(Minghui.org) Da quando il Partito Comunista Cinese (PCC) è salito al potere nel 1949, tra tutti i gruppi che ha soppresso, il Falun Gong - un gruppo di meditazione basato sui principi di Verità-Compassione-Tolleranza - è il più grande. Nel luglio 1999, l'ex leader del PCC Jiang Zemin, ha lanciato una campagna nazionale contro il Falun Gong, dove la sua persecuzione rimane tuttora in corso.

Anche dopo aver mobilitato l'intero apparato statale per perseguitare i praticanti innocenti del Falun Gong, Jiang e i suoi seguaci non sono riusciti a trovare alcuna ragione legittima per giustificare la persecuzione. La violenza contro i praticanti innocenti ha anche gradualmente perso il sostegno pubblico.

Alla luce di questi fatti, il 23 gennaio 2001, il regime di Jiang ha inscenato l’auto-immolazione alla vigilia del Capodanno cinese, con cinque persone che si sono date fuoco in piazza Tiananmen. Gli auto-immolatori sono stati rapidamente etichettati da Jiang e dai suoi seguaci come praticanti del Falun Gong. Questo incidente aveva lo scopo di instillare la paura e l'odio verso la disciplina sia nei funzionari del governo che nei comuni cittadini.

Sono passati più di vent'anni e numerose prove hanno confermato che questo incidente fu una bufala messa in piedi dal PCC per incastrare il Falun Gong, facendo sì che alcune persone considerino l'accusa che il Falun Gong abbia fatto smarrire le persone e che coloro che lo praticano si siano dati fuoco “la bugia del secolo”.

La bugia del secolo

La televisione centrale cinese (CCTV) e l'agenzia di stampa Xinhua, entrambe portavoce del PCC, hanno affermato che diversi praticanti del Falun Gong si sono dati fuoco in piazza Tiananmen, ma ci sono molte lacune durante tutto l'incidente.

Una giornalista intervista Liu Siying, che si dice sia stata gravemente ustionata

Liu Siying, dodici anni, sarebbe stata gravemente ustionata su vaste aree del suo corpo. Se questo fosse vero, sarebbero stati messi in atto severi controlli per evitare l'infezione. Come mostra la foto sopra, invece, Liu è stata intervistata da una giornalista della CCTV quattro giorni dopo un intervento chirurgico in cui le è stata aperta la trachea.

Non solo, la giornalista della CCTV non indossava abiti isolanti, ne una mascherina, ne un copricapo mentre intervistava la giovane con un microfono. Questo contraddice il buon senso medico.

Rimanere calmi mentre viene bruciata con la benzina?

Wang Jindong, un'altra presunta vittima dell'incidente. Tutto il suo corpo era diventato nero, ma la bottiglia di Sprite che conteneva la benzina era ancora intatta

Gli scienziati dicono che quando la benzina è in fiamme, la temperatura può raggiungere fino a circa 500º C. Anche se ti immergi una mano in acqua bollente a 100º C, la ritiri immediatamente a causa del calore insopportabile. Nel video trasmesso da CCTV e Xinhua, tuttavia, l’uomo era molto calmo e non sembrava essere disturbato dalla bottiglia di Sprite piena di benzina tra le sue gambe.

Alcuni affermano che anche solo con un pò d’olio caldo di cottura versato sul braccio salteresti per il dolore. Se l'auto-immolazione fosse reale, piuttosto che stare lì fermo, Wang avrebbe una forte reazione istintiva a causa dell'alta temperatura.

Un'altra incongruenza sono i suoi vestiti che sembrano essere stracciati a causa della “combustione”, ma la bottiglia di Sprite tra le sue gambe (nella foto sopra) sembra intatta, così come i suoi capelli - qualcosa di altamente infiammabile.

Secondo i dati, se una bottiglia di plastica contenente benzina stesse bruciando, si ammorbidirebbe in 5 secondi, e si deformerebbe in 7 secondi, riducendosi in una palla in 10 secondi. Di nuovo, il fatto che la bottiglia di Sprite di Wang sia rimasta intatta contraddice la scienza.

Filmati delle registrazioni

Il difetto di Wang Jindong era così evidente che la giornalista della CCTV, Li,Yuqiang ha ammesso che non era reale.

All’inizio del 2002, la giornalista Li, andò presso il centro di educazione giuridica della provincia dell’Hebei, una struttura per il lavaggio del cervello, per avere un “colloquio” con i praticanti del Falun Gong detenuti. Quando un praticante chiese perchè la bottiglia di Sprite di plastica dell’uomo non avesse preso fuoco sotto l’alta temperatura, la giornalista non ha saputo rispondere. «La bottiglia è stata aggiunta in un secondo momento per le riprese», ha detto, «Se avessimo saputo di essere sorpresi a fingere l’auto-immolazione, non l’avremmo messa.

Un’altra lacuna, arriva dalla qualità del video. Anche se l’incidente era un’emergenza, la videocamera sembrava muoversi orizzontalmente e lo slogan di Wang Jindong che affermava di essere un praticante del Falun Gong era forte e chiaro. Le autorità cinesi, hanno affermato che il filmato proveniva da una telecamera di sorveglianza, ma è noto che nel 2001 non avevano una funzione di registrazione vocale o capacità di tracciamento. Apparentemente, sul posto era presente una troupe professionale che filmava il video stabile e chiaro dell’incidente con una ripresa lunga, media e ravvicinata.

Rivelare la verità

Il 14 agosto 2001, in una conferenza delle Nazioni Unite, l'International Educational Development (IED), ha criticato il PCC per l'incidente di auto-immolazione inscenato, definendolo un terrorismo di stato. Sulla base di analisi fatte sul video, lo IED credeva che l'incidente fosse stato tramato dal governo cinese per incastrare il Falun Gong. I delegati cinesi non sono stati in grado di confutare le forti prove, e questa dichiarazione è stata archiviata nei documenti delle Nazioni Unite.

Il 4 febbraio 2001, il Washington Post, ha pubblicato in prima pagina un articolo di Philip Pan intitolato “Il fuoco umano accende il mistero cinese - Motivo del rogo pubblico intensifica la lotta sul Falun Gong”. Pan è andato nella città natale di Liu Chunling, una delle presunte vittime dell'incidente, ed i suoi vicini hanno detto di non averla mai vista praticare il Falun Gong.

Falso incendio: Il tragico nuovo standard della Cina nell'inganno di Stato, un documentario prodotto da NTDTV, ha analizzato in dettaglio le lacune dell'incidente. Nel novembre 2003, il film ha vinto un certificato di menzione d'onore al 51° Columbus International Film & Video Festival. La cerimonia di premiazione si è tenuta nel Kansas Center, al Columbus Arts College, Columbus, Ohio.

Ciononostante, il regime di Jiang e il PCC hanno continuato ad avvelenare la gente con bugie sull'incidente, che sono state scritte nei libri di testo per danneggiare gli studenti e sono state spesso incluse nei principali media e riviste per fuorviare il pubblico. Inoltre, gli sforzi dei praticanti del Falun Gong per chiarire i fatti al pubblico sono stati severamente soppressi. Dopo che i praticanti della città di Changchun, nella provincia dello Jilin, hanno intercettato la rete televisiva via cavo per trasmettere video sulla verità dell'incidente dell'auto-immolazione inscenata, circa 5.000 praticanti sono stati arrestati nella città. Molti di questi, tra cui Liu Chengjun, sono morti a causa delle torture subite durante la detenzione.

Ritenere colpevoli i responsabili

Dopo l'incidente dell'auto-immolazione e la diffusione di altra propaganda diffamatoria, il PCC ha intensificato la sua persecuzione contro il Falun Gong, che ha portato centinaia di migliaia di praticanti ad essere imprigionati o mandati nei campi di lavoro negli ultimi ventun anni. Più di 4.000 praticanti hanno perso la vita a causa della persecuzione, e più di 800 hanno subito abusi negli ospedali psichiatrici, includendo anche abusi sessuali e il prelievo forzato di organi.

La persecuzione continua ancora oggi. Nel 2019, la polizia della città di Siping, nella provincia dello Jilin, ha arrestato sconsideratamente dei praticanti, guadagnando dieci punti per ogni praticante del Falun Gong arrestato. In confronto, ogni agente guadagnava solo un punto per ogni vero arresto criminale. Queste politiche di incentivi hanno spinto più agenti ad arrestare praticanti innocenti.

Poiché i praticanti dentro e fuori la Cina continuano a denunciare la persecuzione della loro fede da parte del PCC, oltre 370 milioni di cinesi hanno deciso di abbandonare il PCC e le sue organizzazioni affiliate. Jiang stesso è diventato il bersaglio di oltre 200.000 denunce penali presentate alla Corte Suprema cinese e alla Procura Suprema. Jiang è stato anche incriminato in un tribunale spagnolo per il reato di genocidio in Tibet.

Secondo i dati raccolti dal sito web Minghui.org, Jiang Zemin, non è l'unico colpevole che affronta le conseguenze dei crimini contro il Falun Gong. Negli ultimi due decenni, almeno 10.000 responsabili coinvolti nella persecuzione sono stati puniti in varie forme. Come dice il detto cinese, il bene sarà ricompensato ed il male sarà punito. Esortiamo i responsabili a smettere di perseguitare il Falun Gong.

Anche la comunità internazionale ha iniziato ad agire. Nel maggio 2019, Minghui ha pubblicato un avviso in cui spiegava che il Dipartimento di Stato americano aveva incoraggiato i praticanti del Falun Gong, così come altri gruppi religiosi, a presentare liste di perpetratori da sottoporre a sanzioni come il rifiuto del visto. Decine di paesi in tutto il mondo hanno adottato o prevedono di attuare la Legge Magnitsky contro i violatori dei diritti umani.

Al crocevia della storia, speriamo che più persone abbiano una chiara comprensione del PCC e dicano no al regime, in modo che il mondo rimanga un posto sicuro per noi e per le nostre generazioni future.

Versione cinese