(Minghui.org) Una forte dorsale di alta pressione sopra il sud-est degli Stati Uniti ha portato un’impennata delle temperature dal 13 giugno 2022, colpendo più di 70 milioni di persone da costa a costa. Ha anche provocato la morte di un gran numero di capi di bestiame.

Martedì 14 giugno il Parco Nazionale di Yellowstone ha subito la prima chiusura estiva in tre decenni a causa di un disastro naturale: un’inondazione senza precedenti ha attraversato la metà settentrionale del parco, spazzando via ponti e strade.

Migliaia di bovini muoiono in Kansas a causa dello stress da caldo

Secondo le informazioni rilasciate dal governo dello Stato del Kansas, il caldo estremo e l’umidità degli ultimi giorni hanno ucciso migliaia di bovini nello Stato. Altri capi di bestiame si trovano ancora in una situazione difficile a causa delle temperature roventi.

Matthew Lara, portavoce del Dipartimento della Salute e dell’Ambiente del Kansas, ha dichiarato che almeno 2.000 bovini sono morti a causa dell’intenso calore e dell’umidità che si sono abbattuti di recente sul sud-occidentale del Kansas.

Lara ha aggiunto che l’attuale numero di bovini morti rappresenta solo le strutture che hanno contattato l’agenzia per assistere nello smaltimento dei bovini morti.

Il Kansas è il terzo Stato americano per numero di capi di bestiame, dopo il Texas e il Nebraska, con oltre 2,4 milioni di bovini nelle stalle.

La morte dei bovini è avvenuta mentre l’industria statunitense continua a lottare con la riduzione delle mandrie a causa della siccità e dell’aumento dei costi dei mangimi, a causa dell’invasione russa dell’Ucraina che ha causato limitazioni nell’approvvigionamento globale di cereali, secondo quanto riportato da Reuters.

Lunedì 13 giugno, le temperature hanno superato i 42°C nel nord-ovest del Kansas. Drew Lerner, il presidente di World Weather Inc. ritiene che questa temperatura elevata “sarà opprimente e stressante per gli animali”.

Il Parco nazionale di Yellowstone costretto a chiudere a causa delle inondazioni, decine di migliaia di persone evacuate

Il 13 giugno, il Parco è stato colpito da forti piogge senza precedenti, che hanno provocato inondazioni, frane record e la chiusura di 5 ingressi al parco.

A oltre 10.000 visitatori è stato chiesto di evacuare Yellowstone dopo che le acque alluvionali hanno attraversato la metà settentrionale del parco martedì 14 giugno, distruggendo ponti e strade e mandando un dormitorio del personale a diverse miglia a valle. È la prima volta in tre decenni che il parco è stato costretto a chiudere durante l’estate a causa di un disastro naturale.

Il Parco Nazionale di Yellowstone, che si estende tra Wyoming, Montana e Idaho, si sta preparando a celebrare il suo 150° anniversario e a dare il benvenuto alla prossima stagione turistica estiva.

Il sovrintendente del parco di Yellowstone, Cam Sholly, ha dichiarato che il parco potrebbe essere chiuso per una settimana a causa del disastro e che l’ingresso nord potrebbe non riaprire quest’estate. Questo ha inferto un colpo economico alle comunità vicine.

La chiusura della parte settentrionale del parco impedirà ai visitatori di accedere ad aree come Tower Fall, Mammoth Hot Springs e Lamar Valley, quest’ultima nota per l’osservazione di orsi, lupi, bisonti, cervi e altro ancora.

Secondo il National Park Service, nel parco si sono verificate interruzioni di corrente diffuse. Una valutazione preliminare ha rilevato che molte strade del parco sono state spazzate via o coperte da rocce e fango. Alcuni ponti sono stati danneggiati. Anche molte strade nella parte meridionale del parco stavano per essere sommerse. Sono previste altre piogge.

Il governatore del Montana Greg Gianforte ha annunciato un disastro a livello statale, con sforzi di soccorso concentrati su tre contee dopo che giorni di piogge record hanno scatenato inondazioni, smottamenti e frane nell’area di Greater Yellowstone.

Secondo il National Weather Service, le inondazioni lungo il fiume Yellowstone hanno superato di quasi un metro il livello più alto registrato oltre un secolo fa.

Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano i punti di vista o le comprensioni dell’autore. Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese