(Minghui.org) Sin dall'inizio della persecuzione del Falun Gong, avvenuta nel luglio 1999, il Partito Comunista Cinese (PCC) ha diffamato la pratica di coltivazione spirituale con massicce campagne di propaganda. Migliaia di stazioni televisive e radio e giornali statali sono stati mobilitati per calunniare il Falun Gong; e allo stesso tempo i praticanti non avevano alcuno spazio per raccontare le loro esperienze di prima mano riguardo alla pratica.

Senza alcun canale ufficiale per rivendicare il loro diritto di praticare, il 5 marzo 2002 i praticanti nella città di Changchun, provincia del Jilin, si sono intromessi con successo nella trasmissione del canale televisivo locale. Grazie a ciò fino a un milione di residenti sono stati in grado di vedere video che spiegavano i principi di Verità, Compassione e Tolleranza del Falun Gong e i benefici della disciplina, e altri ancora che sfatavano la propaganda di incitamento all'odio messa in atto dal PCC.

In risposta il PCC ha reso pan per focaccia. Jiang Zemin, l'ex leader comunista che ha ordinato la persecuzione, ha emesso un ordine segreto di “uccidere i praticanti senza pietà”. Di conseguenza, sono stati arrestati oltre 5.000 praticanti, dei quali in molti hanno perso la vita o sono stati condannati fino a venti anni di prigione.

Come partecipante a questa azione, sono stato arrestato nel febbraio 2003 e condannato a dieci anni di reclusione. Vorrei condividere i miei ricordi di quell'evento.

Striscioni con palloncini

Il Falun Gong, una disciplina spirituale nota anche come Falun Dafa, è stato presentato al pubblico per la prima volta dal Maestro Li Hongzhi a Changchun. Dopo l'inizio della persecuzione noi praticanti di Changchun abbiamo lavorato duramente per ridimensionare la propaganda diffamatoria attuata dal PCC; abbiamo distribuito materiali informativi e affisso striscioni.

Non c'erano coordinatori ufficiali, ma col passare del tempo Liang Zhenxing ha iniziato a prendere l'iniziativa per organizzare molte attività nella nostra zona. Nel settembre 2001 abbiamo liberato in aria, a Nanhu Road, dei palloncini gonfiati con l'elio ai quali avevamo attaccato degli striscioni che riportavano le scritte: “La Falun Dafa è buona” e “Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”. Mentre i palloncini si alzavano in aria, gli striscioni sono rimasti appesi alle chiome degli alberi e ai lampioni. Molti pedoni li hanno visti e alcuni hanno fatto il segno del pollice alzato per mostrare il loro sostegno.

Uno striscione appeso a un lampione a Changchun nel 2001 recita: “Stop alla persecuzione del Falun Gong”

Dopo aver migliorato la nostra tecnica sulla base di tale esperienza, il 27 ottobre dello stesso anno siamo andati in altre aree di Changchun. Diversi altri praticanti ed io siamo andati in una piazza pubblica vicino al Museo di geologia dell'Università di Jilin per appendere due striscioni.

Quando gli striscioni lunghi quindici metri si sono srotolati gradualmente mentre i palloncini si alzavano in aria, una guardia di sicurezza vicino a noi è rimasta sbalordita e senza parole. I pompieri, fatti intervenire dagli agenti, sono riusciti a tirarli giù solo dopo una quarantina di minuti. Molte persone nella piazza affollata hanno visto gli striscioni e iniziato a discuterne.

Dopo aver lasciato andare i palloncini mi sono immediatamente allontanato, mentre diversi altri praticanti che si sono trattenuti, sono stati invece arrestati.

Formazione e preparazione

Attraverso precedenti collaborazioni, Liang e altri coordinatori avevano familiarità con le capacità dei nostri praticanti. È stato istituito un team per valutare la fattibilità dell'intrusione nelle trasmissioni televisive locali.

Questa idea è iniziata quando Zhou Ruijun ha visto sulla sua televisione la schermata di un videogame a cui stava giocando il figlio di un vicino. Pensando che fosse possibile trasmettere informazioni sul Falun Gong attraverso la rete televisiva, ha parlato con altri praticanti ed è stata felice di scoprire che alcuni di loro avevano avuto la stessa idea.

Alla fine del 2001 Liang mi ha contattato per parlare di questa cosa e ne abbiamo discusso in un fast food della catena Kentucky Fried Chicken. Ha confrontato l'effetto sulla gente della distribuzione di materiali informativi, tra cui CD, con quello che avrebbe potuto avere la trasmissione di video attraverso la rete televisiva. Ho accettato di aiutare e il giorno dopo ci siamo incontrati in un deposito che Liang aveva affittato, vicino a un magazzino di elettronica. Un praticante, Liu, ci ha spiegato i dettagli tecnici.

Man mano che altri praticanti si univano, il deposito si è fatto piccolo, perciò ci siamo incontrati in un appartamento in Liuying Road. È stato lì che ho conosciuto altri praticanti della squadra, tra cui Zhou Runjun, Liu Chengjun, Lei Ming, Zhao Jian, Sun Changjun e Zhuang Xiankun.

Liang ha condiviso con noi le sue comprensioni. Per coinvolgere più praticanti, ha suggerito di concentrarci sull'addestramento in modo che ci fossero più persone con le competenze necessarie. Se ci fossimo inseriti simultaneamente nelle trasmissioni televisive di un'area relativamente ampia, avremmo potuto superare il blocco delle informazioni e aiutare molte persone a conoscere i fatti sulla persecuzione. Ha anche discusso dell'efficacia del progetto e delle potenziali ritorsioni da parte del PCC. Tenendo ben presente questo aspetto, ci ha ricordato che la partecipazione doveva essere volontaria e che tutti i soggetti coinvolti avrebbero dovuto prestare particolare attenzione alla sicurezza.

All'epoca ero anche coinvolto nella stampa e distribuzione di materiali informativi presso un sito di produzione e anche altri due praticanti che collaboravano in quell'attività hanno aderito al progetto di intrusione nelle trasmissioni televisive. Sono andato al deposito una o due volte alla settimana per capire come intercettare il segnale televisivo. Nel frattempo Liang ci ha anche chiesto di trovare più praticanti che avessero familiarità con l'elettricità. Zhang, un altro praticante che lavorava nella mia stessa azienda come elettricista, ha aderito anche lui al progetto e ci ha addestrati.

Secondo Zhang, l'intrusione televisiva non era difficile in teoria. Dovevamo identificare gli amplificatori lungo la linea di servizio principale e collegare alla porta di ingresso dell'amplificatore il segnale di uscita di un lettore di video compact disc (VCD). Il lettore VCD sarebbe stato alimentato dal cavo elettrico ad alta tensione, al quale sarebbe stato collegato per mezzo di un trasformatore. Una volta effettuate queste connessioni, il segnale di ingresso originale degli amplificatori dalla televisione sarebbe stato interrotto e il segnale video del VCD sarebbe stato trasmesso a migliaia o più famiglie.

Agli atti pratici, tuttavia, fare tutte queste cose è stato molto più impegnativo. Questo progetto ci ha richiesto non solo di mantenere forti pensieri retti, ma anche di rimanere calmi e lucidi e di essere agili e pratici. I praticanti che hanno effettivamente messo in atto il piano – tra cui Sun Changjun, Liu Weiming, Zhang, Lei Ming e Liu Chengjun – si sono esercitati presso il deposito quasi ogni giorno. Poiché il lavoro doveva essere svolto sui pali delle utenze, Zhang ci ha portato delle speciali scarpe da arrampicata da provare in aree remote. Anche alcune praticanti si sono esercitate a indossarle, perché non sapevamo chi, alla fine, avrebbe dovuto farlo.

Anche se andavo al deposito solo una o due volte a settimana, ho incontrato molti praticanti, alcuni dei quali provenienti da altre città; e dopo aver appreso le tecniche tornavamo tutti a casa. Poiché Liang si occupava della logistica, dell'acquisto delle attrezzature e della gestione della propria attività, ogni giorno era molto impegnato.

Alla fine del febbraio 2002 abbiamo saputo che Liang era stato arrestato. Nonostante le torture non aveva ceduto, quindi la polizia non era ancora a conoscenza del nostro piano. Ma altri praticanti hanno dovuto affrontare forti pressioni e l'addestramento è stato interrotto. Il 5 marzo 2002 Liu Chengjun e diversi altri praticanti più esperti hanno deciso attuare il piano contemporaneamente sia nella città di Changchun che di Songyuan. Molti di noi hanno cercato i punti ideali per l'intrusione lungo le principali linee di servizio. Ho anche aiutato ad acquistare molti lettori VCD economici del valore di circa 50 yuan (circa 5 euro al momento) ciascuno.

Intrusione nelle trasmissioni televisive

Il 3 e 4 marzo ci siamo riuniti nel deposito per i preparativi finali. Abbiamo collegato il cavo di uscita e i trasformatori ai lettori VCD e li abbiamo fissati con del nastro. Abbiamo anche preparato delle apparecchiature di riserva nel caso fossero servite. Notando che alcuni praticanti non stavano usando i guanti per assemblare l'attrezzatura, ho pulito i pezzi uno ad uno per rimuovere eventuali impronte digitali. Vedendo alcuni praticanti usare i telefoni cellulari, ho ricordato loro di essere attenti alla sicurezza.

Alcuni dei praticanti coinvolti nell'intrusione nelle trasmissioni televisive

Il 5 marzo, durante un incontro da Liu Chengjun, abbiamo definito i contenuti video da utilizzare: un video su come il Falun Gong era ben accetto e ampiamente praticato in tutto il mondo e un altro che chiariva l'episodio dell' auto-immolazione in Piazza Tiananmen. Dopo che i VCD sono stati preparati, Liu e altri praticanti sono andati a Songyuan. A Changchun, ci siamo divisi in due squadre, una guidata da Liu Weiming e Sun Changjun, e l'altra da Lei Ming e Zhang. Sette praticanti, incluso me, erano nella squadra di Lei.

Siamo andati in un piccolo vicolo nella zona residenziale vicino alla stazione televisiva di Changchun. Alle 18:30 sia Lei che Zhang sono saliti sul palo per collegare i dispositivi preparati. Il resto di noi si è appostato per vigilare la zona.

Il team di Liu Weiming ci ha chiamato alle 19:00 per dire che erano pronti e che avevano solo bisogno di tagliare il cavo di entrata della televisione. Lei e Zhang si erano imbattuti in alcuni problemi minori e quello che doveva essere un lavoro di trenta minuti aveva richiesto un po' più del previsto. Alle 19:20 Chen, che stava ispezionando l'area, ha detto che stava arrivando qualcuno. Lo sconosciuto si è avvicinato, ha alzato lo sguardo su Lei e Zhang attaccati al palo elettrico e si è allontanato. Lo abbiamo seguito e abbiamo notato che stava informando la polizia col cellulare.

Siamo tornati immediatamente al palo e Zhang ha detto che anche loro erano pronti. Abbiamo detto alla squadra di Liu di agire e che eravamo stati scoperti. Dopo che Zhang ha collegato le apparecchiature, lui e Lei hanno iniziato a scendere dal palo. Dall'altra parte del vicolo diverse persone sono corse verso di noi. Ad eccezione di Lei e Zhang, il resto di noi è stato in grado di andarsene in sicurezza.

Siamo tornati al deposito in taxi e anche il team di Liu è tornato. Zhang si è presentato più di dieci minuti dopo, dicendo che lui e Lei erano riusciti a fuggire e a nascondersi da qualche parte vicino al vicolo mentre gli agenti di sicurezza li stavano cercando. Lei si era poi alzato per primo e aveva iniziato a correre, ma gli agenti erano riusciti a prenderlo dopo una certa distanza. Mentre gli agenti lo immobilizzavano a terra, Zhang era riuscito a fuggire.

Il giorno successivo, alle 4:30 del mattino, Chen mi ha chiamato per dirmi che dovevamo far sparire tutto il materiale dal deposito. Yun Qingbin è arrivato sul posto con un minivan e in sette abbiamo caricato le attrezzature e i materiali; alle 6:00 avevamo già trasferito tutto, tranne un vecchio orologio, in un altro luogo. In seguito ho letto sul giornale che, dopo essere stato torturato per tutta la notte, Lei non era più riuscito a resistere e aveva raccontato agli agenti del deposito. Tuttavia, la polizia è arrivata sul posto solo due ore dopo che ci eravamo trasferiti.

Il giorno successivo, il 6 marzo 2012, tutta Changchun stava parlando del fatto. La gente discuteva ovunque dei video, specialmente nei luoghi pubblici come i negozi; non sapevano che il Falun Gong fosse così popolare in tutto il mondo nonostante la repressione in Cina. Questa è stata anche la prima volta che molti di loro hanno capito che il PCC aveva inventato storie per diffamare il Falun Gong.

Ritorsione

Il PCC ha iniziato a vendicarsi immediatamente. Il 6 marzo diversi praticanti (non collegati all'intrusione) dovevano essere processati presso il Tribunale di Nanguan a Changchun, e molti altri praticanti hanno partecipato all'udienza. Verso le 10:00 la polizia ha bloccato tutte le strade in quella zona e tutti i praticanti presenti in tribunale sono stati arrestati.

Sempre quel giorno a Changchun ha avuto luogo un massiccio arresto di praticanti, e in pochi giorni ne sono stati detenuti quasi 5.000. Jiang ha emesso l'ordine di “uccidere i praticanti senza pietà”. Tramite Luo Gan, allora segretario del Comitato per gli Affari politici e legali, ha autorizzato la polizia a sparare a vista ai praticanti se fossero stati visti nuovamente intromettersi nelle trasmissioni televisive. L'ordine minacciava: “Se questo caso non verrà risolto nel giro di una settimana, il segretario del Partito di Changchun e tutti i principali funzionari dei dipartimenti di polizia verranno rimossi dalle loro cariche”. Ogni giorno la polizia arrestava dei praticanti e li torturava senza pietà per ottenere ulteriori informazioni.

Da allora mia moglie ed io siamo stati costretti a stare lontani da casa. Il nostro appartamento in affitto era sicuro e al momento non eravamo stati arrestati. Il 10 marzo Chen, un'altra praticante che aveva partecipato all'intrusione, ed io ci siamo incontrati per l'ultima volta. Le ho detto che il Maestro Li, il fondatore del Falun Gong, aveva pubblicato un nuovo articolo sulla feroce persecuzione in Cina:

“Nella Cina continentale, in questo momento, l'utilizzo della televisione da parte dei discepoli della Dafa per far conoscere la verità alla gente, è smascherare la persecuzione del male, è salvare gli esseri senzienti le cui menti sono state avvelenate dalle menzogne del male, ed è un magnifico atto di misericordia.” (“Guardare le cose con pensieri retti”, Elementi essenziali per un ulteriore avanzamento III)

Chen ha detto che Liu Chengjun e altri che erano stati costretti a stare lontano da casa non avevano Internet e che avrebbero dovuto leggere l'articolo, per cui le ho stampato alcune copie. Ha anche detto di aver bisogno di prendere alcuni vestiti da casa di sua madre e ha insistito per andarci, nonostante l'avessi avvertita che sarebbe stato rischioso. Il giorno successivo ho sentito che non appena arrivata da sua madre era stata arrestata dalla polizia che si era appostata in attesa del suo ritorno.

Quando sono tornato a casa nel maggio 2002, ho scoperto che i poliziotti avevano fatto irruzione nel mio appartamento e l'avevano saccheggiato, confiscando i miei oggetti personali – hanno anche preso i gioielli di mia moglie e la mia collezione di oggetti antichi, nonché i miei album personali. I nostri vicini ci hanno detto che i poliziotti erano venuti il 6 marzo e avevano persino vissuto nella nostra casa per più di dieci giorni.

Il 27 febbraio 2003, un anno dopo l'arresto di Liang, sono stato arrestato e condannato a dieci anni di prigione. Liang Zhenxing e Liu Chengjun sono stati condannati a diciannove anni, mentre Zhou Runjun e Liu Weiming sono stati condannati a venti anni ciascuno. Molti altri che hanno partecipato sono già morti nella persecuzione.

Versione cinese