(Minghui.org) Durante l'Olocausto sono state uccise milioni di persone e da allora molti ricercatori hanno studiato come ciò sia potuto accadere. Tra loro c'era lo psicologo Stanley Milgram dell'Università di Yale. I suoi studi sull'obbedienza all'autorità, noti come esperimento di Milgram, hanno contribuito a spiegare le atrocità naziste e hanno anche fatto luce sui successivi abusi.

L'esperimento Milgram

Milgram ha iniziato il suo esperimento nel luglio 1961, un anno dopo che Adolf Eichmann era stato processato a Gerusalemme. Milgram ideò l'esperimento per indagare sulla validità di una spiegazione comune sull'Olocausto, cioè che i tedeschi erano particolarmente obbedienti alle figure autoritarie.

Nell'esperimento Milgram ha reclutato quaranta volontari per partecipare a uno studio sulla memoria e sull'apprendimento. Sono stati presentati ad una persona complice di Milgram, che ha finto di essere un partecipante. Hanno tirato a sorte per scoprire chi avrebbe interpretato il ruolo di "insegnante" e chi avrebbe interpretato lo "studente". Ma il sorteggio era truccato in modo che il partecipante fosse sempre l'insegnante e il complice di Milgram fosse sempre lo studente.

Seguendo le istruzioni dello sperimentatore lo studente si posizionava seduto su una sedia con le braccia legate e un elettrodo attaccato al polso, e gli venivano quindi date un elenco di coppie di parole da imparare.

L'insegnante, dopo aver visto lo studente, veniva condotto in un'altra stanza, dove era seduto davanti a un generatore di scosse elettriche. Gli veniva richiesto di nominare una parola e chiedere allo studente di pronunciare quella corrispondente della coppia. Quando veniva ricevuta una risposta corretta l'insegnante passava alla successiva. Se veniva ricevuta una risposta errata l'insegnante infieriva una scossa elettrica allo studente da 15 volt, con incrementi successivi di 15 volt fino alla scossa massima di 450 volt.

In realtà lo studente fingeva solo di venire attraversato dalla corrente ma non c'era in realtà alcuna scossa elettrica. Lo scopo dell'esperimento era quello di valutare come una persona avrebbe agito in una situazione concreta e calcolabile.

Risultato inaspettato

Milgram ha scoperto che il 65% dei partecipanti all'esperimento ha applicato il più alto livello di elettroshock da 450 volt, che avrebbe potuto portare a gravi danni o persino alla morte dello studente. Questo è stato molto diverso dal sondaggio pre-esperimento, che rilevava che meno del 3% dei partecipanti avrebbe applicato scosse elettriche allo studente per aver dato delle risposte sbagliate.

Ogni partecipante ha sospeso l'esperimento almeno una volta per chiedere allo sperimentatore se dovesse continuare ad applicare scosse elettriche per le risposte sbagliate, ma la maggior parte ha continuato dopo aver ricevuto il consenso. Successivamente Milgram e altri psicologi hanno eseguito altri esperimenti simili, che hanno portato agli stessi risultati.

Un risultato così inaspettato potrebbe aiutare a spiegare delle tragedie come quella dell'Olocausto.

"Le persone comuni, semplicemente facendo il loro lavoro, e senza alcuna particolare ostilità di fondo, possono diventare gli agenti di un terribile processo distruttivo", ha scritto Milgram nel libro Obbedienza all'Autorità. "Inoltre, anche quando gli effetti distruttivi del loro lavoro diventano palesemente chiari, e viene chiesto loro di compiere azioni incompatibili con gli standard fondamentali della moralità, relativamente poche persone hanno le capacità necessarie per resistere all'autorità".

Da una sola persona a una soppressione a livello nazionale

Sfortunatamente simili tragedie si sono verificate di nuovo in tempi più recenti. Da quando l'ex leader del Partito (PCC) Jiang Zemin ha iniziato a perseguitare il Falun Gong, nel luglio 1999, decine di milioni di praticanti sono stati presi di mira per aver sostenuto la loro fede in Verità, Compassione e Tolleranza.

Un gran numero di praticanti sono stati arrestati, detenuti, imprigionati, torturati o addirittura uccisi. Alcuni hanno subito abusi psichiatrici e altri sono stati uccisi su commissione per i loro organi, come cuore, fegato e polmoni.

La persecuzione è stata attuata attraverso un'organizzazione di tipo Gestapo nota come Ufficio 610, istituita il 10 giugno 1999. Simile all'Olocausto, "queste politiche disumane possono aver avuto origine dalla mente di una singola persona, ma avrebbero potuto essere attuate su larga scala solo se un numero molto elevato di persone avesse obbedito agli ordini", ha scritto Milgram.

Proprio come i criminali di guerra nazisti che sono stati ritenuti responsabili nei processi di Norimberga, anche i funzionari del PCC coinvolti nella persecuzione dovranno affrontare delle conseguenze, prima o poi.

In effetti il PCC è noto per aver giustiziato vari capri espiatori per attenuare la rabbia pubblica dopo diverse campagne politiche. Un esempio è accaduto dopo la Rivoluzione Culturale del Presidente Mao: 793 agenti di polizia e 17 ufficiali militari sono stati portati nella remota provincia dello Yunnan e giustiziati segretamente. Le loro famiglie hanno ricevuto solo un pezzo di carta: "Avviso di morte nell'espletamento del proprio dovere". Liu Chuanxin, allora capo della polizia di Pechino, aveva sentito parlare del piano, ha visto il suo nome sulla lista e si è suicidato in anticipo.

Nel 1989 Ingo Heinrich, un soldato della Germania dell'Est, ha ucciso Chris Gueffroy, mentre quest'ultimo e il suo amico cercavano di attraversare il muro di Berlino. Sebbene Heinrich si ritenesse innocente poiché stava semplicemente eseguendo un ordine, il giudice ha sentenziato che, se da un lato sarebbe stato effettivamente inappropriato per lui disobbedire all'ordine, non avrebbe però causato alcun danno se la pistola l'avesse sollevata un centimetro più in alto risparmiando la vittima. Quando le leggi contraddicono la coscienza, è a quest'ultima ha che si deve dare più peso. Alla fine Heinrich è stato condannato.

Ecco un altro esempio.

Nel 2004 la persecuzione del Falun Gong stava dilagando e Jiang Zemin aveva inviato i suoi agenti all'estero pera cercare un "accordo" con il Falun Gong. Se avessero smesso di ritenere Jiang responsabile dei suoi crimini avrebbe fermato la repressione. Ha anche proposto la famigerata condizione di "uno per uno", cioè che per ogni praticante del Falun Gong morto nella persecuzione il PCC avrebbe giustiziato lo stesso numero di agenti dell'Ufficio 610 e agenti di polizia.

Ma i rappresentanti del Falun Gong hanno rifiutato questa "offerta" poiché non volevano che Jiang si sottraesse alle sue responsabilità a costo della vita di agenti ordinari. Hanno quindi continuato a chiedere la fine della persecuzione e a ritenere responsabili i suoi principali esecutori.

L’importanza della coscienza

I 40 partecipanti all'esperimento Milgram avevano un'età compresa tra i 20 e i 50 anni e provenivano dall'area di New Haven nel Connecticut. I loro lavori andavano da nessuna qualifica a professionisti. Sotto pressione tutti hanno scelto di obbedire all'autorità anche se ciò significava danneggiare persone innocenti.

Questo è quello che è successo in Cina durante la repressione del Falun Gong. Alla fine, Milgram ha scritto: "Le tirannie vengono perpetuate da uomini diffidenti che non possiedono il coraggio di mettere in atto le loro convinzioni".

Alcuni agenti di polizia, giudici giudiziari o guardie carcerarie possono essere buoni genitori di fronte ai loro figli, ma di fronte alla persecuzione spietata non si preoccupano più di ciò che è giusto o sbagliato. La loro priorità è di seguire gli ordini, portare a termine i loro incarichi e mantenere i posti di lavoro.

Di conseguenza il loro seguire ciecamente gli ordini ha portato a una persecuzione senza precedenti contro il Falun Gong, che comprende il prelievo forzato di organi dai praticanti ancora in vita.

I praticanti del Falun Gong non hanno un'agenda politica e non hanno nemici; vogliono semplicemente essere cittadini migliori. Aiutando il PCC a perseguitare i praticanti innocenti del Falun Gong, tuttavia, gli agenti del PCC e i cittadini comuni hanno messo a repentaglio il loro futuro.

Ma il PCC è un regime feroce con un'ideologia di brutalità, odio e menzogna. Coloro che lo seguono a commettere crimini potrebbero un giorno diventare capri espiatori.

Solo nel 2021 un gran numero di funzionari del PCC sono stati indagati o rimossi per vari motivi. Includevano 36 funzionari di livello ministeriale, 3.024 funzionari a livello di dipartimento e 25.000 funzionari a livello di contea.

Quindi il modo per rimanere al sicuro è semplicemente quello di smettere di partecipare alla persecuzione e allontanarsi dal PCC. Quando saremo in grado di seguire la nostra coscienza e credere nel bene, ci saranno le opportunità per assicurarci un futuro migliore.

Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano i punti di vista o le comprensioni dell'autore. Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese