(Minghui.org) Il 5 gennaio, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha emesso un ordine esecutivo vietando otto applicazioni di software cinesi con legami con il Partito Comunista Cinese (PCC). L'ordine sarà eseguito dal Segretario del Commercio, dal Procuratore Generale, dal Direttore dell'Intelligence Nazionale e dal Segretario del Tesoro. Le operazioni relative alle otto applicazioni saranno vietate entro 45 giorni dall'ordine.

Questo, “Ordine esecutivo che affronta la minaccia posta dalle applicazioni e da altri software sviluppati o controllati da aziende cinesi”, è disponibile sul sito web della Casa Bianca. Le otto app sono: Alipay, CamScanner, QQ Wallet, SHAREit, Tencent QQ, VMate, WeChat Pay e WPS Office.

Tali applicazioni mobili e desktop "continuano a minacciare la sicurezza nazionale, la politica estera e l'economia degli Stati Uniti", afferma l'Ordine, e "è necessario agire per affrontare la pericolosità rappresentata da queste applicazioni software collegate con il PCC".

Il 5 gennaio il presidente degli Stati Uniti Trump ha emesso un ordine esecutivo che vieta 8 applicazioni mobili e desktop collegate al Partito Comunista Cinese (PCC)

Affrontare la minaccia del CCP

Il presente Ordine è autorizzato sulla base della Costituzione degli Stati Uniti e di altre leggi, tra cui l'International Emergency Economic Powers Act (50 U.S.C. 1701 e seguenti) (IEEPA), il National Emergency Act (50 U.S.C. 1601 e seguenti) e la sezione 301 titolo 3 del Codice degli Stati Uniti.

A causa del "ritmo" e della "pervasività" della diffusione negli Stati Uniti di queste applicazioni e di altri software sviluppati o controllati da persone nella Repubblica Popolare Cinese, comprese Hong Kong e Macao (Cina), è necessario adottare ulteriori misure per affrontare l'emergenza nazionale in relazione alla catena di fornitura di tecnologie e servizi di informazione e comunicazione, dichiarata nell'Ordine esecutivo 13873 del 15 maggio 2019 (Securing the Information and Communications Technology and Services Supply Chain)”, ha proseguito l’ordine.

Il termine "applicazione software connessa" si riferisce a "software, un programma o gruppo di programmi software, progettato per essere utilizzato da un utente finale su un dispositivo di calcolo terminale e progettato per la raccolta, il trattamento o la trasmissione di dati via Internet come parte integrante della sua funzionalità”.

Attraverso i dispositivi elettronici personali come smartphone, tablet e computer, le applicazioni software cinesi collegate possono accedere e catturare vaste fasce di informazioni dagli utenti, compresi i dati sensibili di identificazione personale e private. "Questa pericolosa raccolta fornirebbe al governo della Repubblica Popolare Cinese (RPC) e al Partito Comunista Cinese (PCC) l'accesso alle notizie personali e proprietarie degli americani, il che consentirebbe alla Cina di tracciare le posizioni dei dipendenti federali e degli imprenditori, e di costruire dossier di informazioni personali", afferma l'Ordine.

Il continuo sforzo da parte del PCC nel rubare i dati degli Stati Uniti, dimostra chiaramente l’intenzione di utilizzarli in una raccolta di massa per far progredire l’agenda economica e di sicurezza nazionale della Cina. Ad esempio, le intrusioni informatiche del 2014 dell'Ufficio per la gestione del personale di oltre 21 milioni di persone sono state effettuate da agenti cinesi. Nel 2015 un gruppo di hacker cinesi ha violato la compagnia, Anthem, di assicurazione sanitaria statunitense, che ha colpito oltre 78 milioni di americani. Inoltre, nel 2017, il Dipartimento di Giustizia ha incriminato membri dell'esercito cinese per l'intrusione informatica Equifax, che ha compromesso le informazioni personali di quasi la metà degli americani.

A causa di questi rischi, molti dipartimenti esecutivi e agenzie hanno proibito l'uso di applicazioni software cinesi collegate e altri software pericolosi sui computer e sui telefoni cellulari del governo federale. Ma queste azioni “non sono sufficienti, data la natura della minaccia”. Ad esempio, il governo indiano ha vietato l'uso di più di 200 applicazioni software cinesi collegate in tutto il paese. Il Ministero indiano dell’elettronica e dell’informatica ha affermato, in una dichiarazione, che le applicazioni "rubano e trasmettono celatamente i dati degli utenti" in modo non autorizzato a server che hanno sedi al di fuori dell’India.

"Gli Stati Uniti hanno valutato che un certo numero di queste applicazioni acquisiscono automaticamente vaste fasce di informazioni da milioni di utenti negli Stati Uniti, incluse informazioni sensibili di identificazione personale e informazioni private, che consentirebbero alla RPC e al PCC di potervi accedere", ha continuato l’Ordine. "Per proteggere la sicurezza nazionale, gli Stati Uniti devono intraprendere azioni aggressive contro coloro che sviluppano o controllano le applicazioni software cinesi collegate ".

Segretario del Commercio: «Attuazione in corso»

Queste otto applicazioni sono state identificate dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. L'Ordine richiede inoltre ai responsabili delle agenzie coinvolte di "fornire, a loro discrezione e nella misura consentita dalla legge, le risorse, le informazioni e l'assistenza al Dipartimento del Commercio, necessarie per l'attuazione del presente ordine, compresa l'assegnazione di personale al Dipartimento del Commercio per svolgere i compiti descritti in questo ordine".

Wilbur Ross, Segretario del Commercio, lo stesso giorno ha rilasciato una dichiarazione a sostegno dell'Ordine, dicendo: «Coerentemente con le autorità designate al Segretario del Commercio dal Presidente, ho ordinato al mio Dipartimento di iniziare ad attuare le direttive dell’O.E., compresa l’identificazione delle transazioni vietate relative a determinare le applicazioni software cinesi collegate».

«Sono d'accordo con l'impegno del Presidente Trump a proteggere la privacy e la sicurezza degli americani dalle minacce del Partito Comunista Cinese, e il Dipartimento del Commercio farà leva sulle autorità dell'O.E. per continuare la nostra missione di proteggere la nazione, l'economia e il popolo degli Stati Uniti», ha continuato Ross.

Vice consigliere nazionale: «Ciò che il male teme di più è la verità detta pubblicamente»

Il 23 ottobre, Matt Pottinger, vice consigliere nazionale, ha tenuto un discorso durante una conferenza ospitata da Policy Exchange a Londra. Il discorso, “L’importanza di essere candidi” è stato tenuto in cinese e la sua versione inglese è disponibile sul sito web della Casa Bianca.

Ha detto: «Il PCC sta danneggiando la società libera e minacciando il mondo attraverso intromissione, la raccolta di grandi dati, il Fronte Unito e il dirottamento di individui e nazioni».

«Un esempio è il sistema di lavoro del Fronte Unito del PCC, definito "arma magica" fin dall'epoca di Mao Zedong. Con il sostegno di 90 milioni di membri del PCC per le sue attività, il Dipartimento del Lavoro del Fronte Unito da solo, ha un numero di quadri quattro volte superiore a quello dei funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti», ha spiegato Pottinger. «Invece di occuparsi della diplomazia con i governi stranieri, il ministero degli Esteri cinese si interessa di questo; il Fronte Unito raccoglie informazioni e lavora per influenzare i privati cittadini d'oltreoceano. L'attenzione si concentra sulle élite straniere e sulle organizzazioni che gestiscono. Pensate a un lavoratore del Fronte Unito come a un incrocio tra un collezionista di intelligence, un propagandista e uno psicologo».

Pottinger ha detto che il lavoro del Fronte Unito riguarda sia i funzionari statunitensi che i comuni cittadini. «Dopo tutto, la materia prima per gli psicologi sono i dati dei loro pazienti. Il Partito sta compilando dossier digitali di milioni di cittadini stranieri in tutto il mondo. Le esposizioni del mese scorso di un database cinese su almeno 2,4 milioni di persone in tutto il mondo "compresi molti di noi in questa chiamata" parla della pura ambizione del Partito di sposare le tradizionali tecniche leniniste con nuovi e potenti strumenti di sorveglianza digitale», ha aggiunto.

«La raccolta dei dossier è sempre stata una caratteristica dei regimi leninisti. Il materiale è usato ora, come prima, per influenzare e intimidire, premiare e ricattare, adulare e umiliare, dividere e conquistare. La novità è la facilità con cui abbiamo fatto in modo che gli autocrati accumulino così tanti dati personali su di noi e anche per le persone che non hanno mai messo piede in Cina». E continua: «Lasciamo la nostra proprietà intellettuale, i nostri documenti ufficiali e la nostra vita privata sul tavolo come libri aperti. Gli smartphone che usiamo tutto il giorno per chattare, cercare, comprare, vedere, andare in banca, navigare, fare rete, adorare e confidare rendono i nostri pensieri e le nostre azioni semplici per i cyber-spettri come i pennacchi di scarico di un autobus d'epoca a due piani».

Un esempio è la Shenzhen Zhenhua Data Information Technology Co, una società che costruisce questi dossier conosciuti come "guerra psicologica", come descritto dal suo CEO. Zhenhua raccoglie e organizza dati pubblici e privati sugli americani per lo sfruttamento da parte dei suoi clienti, ovvero, organi dell'apparato di sicurezza cinese, dichiara il suo sito web.

«I dossier che Zhenhua sta compilando, includono persone in quasi tutti i paesi del mondo, non importa quanto piccoli. Comprendono membri delle famiglie reali e membri del parlamento, giudici e impiegati, tecnici e imprenditori in erba, ammiragli a quattro stelle e membri dell'equipaggio di navi da guerra, professori e think-tanker, funzionari nazionali e locali», ha spiegato Pottinger. «Tra questi ci sono anche i bambini, che sono un gioco leale secondo le regole della guerra politica di Pechino. Nessuno è troppo in vista o troppo oscuro».

«Zhenhua non è un protagonista particolarmente grande o sofisticato nel mondo del Fronte Unito. Può anche agire in modo opportunistico, perché pensa che il Partito lo ricompenserà. Ditte tecnologiche molto più potenti, tra cui famosi sviluppatori di app cinesi, giocano il ruolo più importante in questo tipo di lavoro», ha continuato. «Il Partito Comunista Cinese ha riorganizzato la sua strategia nazionale intorno allo sfruttamento di quel gas di scarico digitale per espandere il potere e la portata del Partito».

«Tutti questi sono passi strategici per raggiungere l’espansione e il dominio del PCC per far progredire la sua ideologia comunista. È qui che entrano in gioco la propaganda e la psicologia del Fronte Unito. La propaganda del Partito all’estero ha due temi coerenti: "Noi possediamo il futuro, quindi fate le vostre modifiche adesso". "Siamo proprio come voi, quindi cercate di non preoccuparvi". Insieme, queste affermazioni formano l’elaborata truffa che sta alla base di tutti i movimenti leninisti», ha aggiunto Pottinger.

Nonostante queste sfide, Pottinger ha detto che il male istituzionalizzato può essere enormemente potente, ma contemporaneamente enormemente fragile. «È compulsivamente aggressivo e, in ultima analisi, autodistruttivo. Percepisce la sua stessa assurdità morale. Sa di essere una zattera su un mare di bene ontologico». «Ciò che il male teme di più è la verità detta pubblicamente», ha concluso.

Versione cinese