(Minghui.org) Dopo aver letto diversi articoli di condivisione delle esperienze di coltivazione su Minghui, ho notato che nei momenti di difficoltà avevo una comprensione diversa sul chiedere aiuto al Maestro Li, il fondatore della Falun Dafa.

Ci sono praticanti che si comportano con pensieri e azioni rette. Chiedono aiuto al Maestro quando incontrano delle difficoltà e sono in grado di superare le tribolazioni, sembra che i cattivi elementi non riescano a frenare questi praticanti.

Purtroppo, non sono stato in grado di fare lo stesso e nei momenti critici non ho cercato l'aiuto del Maestro così ho dovuto sopportare le tribolazioni più a lungo.

In un articolo di condivisione delle esperienze di coltivazione, una praticante ogni volta che incontrava difficoltà o problemi chiedeva immediatamente aiuto al Maestro. Come risultato ha prevalso su difficoltà insormontabili sotto la protezione del Maestro.

Perché non mi sono ricordato di chiamare il Maestro nei momenti critici? Ho individuato tre ragioni:

Primo, non mi erano chiari i principi della Fa. Mi sono ricordato dell'attaccamento al perseguimento quando leggevo lo Zhuan Falun e le conferenze pubblicate prima del 20 luglio del 1999. Credevo che fosse sbagliato chiedere aiuto al Maestro dinanzi ai conflitti. Quando incontravo dei conflitti, guardavo dentro me stesso e non mi veniva in mente di chiedere aiuto. Ora che ci penso, questo era il mio modo abituale di pensare!

Quando il Partito Comunista Cinese (PCC) ha lanciato la persecuzione della Falun Dafa, il 20 luglio 1999, i praticanti sono entrati nel periodo di rettifica della Fa, che è diverso dalla coltivazione personale. Durante la rettifica della Fa le disposizioni delle vecchie forze possono mettere in pericolo la vita dei praticanti. Se non riusciamo a superare gravi tribolazioni possiamo causare grandi perdite mentre lavoriamo per convalidare la Fa.

Perciò durante questa persecuzione se chiediamo aiuto al Maestro senza l'attaccamento al perseguimento stiamo dimostrando la nostra fede nel Maestro e nella Dafa. Sia che stiamo cercando di superare le difficoltà o lavorando ai progetti della Dafa, dobbiamo avere il giusto atteggiamento ed essere rispettosi quando chiediamo aiuto.

In secondo luogo, sono cresciuto con un'educazione atea e inizialmente non avevo abbastanza fede nella Dafa. Anche se ora credo nell'esistenza degli esseri divini, il concetto di ateismo era profondamente radicato in me. Guardando meglio il mio comportamento durante i conflitti, non mi sono reso conto che erano false apparenze. Non riuscivo a riconoscere che la mia coltivazione era nel periodo della rettifica della Fa e non stavo negando gli accordi delle vecchie forze o altre cose che non erano all'altezza degli standard del Maestro.

La mia mente era vuota, il mio pensiero debole e trattavo tutto ciò che vedevo come realtà. Ho lasciato che le mie nozioni umane prendessero il sopravvento senza fare nulla. Ora capisco che devo elevarmi passo dopo passo e non solo aspettare che le cose accadano.

Quando ho dovuto affrontare delle difficoltà, il Maestro si è preso cura di me sebbene non avessi chiesto aiuto. Quindi in molte circostanze ho avuto fede nel Maestro e nella Fa. Potevo sentire che il Maestro mi stava inviando le persone predestinate sulla mia strada, così non avevo paura di parlare con loro della Falun Dafa e della persecuzione.

Ma in generale non sono come la praticante dell'articolo che ha superato gli ostacoli con pensieri e azioni rette. So di non essere neanche lontanamente a quel livello. Avere una fede salda viene dalla propria mentalità e si mostra nelle azioni.

Il terzo fattore è il mio ego che mi impedisce di chiedere aiuto agli altri. So che il Maestro si prende cura di noi, ci guida nella nostra coltivazione e ci protegge più di quanto noi ci proteggiamo. Ma a causa del mio forte ego, specialmente quando il mio stato di coltivazione non era così buono, non ho osato rivolgermi al Maestro per chiedere aiuto.

Devo aumentare la mia fede nel Maestro e nella Fa. Se riesco a migliorare in questo aspetto farò tesoro e sarò più gioioso nella mia pratica e non sarò preoccupato di continuare a coltivare anche per un lungo periodo.

Sono grato ai praticanti per gli articoli di condivisione delle esperienze di coltivazione e per come mi hanno ispirato.

Nota dell'editore: Le idee espresse in questo articolo rappresentano le opinioni dell'autore, verso le quali è il solo responsabile. I lettori sono invitati a valutare il contenuto secondo la propria comprensione.

Versione cinese