(Minghui.org) Il 10 dicembre scorso i praticanti del Falun Gong di trentasei Paesi hanno presentato ai rispettivi governi, durante la Giornata Internazionale dei Diritti Umani, le nuove liste dei responsabili coinvolti nella persecuzione dei praticanti in Cina, ed hanno chiesto ai vari governi di impedire a loro ed ai loro familiari di entrare in quei Paesi, e di provvedere al congelamento dei loro beni.

I trentasei Paesi includono l'Alleanza dei Cinque Occhi: Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda, ventitré Paesi dell'Unione Europea: Francia, Italia, Spagna, Paesi Bassi, Polonia, Belgio, Svezia, Austria, Irlanda, Danimarca, Finlandia, Repubblica Ceca, Romania, Portogallo, Grecia, Ungheria, Slovacchia, Lussemburgo, Bulgaria, Croazia, Slovenia, Estonia e Malta ed altri otto Paesi: Giappone, Corea del Sud, Indonesia, Svizzera, Norvegia, Liechtenstein, Israele e Messico.

Il Falun Gong, chiamato anche Falun Dafa, viene perseguitato dal Partito Comunista Cinese (PCC) dal luglio 1999. La persecuzione include la tortura dei praticanti con conseguente morte e prelievo forzato dei loro organi. I praticanti hanno recentemente presentato numerose liste di colpevoli a vari Paesi, chiedendo che vengano imposte sanzioni contro questi violatori dei diritti umani. É la prima volta che anche l'Estonia partecipa a questo sforzo.

Chen Yong, segretario del gruppo dirigente del partito della procura della provincia del Shandong e procuratore capo della stessa procura, è su questa lista.

Informazioni sull'autore del reato

Nome completo del perpetratore: Chen (cognome) Yong (nome) (陈勇)

Genere: Maschio

Paese: Cina

Data/anno di nascita: Febbraio 1964

Luogo di nascita: Contea di Pingtan, Provincia del Fujian

Titolo e posizione:

Dicembre 1997: Preside e Vice Segretario del Partito della facoltà di politica e diritto amministrativodell’università del Fujian.

Dicembre 2003-marzo 2012: Vice Direttore del Dipartimento Provinciale di Giustizia del Fujian.

Aprile 2012: Decano e Vice Segretario del Comitato del Partito della scuola di polizia del Fujian.

Febbraio 2015: Segretario del Comitato del Partito del Dipartimento Provinciale di Giustizia del Fujian, Primo Commissario Politico dell'Amministrazione Penitenziaria Provinciale del Fujian.

Marzo 2015-Dicembre 2017: Direttore e Segretario del Comitato del Partito del DipartimentoProvinciale di Giustizia del Fujian,

Primo Commissario Politico dell'AmministrazionePenitenziaria Provinciale del Fujian.

Gennaio 2018-Ora: Segretario del Partito e Procuratore Capo della Procura Provinciale del Shandong.

Crimini principali

Da quando la persecuzione del PCC contro il Falun Gong è iniziata nel luglio 1999, Chen Yong è stato nominato a posizioni importanti nel sistema giudiziario cinese. Dopo essere diventato Segretario del Partito e Procuratore Capo della Procura Provinciale del Shandong, Chen Yong ha seguito da vicino la politica del PCC nel portare avanti la persecuzione contro il Falun Gong, ed è stato il principale direttore della persecuzione nel sistema della procura della provincia del Shandong.

Più volte, durante i suoi discorsi, ha ordinato alla procura della provincia a tutti i livelli di “colpire duro” e “punire risolutamente il Falun Gong”. Da quando Chen ha assunto l'incarico di procuratore capo nel gennaio 2018, almeno 331 praticanti del Falun Gong sono stati condannati. Nel 2019 almeno 145 praticanti nel Shandong hanno affrontato un processo. Tra coloro che sono stati poi condannati, ventisette di loro avevano più di sessantacinque anni. Nella prima metà dello scorso anno cinquantaquattro praticanti sono stati condannati al carcere.

Tra i praticanti condannati cinque sono morti mentre erano ancora in custodia: Gong Piqi, Li Changfang, Yao Xinren, He Lifang e Meng Qingmei.

Cinque casi di morte

1. Colonnello in pensione, condannato a sette anni e mezzo, muore in prigione,

Il 17 ottobre 2017 Gong Piqi, sessantasei anni, colonnello in pensione della città di Qingdao, è stato arrestato. È stato processato dal tribunale distrettuale di Shibei in un'aula improvvisata all'interno del centro di detenzione di Pudong il 24 maggio 2018. Il giudice ha emesso una sentenza di sette anni e mezzo e l’ha multato di 20.000 yuan (circa 2.800 euro) il 20 luglio 2018.

In prigione, per sei mesi, poiché si è rifiutato di rinunciare al Falun Gong, non gli è stato permesso acquistare beni di prima necessità, néfare pause. Ha anche sviluppato l’ipertensione ed altri sintomi. Ha avuto un ictus ed è morto il 12 aprile dello scorso anno. Secondo suo fratello, che ha visto il suo corpo, la sua testa era ferita e gonfia e gli usciva sangue dalle orecchie.

2. La signora Li Changfang muore in circostanze sospette nell'ospedale della prigione

Il 23 ottobre 2018 Li Changfang, della città di Linyi, è stata arrestata,condannata a due anni e mezzo di prigione e multata di 10.000 yuan (circa 1.400 yuan) il 27 marzo 2019.

Nel giugno 2019 Li, mentre era reclusa nel centro di detenzione della città di Linyi, ha iniziato ad avvertire mal di stomaco. Il dolore si è poi diffuso alla schiena ed alle gambe. Poco dopo essere stata ricoverata in ospedale, il 6 luglio, un gruppo di medici l'ha operata senza il consenso della sua famiglia. Dopo l’intervento è caduta in coma ed i suoi occhi sono stati chiusi con il nastro adesivo per tutto il tempo. I medici affermavano che aveva complicazioni al fegato ed ai reni, e l’hanno attaccata ad una macchina per la dialisi. É morta il 12 luglio, dopo che la polizia ha staccato le macchine di supporto vitale. Il suo corpo è stato cremato senza il consenso della famiglia.

3. Yao Xinren muore dopo essere caduto in coma nel centro di detenzione

Il 3 luglio 2019 Yao Xinren, cinquantuno anni, è stato arrestato al lavoro. Le autorità hanno approvato il suo arresto il 10 agosto e l’hanno trattenuto nel centro di detenzione di Zhangjiagou. La polizia ha presentato il suo caso al tribunale nel dicembre dello stesso anno, ed il procuratore l’ha incriminato in seguito, il 22 aprile 2020, dopo quasi dieci mesi di detenzione. Yao ha avuto un ictus, è stato operato, ma è caduto in coma. Il 4 febbraio dello scorso anno le autorità l’hanno staccato dal supporto vitale e l’hanno trasferito dall'unità di terapia intensiva dell'ospedale ad un centro per anziani senza attrezzature mediche adeguate per la sua cura e senza il consenso della moglie. L'11 febbraio Yao è deceduto.

4. He Lifang muore in custodia, si sospetta il prelievo di organi

Il 5 maggio 2019 He Lifang, quarantacinque anni, residente nella città di Qingdao, è stato arrestato. Un mandato d'arresto è stato emesso il 14 maggio ed il suo caso è stato trasmesso al tribunale di Jimo il 23 maggio. Durante la sua detenzione al centro di detenzione di Pudong, He ha fatto uno sciopero della fame per protestare, ma le guardie gli hanno praticato l’alimentazione forzata e l’hanno picchiato, causandogli ecchimosi su tutto il corpo. È diventato incontinente ed è morto il 2 luglio 2019.

La famiglia ha visto dei tagli sul petto e sulla schiena; quello sul petto era già stato ricucito. Il suo viso sembrava sofferente e la sua bocca era spalancata, c'era del sangue nel suo naso e nella sua bocca, che filtrava anche tra i suoi denti. Le ferite su tutto il corpo, specialmente quelle sulle gambe e sulle braccia, avevano buchi di aghi nero-violacei, la sua famiglia sospetta che i suoi organi possano essere stati prelevati mentre era ancora vivo o poco dopo la sua morte.

5. Meng Qingmei muore mentre stava scontando tre anni e mezzo

Il 20 maggio 2017 Meng Qingmei, della città di Heze, è stata arrestata per aver distribuito materiale informativo sul Falun Gong. Le è stata inflitta un'altra pena di tre anni e mezzo da scontare nella prigione femminile della provincia del Shandong.

Intorno al 13 giugno 2020 i familiari hanno ricevuto una chiamata dalla prigione che diceva che la donna versava in condizioni critiche. Quando si sono precipitati all'ospedale era già troppo tardi. Il suo certificato di morte dice che è deceduta per insufficienza multipla d‘organo, a causa di uno squilibrio elettrolitico. Le autorità carcerarie hanno detto che Meng ha fatto uno sciopero della fame per ventotto giorni prima di morire, ma hanno negato di averla alimentata a forza o torturata.

I familiari hanno chiesto che il suo corpo fosse riportato nella contea di Shan, dove viveva, per essere cremato, ma le autorità si sono rifiutate, così sono stati costretti a far cremarla a Jinan, ed hanno portato le sue ceneri a casa il 16 giugno.

Selezione di alcuni casi di condanna

1. Zheng Quanhua condannata a sette anni

Il 17 luglio 2018 Zheng Quanhua, sessantatré anni residente nella città di Qingdao, è stata arrestata, la sua casa è stata saccheggiata, il suo caso è stato trasmesso al tribunale di Jimo ed è stata processata nel luglio 2019. Il tribunale ha informato la famiglia a fine ottobre che era stata condannata a sette anni di detenzione. É stata condotta nella prigione femminile di Jinan il 19 dicembre 2019.

2. Due donne condannate per prove inventate

Il 7 marzo 2019 Wang Cuiying, una cinquantottenne residente nella città di Heze, è stata arrestata mentre distribuiva materiale informativo sul Falun Gong. Un'altra praticante, Zhao Aizhen, è stata arrestata la stessa sera. Anche se non si conoscevano, la polizia ha congiunto i loro casi e li ha presentati insieme al procuratore.

Il 12 marzo dello scorso anno le due praticanti sono state processate in videoconferenza dal tribunale della contea di Juancheng. Il procuratore ha presentato oltre 1.000 prove contro di loro, tra cui libri del Falun Gong e materiale informativo, affermando che fosse stato prodotto da Zhao su richiesta di Wang. Ha detto di avere la confessione di Zhao per sostenere l'accusa, ma la donna ha negato di aver mai fatto la confessione, bensì ha detto che la polizia non le ha permesso di leggere attentamente il verbale dell'interrogatorio prima di costringerla a firmarlo. Wang ha sottolineato che non conosceva Zhao prima del suo arresto e che la polizia ed il procuratore stavano lavorando insieme per incastrarla.

Il 28 marzo la famiglia di Wang ha chiamato il tribunale e le è stato detto che era stata condannata a cinque anni con una multa di 20.000 yuan (circa 2.800 euro). Il giudice Fan ha rifiutato di fornire una copia del verdetto o qualsiasi altro dettaglio, ma ha rivelato che il verdetto è stato emesso il 18 marzo. Zhao è stata condannata a quattro anni e mezzo con una multa di 15.000 yuan (circa 2.100 euro).

3. Wang Xueyong condannato a sette anni di prigione

Wang Xueyong, sulla cinquantina, lavora al campo petrolifero di Shengli. L'8 gennaio 2020 è stato arrestato e la sua casa è stata messa a soqquadro da quattro agenti. Durante l'interrogatorio la polizia ha continuato a fargli pressione perché si dichiarasse “colpevole” di praticare il Falun Gong, ma l’uomo si è rifiutato di farlo.

Quando la polizia ha sottoposto il caso alla procura ha incluso le novantasei tessere informative del Falun Gong che gli erano state confiscate durante un precedente arresto nel novembre 2018, come prova per accusarlo.

Wang è stato processato dal tribunale distrettuale di Dongying in videoconferenza il 20 agosto 2020. É stato condannato a sette anni e multato di 30.000 yuan (circa 4.150 euro) il 24 settembre. Il 9 marzo dello scorso anno è stato trasferito alla prigione della provincia del Shandong, all'insaputa della sua famiglia.

4. Medico in pensione, signora Wang Jianmin, condannata a nove anni

Il 4 settembre 2020 Wang Jianmin, medico in pensione della città di Laiyang, è stata arrestata mentre depositava lettere con informazioni sulla persecuzione in una cassetta postale della Laiyang Unicom Company. La sera, quando non c'era nessuno, la polizia ha saccheggiato la sua casa, Wang è stata portata al centro di detenzione della città di Yantai e messa in detenzione penale il 5 settembre. Il suo arresto è stato approvato il 12 ottobre 2020 ed il 26 marzo dello scorso anno il tribunale intermedio della città di Yantai ha emesso una sentenza di nove anni e l'ha multata di 20.000 yuan (circa 2.800 euro).

5. Quattro praticanti del Falun Gong della contea di Yinan condannati al carcere

Il 28 agosto 2018 Liu Naixun e sua moglie, Wang Xilan, sono stati arrestati. I loro arresti sono stati approvati trentacinque giorni dopo. Il 23 ottobre Zu Peiying e Li Changfang sono stati arrestati, il Comitato per gli Affari Politici e Legali della contea di Yinan e l'Ufficio 610 hanno dato istruzioni alla polizia locale, alla procura ed al tribunale di unire i due casi e farne un “grande caso” per raggiungere il loro obiettivo di “reprimere le attività illegali”.

Il 24 gennaio 2019 hanno allestito un'aula di tribunale di fortuna nel centro di detenzione di Hedong e hanno processato i quattro praticanti. Il tribunale di Yinan li ha condannati segretamente il 27 marzo: Zu è stato condannato a tre anni e mezzo di prigione con una multa di 30.000 yuan (circa 4.150 euro), Liu a tre anni di prigione con una multa di 20.000 yuan (circa 2.800 euro), la signora Li a due anni e mezzo di prigione e Wang a due anni. Li è morta in un ospedale della prigione (dettagli elencati sopra).

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale.


Versione cinese