(Minghui.org) Ogni sabato i praticanti della Falun Dafa a Oslo, Norvegia, allestiscono stand per chiarire la verità fuori dal Parlamento, dal Teatro Nazionale e alla stazione ferroviaria nel centro della città. Le loro attività hanno aiutato molte persone a saperne di più sulla persecuzione della Falun Dafa da parte del Partito Comunista Cinese (PCC).

I residenti locali firmano la petizione per chiedere la fine della persecuzione del PCC e del prelievo forzato di organi

“Mi interessa molto il popolo cinese”

Rebecca Wolsdal, lavora nelle arti ed ha detto di avere una certa familiarità con la Falun Dafa e la persecuzione del PCC.

"La Falun Dafa porta benefici al corpo e alla salute, e il PCC non può tollerarlo", ha aggiunto. “È positivo che stiate diffondendo la verità sulla Falun Dafa, e spero che più persone arrivino a comprenderne. Quello che sta succedendo ora in Cina, potrebbe accadere anche nei paesi occidentali, quindi, devono essere più attenti. La diffusione del virus del PCC (coronavirus) ha già fatto riflettere".

Rebecca è preoccupata per le persone che vivono sotto il regime del PCC e capisce quanto sia difficile per le persone presenti esprimere i propri pensieri. Si sente felice per i 300 milioni di cinesi che si sono dimessi dal PCC. Vuole dire a loro: “Dimettersi dal PCC porterà speranza! Vorrei che tu possa essere quello che sei e ci tengo molto a te!”.

La persecuzione è un atto di ribellione contro Dio

Gunnar, della Norvegia occidentale, è un neolaureato in economia. Attualmente lavora per un'associazione ecclesiale. Ha ascoltato attentamente un praticante che presentava la Falun Dafa e poi ha detto: "Credo che praticare la Falun Dafa gioverà alla salute delle persone".

I praticanti hanno informato Gunnar come il PCC sta perseguitando il Falun Gong da vent’anni. “La brutale persecuzione della Falun Dafa da parte del PCC è un atto di ribellione contro Dio. State facendo qualcosa di molto buono. Il PCC sta abusando del suo potere isolando tutte le informazioni”, ha affermato il giovane.

“Non dovremmo ignorare una questione importante come questa", ha sottolineato.

Magne afferma che governare un paese malvagio metterà una nazione in pericolo

Magne è un uomo anziano che conosce bene la natura malvagia del comunismo, soprattutto dopo quello che è successo durante la vita di suo padre che una volta gli disse: "Non importa quello che fai, stai lontano dal male e dal comunismo".

“Il PCC sta perseguitando le persone che credono in Dio”, ha detto Magne. “Questo tipo di regime non consente alle persone di avere saggezza ed è molto malvagio. Non possiamo lasciare che questo accada! Se un paese è governato dal male, la nazione sarà in pericolo".

Stim è passato davanti allo stand informativo e ha visto la petizione. Ha chiesto: "Posso firmare la petizione?" Dopo aver firmato il suo nome, ha detto: “Sono un cristiano e sono ben consapevole di tutte le cattive azioni del PCC. La gente non ha libertà se il regime comunista brucia le chiese. Per questo, da dieci anni, mi rifiuto di acquistare prodotti made in China”.

"La sua disintegrazione è la soluzione per porre fine a tutti i problemi", ha aggiunto Stim.

Firmare la petizione rende la mia vita più significativa

Thao, un immigrato vietnamita, è passato davanti allo stand frettolosamente per poi indietreggiare per firmare la petizione.

“Sono felice di sentire che le persone stanno smascherando i crimini della persecuzione. Avevo fretta ma sentivo che firmare la petizione renderà la mia vita più significativa", ha detto.

Shahian (a sinistra) e Helen (a destra) sono lieti di aiutare a porre fine alla persecuzione

Helen e Shahian stanno studiando per diventare agenti immobiliari. Hanno firmato la petizione per aiutare a porre fine ai crimini del PCC e poi hanno fatto segno agli spettatori di firmare.

"È intollerabile per noi assistere a un Paese che perseguita la sua gente", ha detto uno di loro. “Questo è il minimo che possiamo fare. Le azioni del PCC sono barbare, dobbiamo eliminarlo!”. Erano entrambi felici di aiutare a porre fine alla persecuzione.

Nami, un'immigrata dall'Iran, è venuta a conoscenza della Falun Dafa due anni fa. "La Falun Dafa è benefica per la mente e per il corpo, specialmente durante la pandemia", ha detto.

Nami ha dichiarato di essersi imbattuta nella Falun Dafa due anni fa fuori dal parlamento e di aver iniziato a imparare gli esercizi. Dopo averli praticati per un po’, ha potuto dormire meglio la notte.

Ha condannato la persecuzione del PCC nei confronti dei praticanti della Falun Dafa. “Il PCC è un tiranno. Non possono e non prevarranno. Le persone in questo mondo non saranno ingannate da loro. Non comprerei mai prodotti dalla Cina”, ha detto.

Tove è venuta allo stand informazioni con suo marito e ha firmato la petizione. Il marito ha detto che ha lavorato in Cina per vent’anni ed è ben consapevole dei modi malvagi del PCC. È sicuro che la firma della petizione è molto importante. "Questo problema riguarda tutti".

Tre giovani croati si sono avvicinati allo stand informativo ed hanno firmato. Uno di loro se n'è andato con alcuni volantini per chiarire la verità per presentare la Falun Dafa alla sua famiglia. Ha detto di aver firmato petizioni per porre fine alla persecuzione durante le vacanze a Londra, Canada e Australia. Ha anche guardato video sulla Falun Dafa su YouTube.

Maja e Leah, studentesse delle medie, firmano la petizione e scattano una foto davanti allo stand informativo

Il PCC perseguita i praticanti della Falun Dafa da ventidue anni. Durante questo periodo, i praticanti in tutto il mondo hanno continuato a chiarire la verità. Attraverso i loro sforzi, più esseri senzienti si sono resi conto che la persecuzione di un gruppo di persone che credono nei valori di Verità-Compassione e Tolleranza mette in pericolo il mondo intero. Ovunque le persone dovrebbero stare lontane dal malvagio PCC.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione non commerciale è consentita ma richiede l'attribuzione del titolo dell'articolo e un collegamento all'articolo originale.

Versione cinese