(Minghui.org) Prima di iniziare a praticare la Falun Dafa non avevo una buona salute. Avevo dolori in tutto il corpo e gonfiore al viso e alla schiena. Spesso mi sentivo stordita, come se il cielo girasse, e di notte non riuscivo a respirare. Riuscivo a malapena a dormire. Secondo gli esami fatti all’ospedale, le mie condizioni erano causate da una malattia cardiaca. Sono stata ricoverata più volte in ospedale e ho speso molti soldi, ma non è servito a nulla.

La Falun Dafa è incredibile

Nel 1998, le mie sorelle sono venute a trovarmi. Sono rimaste a casa mia per una settimana, ma non sono riuscita a cucinare per loro a causa della mia salute precaria. Il giorno prima che partissero, mia sorella minore mi ha detto: “Credo che sia giunto il momento di praticare la coltivazione”. Mi ha mostrato i cinque esercizi della Falun Dafa. Non aveva con sé lo Zhuan Falun, ma solo alcune lezioni del Maestro e alcuni articoli di condivisione delle esperienze di coltivazione di alcuni praticanti. Quando siamo uscite quella sera, abbiamo incontrato un praticante della Falun Dafa locale e mia sorella gli ha chiesto di darmi una copia dello Zhuan Falun. Così ho ricevuto questo prezioso libro.

Dopo aver iniziato a leggere la Fa da sola, le mie malattie si sono presto risolte. Mi sono sentita piena di energia ed ero nuovamente in grado di lavorare. Quando avevo tempo, leggevo le lezioni del Maestro. Sentivo che la Dafa era buona.

Dopo diversi tentativi ho finalmente trovato dove si riuniva il gruppo di praticanti locali. Un giorno non ho potuto aprire la mia bancarella perché pioveva, così sono andata a trovarli. La porta era chiusa a chiave, così sono tornata casa e mi sono coricata. Ho pensato: finalmente ero riuscita ad andare allo studio di gruppo della Fa, ma non c’era nessuno.

Appena ho chiuso gli occhi, ho visto una fascia di luce rossa che raggiungeva l’infinito. Quando ho aperto gli occhi, a poco a poco si è affievolito. Quando ho chiuso gli occhi di nuovo, la scena è riapparsa. Questo è successo un paio di volte.

Non capivo cosa stesse succedendo, così l’ho detto a mia sorella. Lei mi ha detto: “Tu sei predestinata a praticare la Falun Dafa. Dovresti coltivare con diligenza. Sei comunque in pensione, e la tua pensione mensile è sufficiente per vivere, non hai bisogno di lavorare alla bancarella”. Ho deciso di chiudere la mia piccola attività per poter andare a studiare la Fa di sera.

Dopo aver praticato per un po’ di tempo, il Maestro mi ha aiutata a eliminare il karma. Mi facevano male la schiena e il petto, vomitavo e avevo la diarrea. Non potevo prendermi cura di mio nipote, così l’ho mandato a casa dei consuoceri. Due giorni dopo, quando sono venuti a trovarmi, potevo camminare solo reggendomi al muro, e riuscivo a malapena ad alzare la testa quando mi sdraiavo sul divano.

Quella sera, quando la mia parente è venuta a trovarmi di nuovo, mi ha detto di riposarmi. Improvvisamente mi sono resa conto che mi trattavano come se fossi malata. Le ho detto che non ero malata, che stavo eliminando il karma. L’ho ringraziata per la sua premura e le ho detto che sarei stata bene. Appena l’ho detto, ho aperto gli occhi e mi sono seduta. Non avevo più né nausea né vertigini. Dopo quell’episodio, ogni volta che andavo in bicicletta mi sentivo molto leggera, come se i miei piedi non toccassero i pedali.

Sono andata a casa dei consuoceri a prendere mio nipote. Erano stupiti che fossi riuscita ad andare da sola. Non mi hanno lasciato prendere il bambino e hanno insistito perché mi riposassi ancora qualche giorno. Abbiamo parlato fino alle undici di quella sera, e poi sono tornata a casa. Il giorno dopo ho lavato i panni e le coperte e non mi sono sentita per niente stanca.

Chiarire la verità sulla scena di un incidente

Un pomeriggio d’inverno sono tornata a casa in moto. Stavo cercando di girare a sinistra quando un’auto in corsa mi ha investita. Ho sentito un dolore acuto al cuore, come se fosse stato aperto con un coltello. Ho subito pensato: “Maestro, ti prego, aiutami”! Continuavo a ripetere: “La Falun Dafa è buona. Verità, Compassione, Tolleranza sono buone”. Quando mi sono alzata, si era già radunata una folla intorno a me.

Ho pensato: “Maestro proteggimi! Devo usare questa opportunità per salvare la gente”. Ho detto loro: “Avete visto? La mia moto è a pezzi, ma io sto bene! È perché sono una praticante della Falun Dafa. Tutte le campagne diffamatorie contro la Falun Dafa in TV sono false. Guardatemi, ho più di sessant’anni. Guardate le mie mani e il mio corpo, non sono ferita, non ho nemmeno un graffio! Vi chiedo di ricordare che ‘la Falun Dafa è buona. Verità, Compassione, Tolleranza sono buone’”. Qualcuno ha annuito e ha detto che era vero.

Il proprietario dell’auto che mi ha investita mi ha afferrato la mano e ha gridato: “Sta bene signora?”. Ho detto: “Sto bene. Giovanotto, lei è fortunato, sono una praticante della Falun Dafa, quindi non le estorcerò denaro”.

La polizia stradale ha esaminato la scena e ha chiamato una macchina per portarmi a casa. Tornando a casa, ho detto alle persone presenti nell’auto che la Falun Dafa è buona, e che la persecuzione del PCC è sbagliata. Poiché erano stati testimoni dello straordinario potere della Dafa, erano tutti d’accordo con quello che ho detto e hanno accettato di dimettersi da tutte le organizzazioni del PCC (Partito Comunista Cinese) a cui avevano precedentemente aderito.

La mattina dopo sono andata alla stazione di polizia stradale per parlare dell’incidente. Ho detto alla polizia: “Siete stati voi ad occuparvi dell’incidente. La mia moto è stata distrutta. Ho sessant’anni e non mi sono fatta male. Sapete perché, vero?”. Quando hanno scosso la testa gli ho spiegato che sono una praticante della Falun Dafa. Ho anche chiarito loro i fatti e ho parlato della persecuzione.

Ho anche detto agli agenti di polizia: “Ricordatevi che la Falun Dafa è buona, Verità Compassione Tolleranza sono buone, e sarete benedetti”. Tutti erano d’accordo. Il proprietario dell’auto coinvolto nell’incidente ha detto: “Signora, siamo così commossi, credo a tutto quello che ha detto”.

Nell’affrontare l’incidente, ho seguito scrupolosamente gli standard per un praticante. Mi sono rifiutata di accettare denaro e ho detto al proprietario dell’auto che non gli avrei fatto causa. Alla fine, la polizia stradale gli ha detto di risarcirmi per la moto, dato che il danno era coperto dall’assicurazione del proprietario. Ho detto che i praticanti sono buoni e premurosi con gli altri. Era molto felice e commosso.

Un parente più tardi mi ha detto che un agente della polizia stradale aveva sostenuto che non è mai facile per loro affrontare le liti della gente per mettersi d’accordo sugli incidenti, ma è rimasto molto impressionato dal mio comportamento onesto.

Attraverso il mio caso, molte persone hanno imparato quanto sia meravigliosa la Falun Dafa, e che i praticanti sono brave persone.

Negare la persecuzione con pensieri retti

Non ho ricevuto molta istruzione, quindi non sono eloquente. Non sapevo come raccontare alla gente della persecuzione. Avevo solo il cuore di salvare gli esseri senzienti. Così faccio tutto quello che posso, come rilegare libretti, mettere copertine nei libri, e così via. Non faccio distinzione, perché sento che qualsiasi cosa facciamo può convalidare a Fa.

Alcuni praticanti mi avevano suggerito di imparare a usare il computer e a stampare il materiale. Ho deciso di farlo, e gradualmente la mia casa è diventata un sito di produzione di materiali che ha funzionato senza problemi per molti anni. In seguito, quando parlavo con la gente, sono stata denunciata. La polizia locale ha saccheggiato la mia casa e ha preso i miei libri della Dafa, il computer, il materiale stampato, un po’ di carta per la stampa e del denaro, ecc.

Quando la polizia ha chiesto: “Perché hai così tanto materiale?”. Ho detto: “Questi sono per salvare la gente”. Non ho collaborato affatto quando mi hanno chiesto altre cose o volevano scattare delle foto. Appena se ne sono andati, ho subito lasciato la mia casa e ho detto agli altri praticanti di fare attenzione.

I miei familiari volevano che mi nascondessi. Ho detto che ero determinata a non seguire le predisposizioni delle vecchie forze. Data la loro insistenza ho accettato di lasciare temporaneamente la casa per poi tornare otto o nove giorni dopo. Mio marito aveva paura che mi scoprissero, così non mi lasciava fare i lavori domestici e mi ha chiesto di nascondermi nella stanza sul retro. Ero ancora un po’ a disagio, così ho fatto come mi ha chiesto. Ho studiato la Fa e ho inviato pensieri retti ogni ora per eliminare il male.

Dopo un mese, gli insegnamenti del Maestro mi hanno improvvisamente aiutata a capire: sono una discepola della Dafa che sta percorrendo il sentiero divino, come posso aver paura dei malvagi? Il mio attaccamento alla paura ha permesso agli elementi malvagi di fare queste cose. Ci sono solo due stanze nella mia casa, dove posso nascondermi? Una volta capito questo, sono uscita dalla stanza sul retro!

Alla fine la polizia è tornata. Mi sono rifiutata di collaborare con loro. Mio marito ha detto loro: “Questa storia è finita”. Se ne sono andati.

La polizia non è più ritornata. Sapevo che era perché fondamentalmente ho negato la persecuzione. Il Maestro ha visto che avevo eliminato l’attaccamento e soddisfatto i requisiti della Fa, così ha risolto la difficoltà.

Grazie, Maestro! Con la cura del Maestro sono riuscita a superare tutti questi ostacoli per arrivare dove sono oggi!

(17ᵃ Fahui in Cina su Minghui.org)

Versione cinese