del cervello per il resto del tempo.

Zhang ha iniziato a praticare il Falun Gong, una disciplina per il benessere della mente e del corpo, nel 1995. Dopo che il regime comunista cinese ha lanciato la persecuzione contro la pratica nel 1999, è stato arrestato diverse volte e la sua abitazione è stata saccheggiata. Il suo ultimo arresto è avvenuto dopo aver cercato di impedire alla polizia di perquisire la residenza di sua madre, anche lei praticante del Falun Gong.

Ricostruzione della tortura: legato al “letto della morte”

L'arresto

Il 31 ottobre 2019 la madre di Zhang, la signora Wang Zhen, è stata denunciata per aver parlato con alcune persone del Falun Gong davanti ad un ospedale, ed è stata arrestata. La polizia si è recata a casa di Wang intorno alle 15:00 per perquisirla mentre i suoi due figli, incluso Zhang, le stavano facendo visita. Dopo aver visto la polizia, i fratelli hanno tentato di impedire loro di fare irruzione in casa e li hanno esortati a non partecipare alla persecuzione.

Gli agenti hanno quindi chiamato la polizia armata, che è arrivata velocemente su tre auto. Il fratello è stato arrestato immediatamente mentre Zhang, sebbene sia scappato, è stato arrestato due giorni dopo. I due fratelli sono stati trattenuti nel centro di detenzione della città di Weifang, mentre Wang è stata rilasciata su cauzione la sera del 31 ottobre a causa di problemi di salute.

LaProcuradistrettuale di Kuiwen ha approvato l'arresto di Zhang il 6 dicembre 2019. È stato accusato di "mettere in pericolo la sicurezza pubblica ed disturbare il servizio pubblico con azioni pericolose".

Per aver gestito il caso di Zhang, Gu Zhiyong, della Divisione di Sicurezza Interna, e Cao Junyong, del Dipartimento di Polizia di Kuiwen, sono stati ricompensati.

Condanna

Il 21 maggio 2019 la procura ha chiamato Zhang cercando di costringerlo a dichiararsi colpevole, ma lui ha rifiutato.

Il 24 giugno 2019 i suoi familiari hanno ricevuto un avviso in cui si chiedeva loro di dire all’avvocato di recarsi in tribunale il 29 giugno. Tuttavia l'avvocato non è andato, poiché il centro di detenzione si è rifiutato di fargli incontrare Zhang e il processo di gestione del caso non era chiaro. L'avvocato ha spiegato che avrebbe preso in considerazione la possibilità di partecipare all'udienza in tribunale solo dopo che gli fosse stato permesso di incontrarsi con Zhang.

Il tribunale distrettuale di Kuiwen ha tenuto due udienze virtuali, rispettivamente il 28 luglio 2019 e il 21 agosto 2020. Zhang è stato condannato a quattro anni in una terza udienza il 28 settembre 2020. Suo fratello, che non pratica il Falun Gong, è stato condannato a sei mesi con un anno di libertà vigilata.

Il tribunale ha concesso a Zhang dieci giorni, compresi i giorni festivi ed i fine settimana, per appellarsi contro il verdetto. La finestra di appello copriva gli otto giorni di pausa per le festività nazionali (1-8 ottobre), che includevano la festa di metà autunno e l'anniversario della fondazione del regime comunista, entrambi cadono il 1° ottobre. La famiglia di Zhang sospetta che il tribunale l’avrebbe deliberatamente condannato il 28 settembre nel tentativo di impedirgli di fare appello. È stato riferito che le autorità hanno anche chiesto al fratello di Zhang di cercare di persuaderlo a rinunciare ad appellarsi contro il verdetto, perché ci sarebbero state poche possibilità di successo.

A metà aprile dello scorso anno il praticante è stato condotto nella prigione di Zibo e dall'8 dicembre si rifiuta di svolgere i lavori forzati in carcere.

I suoi familiari hanno ricevuto una telefonata dalla prigione il 14 dicembre in cui si chiedeva loro di persuadere Zhang tramite videochiamata a collaborare, o sarebbe stato messo sotto stretta sorveglianza.

Quando i familiari hanno chiamato la prigione il 20 dicembre, nessuno ha risposto al telefono.

Le guardie hanno chiamato la famiglia di Zhang il 4 gennaio scorso per informarla che il loro caro sarebbe stato sottoposto a stretta sorveglianza a partire dal 7 gennaio.

La familiari avrebbero dovuto fargli visita il 12 gennaio scorso, ma la data della loro visita è stata posticipata al 26 gennaio. La prigione ha successivamente annullato la visita e non ha risposto al telefono quando la famiglia ha chiamato.

Articolo correlato

Two Brothers Sentenced for Preventing Police from Ransacking Mother’s Home

Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano le opinioni o comprensioni dell'autore. Tutti i contenuti pubblicati su questo sito Web sono protetti da copyright di Minghui.org. Minghui produrrà compilation dei suoi contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese