(Minghui.org) Nel pomeriggio dello scorso 24 aprile, i praticanti della Falun Dafa a Melbourne hanno formato una “grande muraglia del coraggio”. Si sono allineati lungo entrambi i lati del Princes Bridge,tenendo in mano degli striscioni per commemorare lo storico appello del 25 aprile 1999, quando 10.000 praticanti della Falun Dafa si erano appellati pacificamente al governo cinese.

Più tardi, in serata, i praticanti hanno tenuto una veglia a lume di candela nella vicina piazza della città per rendere omaggio ai molti praticanti in Cina che hanno perso la vita nella persecuzione ancora in corso da parte del Partito Comunista Cinese (PCC).

Nel pomeriggio del 24 aprile, i praticanti della Falun Dafa di Melbourne hanno formato una “grande muraglia di coraggio” lungo il Princes Bridge esponendo degli striscioni. Molti passanti hanno firmato la petizione per mostrare il loro sostegno e condannare la persecuzione da parte del PCC.

I praticanti hanno organizzato una veglia a lume di candela nella City Square il 24 aprile per commemorare i praticanti perseguitati a morte in Cina per conto del PCC

Ventidue anni fa, il 25 aprile 1999, 10.000 praticanti della Falun Dafa si erano messi in fila lungo la via Fuyou a Pechino per appellarsi pacificamente al governo cinese. Avevano sollevato tre richieste: rilasciare i praticanti di Tianjin che erano stati ingiustamente picchiati e arrestati illegalmente, consentire la pubblicazione dei libri della Falun Dafa e concedere un ambiente tranquillo dove si potesse praticare liberamente il credo.

Quel giorno, a Pechino, la fila di praticanti era così lunga che non se ne vedeva la fine. Erano rimasti in silenzio per ore, senza gridare slogan od ostacolare il traffico. Quando hanno saputo che la questione era stata risolta, tutti se ne sono andati in silenzio. Prima di andare via, hanno pulito tutta l’area, raccogliendo perfino i mozziconi di sigaretta gettati dai poliziotti. Il comportamento benevolente e tollerante ha fatto vedere per la prima volta al mondo intero la grande forza dei principi della Dafa, Verità Compassione e Tolleranza.

Consigliere comunale: sono davvero orgoglioso di tutti voi

Il consigliere comunale di Whitehorse, il signor Cr Blair Barker (a destra) e sua moglie (a sinistra) insieme ad un praticante della Falun Dafa

Nel pomeriggio, il consigliere comunale di Whitehorse, il signor Cr Blair Barker e sua moglie sono passati dal Princes Bridge ed hanno visto la muraglia di coraggio dei praticanti. Dopo aver letto i messaggi, erano molto commossi ed hanno affermato di ammirare i grandi sforzi dei praticanti nel diffondere la verità sulla persecuzione in Cina.

“Il mondo ha bisogno di sapere la verità”, ha detto Barker. “Ammiro molto il modo pacifico in cui sensibilizzano l’opinione pubblica sulla persecuzione. In Australia, crediamo che tutti dovrebbero avere la libertà di parola e di fede, pertanto, tutti i cittadini australiani, indipendentemente dalla loro provenienza, dovrebbero rifiutare le ideologie comuniste”.

Barker ha anche detto: “Voglio ringraziare tutti i praticanti della Falun Dafa che sono qui oggi. Il tempo non è buono, ma loro sono coraggiosi, combattono per la loro libertà e in prima linea per sostenere i valori tradizionali che gli australiani considerano così altamente. Sono davvero orgoglioso di tutti voi”.

“Il PCC perseguita la Falun Dafa e altri gruppi per il loro credo. Questo è un crimine contro l'umanità ed è una vera umiliazione. Il mondo ha bisogno di conoscere la verità, e la Falun Dafa ha portato speranza alla gente del mondo”, ha aggiunto.

Residente di Melbourne: “Una storia così toccante dovrebbe essere raccontata”

Signor Chethan, un ingegnere del software di origine indiano

Il signor Chethan è un ingegnere di software immigrato in Australia dall'India. Quando ha saputo che 10.000 praticanti della Falun Dafa avevano fatto un appello pacifico il 25 aprile 1999, ha detto: “Le persone non dovrebbero solo sentirsi tristi per quelle persone innocenti che vengono perseguitate in Cina, dovrebbero anche opporsi e far sentire la loro voce per contrastare la persecuzione. Questa, non sarebbe dovuta succedere affatto”.

Quando ha saputo degli effetti positivi della Falun Dafa sulla salute e che gli esercizi vengono insegnati gratuitamente, Chethan ha detto che avrebbe fatto presente la pratica alla sua famiglia in India, poiché la situazione epidemiologica causata dal virus PCC (coronavirus) in India è molto grave e spera che la sua famiglia faccia un tentativo.

Chethan ha condiviso che Verità Compassione Tolleranza sono valori universali. “Ciò di cui il mondo oggi ha più bisogno è la compassione. Se sempre più persone potessero aderire a questi principi, il mondo sarebbe diventato un posto migliore”, ha aggiunto.

Rene, un cameraman in pensione, ha ammirato il coraggio dei praticanti nel denunciare i crimini del PCC. Ha detto: “Il PCC è molto pericoloso. La maggior parte delle persone non hanno il coraggio di opporsi, ma i praticanti della Falun Dafa sono molto, molto coraggiosi. Raccontano la verità su ciò che sta accadendo realmente in Cina, questo fatto è molto importante perché ora come ora, ci sono ancora molte persone che non capiscono o non se ne preoccupano. Ma la recente infiltrazione del PCC in Australia è molto seria. Ora è una buona occasione per esporre ciò che sta accadendo”.

Rene ha anche detto: “Attraverso alcuni canali ho saputo che stanno per accadere certe cose. Pertanto, credo che il PCC si disintegrerà presto. Sono molto fiducioso su questo. Stiamo a guardare”.

Signor Norman dal Nuovo Galles del Sud

Il signor Norman è arrivato dal Nuovo Galles del Sud a Melbourne per fare visita alla sua famiglia. Si è fermato quando ha visto la veglia a lume di candela. Dopo aver ascoltato la spiegazione di un praticante sul grande appello di ventidue anni fa, ha detto: “L'evento organizzato dai praticanti della Falun Dafa oggi è davvero straordinario. In una notte così fredda, ci sono così tante persone qui a meditare. Questa è sicuramente una storia molto toccante che dovrebbe essere raccontata, specialmente ai membri del Parlamento, che dovrebbero agire”.

Prima di andare in pensione, Norman ha lavorato nel dipartimento di pubblicità di The Age, un giornale principale in Australia. Ha detto: “Sono disposto a dare il mio piccolo contributo scrivendo una lettera per raccontare al mio membro del Parlamento ciò che ho visto e sentito di persona. I praticanti della Falun Dafa sono molto coraggiosi. Farò di più per capire la questione e aiuterò a diffondere la notizia relativa ai loro impegni contro la persecuzione”.

Una partecipante all’appello del 25 aprile: ho sperimentato e compreso il potere della compassione

Insegnante Dong (seconda da destra) ha partecipato all'appello del 25 aprile ventidue anni fa

L’insegnante Dong ora vive a Melbourne, ha insegnato al Dipartimento di Informatica e Tecnologia dell'Università Tsinghua.

Dong ha raccontato: “Ho iniziato a praticare la Falun Dafa nel luglio 1997. Una settimana dopo, il problema al fegato e tutti altri sintomi associati sono stati rapidamente risolti. Anche se ero molto giovane, non potevo leggere un libro o guardare lo schermo del computer per lungo tempo, perché la zona attorno al fegato mi facevano molto male. Questo impattava molto il mio lavoro. Poco dopo che ho iniziato a coltivare, rapidamente mi sono sentita molto bene. Potevo leggere lo Zhuan Falun (gli insegnamenti principali della Falun Dafa) per ore, senza sentirmi stanca. Ho sperimentato davvero cosa si prova ad essere liberi dalla malattia”.

Quando ha sentito che più di quaranta praticanti erano stati ingiustamente arrestati a Tianjin, Dong ha telefonato al dipartimento per raccontare la sua esperienza con la Falun Dafa, chiedendo alle autorità il rilascio immediato.

Il 24 aprile 1999, i praticanti dell’università di Tsinghua hanno discusso su cosa avrebbero dovuto fare. Tutti avevano espresso la volontà di andare all'Ufficio per appello a Pechino il giorno dopo.

Dong ha ricordato: “La mattina dopo abbiamo preso un treno e siamo arrivati vicino alla via Fuyou intorno alle 10:00. Prima ancora di raggiungere l'ufficio, abbiamo notato una lunghissima fila di praticanti lungo la via Fuyou e nelle strade vicine. Più tardi abbiamo saputo che molti della provincia dell’Hebei erano arrivati prima. Abbiamo notato anche i giornalisti che erano venuti a fotografare la scena, compresi quelli delle stampe estere”.

“Ho visto che alcuni praticanti venivano ovviamente dalle zone rurali. Sono persone semplici e di buon cuore. Sono stata molto toccata perché ho potuto constatare di persona che ci sono dei praticanti della Dafa nella vasta terra della Cina, non importa quale sia lo stato sociale, gruppo etnico, occupazione o età. Tra queste persone, c'era un professore del mio luogo di pratica che lavorava nella più importante accademia per l'educazione in Cina e c'erano anche dei contadini che lavoravano nei campi. Tutti coltivavano la stessa Dafa. È stata la grande virtù della Falun Dafa che ha unito così tante persone”.

Dopo che il PCC ha iniziato a perseguitare la Falun Dafa nel luglio 1999, Dong è stata rapita e tenuta sotto controllo dalla polizia e dall'ufficio di sicurezza del distretto per lunghi periodi di tempo. Ha detto: “Ogni volta che mi è stato chiesto se praticassi ancora, ho sempre detto che la Falun Dafa non è illegale, insegna alle persone i tre principi, Verità, Compassione e Tolleranza. Non c'è niente di sbagliato nella Falun Dafa".

Anche se sono passati ventidue anni, Dong si sente come se fosse accaduto solo ieri. “Ero una nuova praticante all’epoca. Durante il grande appello ho visto per la prima volta i praticanti di tutti gli stati sociali, riunirsi in modo razionale e pacifico per chiedere qualcosa con benevolenza. Ho capito che la richiesta non serviva per loro stessi, ma per tutta la società. È la prima volta che ho provato questo senso di altruismo, che è davvero d’ispirazione”.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale

Versione cinese