(Minghui.org) Il 17 novembre 2020 l'onorevole Erin O'Toole, leader del Partito Conservatore del Canada, ha presentato una mozione che chiede al governo di agire contro il Partito Comunista Cinese (PCC). Nel documento, O'Toole ha affermato che il PCC minaccia gli interessi e i valori nazionali del Canada. Ha chiesto al governo di decidere, entro trenta giorni dall'adozione della mozione da parte del Congresso, se Huawei potrà partecipare alla rete 5G canadese e di sviluppare un piano per contrastare le operazioni illegali del PCC in Canada.

L'onorevole Erin O'Toole, leader del Partito Conservatore del Canada

È ora di agire

Il parlamentare O'Toole ha detto: “Adesso è il momento di agire!”.

La mozione dell'opposizione sostiene che, dato che la Repubblica Popolare Cinese, sotto la guida del Partito Comunista Cinese, sta minacciando l'interesse nazionale del Canada e i suoi valori, inclusi i canadesi di origine cinese all'interno dei confini del Canada, è essenziale che il Canada disponga di una politica estera forte, basata su principi e sostenuta da un'azione in accordo con i suoi alleati.

La Camera ha invitato il governo a (a) prendere una decisione sul coinvolgimento di Huawei nella rete 5G del Canada entro trenta giorni dall'adozione della mozione; e a (b) sviluppare un solido piano, come ha fatto l'Australia, per combattere le crescenti operazioni estere della Cina in Canada e la sua crescente intimidazione nei confronti dei canadesi che vivono in Canada, e presentarlo entro trenta giorni dall'adozione della mozione.

Dall'inizio di dicembre 2018 il regime comunista cinese ha incarcerato i cittadini canadesi Michael Kovrig e Michael Spavor. Questa mossa è generalmente considerata una vendetta del PCC dopo che il Canada, in conformità con il trattato di estradizione Canada-USA, ha arrestato Meng Wanzhou, un dirigente di Huawei accusato di frode criminale negli Stati Uniti.

Ritenendo che Huawei stia spiando per conto del PCC, gli Stati Uniti continuano a imporre divieti sulle apparecchiature Huawei all'interno dell'alleanza Five Eyes per condivisione di intelligence.

O'Toole ha detto: “Adesso è il momento di agire! Innanzitutto, chiediamo al governo liberale di farsi finalmente valere e prendere una decisione sul coinvolgimento di Huawei nella rete 5G del Canada entro trenta giorni dall'adozione di questa mozione”.

Nei suoi rapporti con il Canada, il PCC ha commesso crimini come il furto di proprietà intellettuale, la contraffazione e la pirateria digitale; O'Toole ha detto: “Sono la realtà!”.

Sulla questione dei cinesi canadesi minacciati dagli agenti del PCC, il parlamentare ha affermato: “Quando una dittatura ha così tanta influenza che la questione di proteggere i cittadini canadesi sul suolo canadese è aperta al dibattito, sai di avere un problema”.

O'Toole spera che il Congresso possa tenere un dibattito sulla questione ed elaborare una strategia per gestirla.

L'intimidazione straniera sul suolo canadese non sarà tollerata

L'onorevole Francois-Philippe Champagne, ministro degli Affari esteri del Canada

Alla domanda sull'incidente di agenti cinesi che intimidiscono le persone in Canada, il ministro degli Affari esteri Francois-Philippe Champagne ha detto che tali comportamenti da parte dei governi stranieri non saranno tollerati e che potrebbero essere presentate accuse penali contro gli autori.

Secondo quanto afferma Global News, Champagne ha risposto: “Questo è qualcosa che preoccupa gravemente me e i miei colleghi. Qualsiasi segnalazione di molestie e intimidazioni nei confronti di individui in Canada è preoccupante e non sarà tollerata”.

Ha incoraggiato coloro che subiscono intimidazioni e minacce a denunciare i fatti alla polizia. Ha affermato: “La Royal Canadian Mounted Police continuerà a indagare, al fine di avanzare accuse ai sensi del codice penale. Il ministro della Sicurezza pubblica adotterà presto misure aggiuntive per proteggere la sicurezza e l'incolumità dei canadesi”.

Champagne ha riconosciuto che il governo canadese ha bisogno di un “nuovo approccio” per trattare con la Cina e che deve lavorare con gli alleati per difendere i diritti umani e il rispetto delle leggi internazionali. Ha concluso: “La Cina pone alcune delle più impegnative sfide di politica estera del nostro tempo”.

Versione cinese