(Minghui.org) Dal 24 ottobre, ogni fine settimana a Ottawa, i praticanti locali della Falun Dafa raccolgono firme per una petizione che chiede la fine dei crimini del Partito Comunista Cinese (PCC) contro il suo stesso popolo. Molte persone hanno firmato la petizione e condannato la persecuzione nei confronti della Falun Dafa.

I praticanti di Ottawa raccolgono firme presso le principali zone di passaggio della città

Louise Larocque (a sinistra) sostiene l'uso del Magnitsky Act per sanzionare i funzionari del PCC

Louise Larocque, ex dipendente del tribunale oramai in pensione, ha firmato la petizione per chiedere al governo canadese di intraprendere alcune azioni legali contro i funzionari del PCC, come il divieto di entrare in Canada ed il congelamento dei loro beni. La donna ha affermato di aver letto un rapporto del partito sul prelievo forzato di organi. È consapevole del fatto che i praticanti si sforzano di essere brave persone e praticano la compassione, eppure vengono uccisi dal PCC.

Indicando un'immagine di una madre con suo figlio, Louise ha affermato: «Sono stati uccisi! Il PCC non ha risparmiato nemmeno la vita di un bambino. I suoi funzionari hanno commesso crimini enormi incarcerando persone innocenti, torturandole ed uccidendole... tutto ciò che il PCC ha fatto è malvagio... non si dovrebbe permettere che tale persecuzione continui».

Julie Hunt ha detto: «Non siamo contro il popolo cinese, siamo contro il PCC»

Julie Hunt, anche lei ex dipendente del tribunale, segue le notizie sulla Falun Dafa da dieci anni. Ha affermato che il modo con cui il PCC ha coperto la pandemia di coronavirus, l'ha risvegliata sulla natura malvagia del partito. La donna ha firmato la petizione, sottolineando che il PCC sta perseguitando il Popolo cinese e che ha insabbiato la scoperta del virus, scatenando una pandemia a livello globale.

«La persecuzione è terribile!», ha ribadito, «Ho seguito le notizie per quasi dieci anni. È incredibile! Il mondo deve svegliarsi, prestando più attenzione alla Cina. Non siamo contro il popolo cinese, ma contro il PCC!».

Jason Renee Smith, un abitante del posto, ha affermato di aver appreso molte cose sul Partito Comunista da un suo amico, proveniente dall'ex Unione Sovietica: «Il Partito Comunista non si preoccupa delle persone, che tratta come animali e le considera solo dei numeri. Chiunque sia contrario alle loro idee, è considerato una nemico. A loro piace affermare di "condividere le risorse", ma non è vero. Tutto ciò che fanno è per loro stessi e per la loro supremazia». Jason considera il Partito Comunista una banda criminale.

Una donna, che ha firmato la petizione a Wellington Street, ha confidato ad un praticante: «Vengo dalla Polonia e conosco la natura del Partito Comunista. Il comunismo fa perdere la propria umanità». Ha detto di ammirare il coraggio dei praticanti e li ha ringraziati per il loro impegno.

Anche alcuni canadesi cinesi hanno espresso il loro apprezzamento per gli sforzi dei praticanti. Uno di loro ha affermato: «Capisco ciò che fate. La Falun Dafa è fantastica!». 

Versione cinese