(Minghui.org) Lo scorso 10 settembre i praticanti della Falun Dafa provenienti da 35 Paesi, hanno tenuto una parata a Varsavia, in Polonia, per presentare la pratica di meditazione e sensibilizzare l'opinione pubblica sulla persecuzione del Partito Comunista Cinese (PCC). Il lungo corteo ha attraversato diverse strade della capitale polacca, fino a raggiungere la Città Vecchia.

I praticanti hanno tenuto una grande parata a Varsavia

Maria Wek, che insegna in un'università locale, ha notato la sfilata e ha chiesto al marito di scattare delle foto. Ha spiegato le parole sugli striscioni a suo figlio, che ha sette anni.

"Grazie per la vostra parata", ha detto. "È molto tranquilla, pacifica e bella. Molte persone indossavano abiti gialli. Mi piace il colore, che fa pensare alla felicità e alla vitalità".

"La persecuzione non dovrebbe avvenire nel XXI secolo". Secondo lei, è sbagliato che il PCC non permetta ai praticanti di essere brave persone.

Suo marito ha scattato molte foto e ha detto che le avrebbe pubblicate sui social media perché "questa è una nuova informazione importante per i nostri amici. Per il bene di tutti, continuate così,!".

La sera i praticanti hanno eseguito gli esercizi, tutti insieme, e hanno tenuto una veglia a lume di candela, nella Città Vecchia di Varsavia, che ha attirato l'attenzione di molti passanti. Le persone hanno espresso il loro sostegno, firmando la petizione che chiede la fine della persecuzione.

Sfilata dei praticanti a Varsavia

I passanti hanno appreso della Falun Dafa e di come venga perseguitata in Cina

La parata attira l'attenzione degli spettatori

Olena, manager di un bar ucraino, ha assistito alla sfilata insieme a sua madre e sua zia. "Ho iniziato una registrazione video e d'un tratto sono scoppiata a piangere". Mentre parlava, visibilmente commossa, ha detto di essere d'accordo con la richiesta dei praticanti di porre fine alla persecuzione. Lei ritiene che la marcia sia stata "molto bella, significativa, e abbia fatto sentire, in modo deciso, la voce delle vostre richieste. Noi ucraini siamo al vostro fianco!".

Anche Milena, assistente di farmacia proveniente dal nord della Polonia, si è commossa guardando la sfilata e ha detto: "Il tema mi ha profondamente colpito!. Tante persone sono qui, oggi, per mostrare tutto questo".

"Spero che si tengano altre parate come questa"

Ewa, insegnante di inglese, ha una certa conoscenza della Falun Dafa, grazie alle varie attività tenute dai praticanti nella Città Vecchia. Attraverso la parata, ha appreso molto di più.

"La musica e i colori mi fanno sentire tranquilla", ha detto Ewa. "Questa parata è importante per far conoscere a più persone le informazioni importanti. Spero che si tengano altre sfilate come questa. A Varsavia, abbiamo proprio bisogno di proteste pacifiche e informate. Molte persone non capiscono ancora il messaggio che state trasmettendo".

Firmare una petizione per sostenere la Falun Dafa

Firma della petizione al calar della sera

La sera stessa i praticanti hanno svolto altre attività. Una donna, che ha firmato la petizione, ha detto: "Sono sconvolta dai fatti della persecuzione, che avete presentato, e sbalordita dal fatto che così tante persone vengano perseguitate, nella nostra società, molto più di quanto si possa pensare".

Ha voluto contribuire firmando la petizione. Ha detto: "Dobbiamo lottare contro questa persecuzione". Ha anche preso dei volantini per poter informare altre persone.

"Non posso lottare contro la persecuzione di persona. Ma quando vedo l'ingiustizia, soprattutto quando c'è stato un massacro e il prelievo di organi, sento che devo agire", ha detto Alexander, studente universitario, dopo aver firmato la petizione. "Vorrei che tutte queste persecuzioni potessero essere fermate".

Igor Klok, che lavora nel settore assicurativo, viene dall'Ucraina e ha firmato la petizione nella sua città, per sostenere gli sforzi dei praticanti. Ha detto: "I praticanti sono così pacifici che non c'è motivo di perseguitarli. Tutti dovrebbero avere il diritto di fare queste cose pacifiche".

Scenario: Cos'è la Falun Dafa e perché il PCC la perseguita

La Falun Dafa (conosciuta anche come Falun Gong) è stata introdotta per la prima volta al pubblico dal signor Li Hongzhi a Changchun, in Cina, nel 1992. La disciplina spirituale è ora praticata in oltre cento, tra Paesi e regioni in tutto il mondo. Milioni di persone che hanno abbracciato gli insegnamenti, basati sui principi di Verità, Compassione e Tolleranza, e hanno imparato i cinque esercizi, hanno sperimentato un miglioramento della salute fisica e spirituale.

Il 20 luglio 1999 Jiang Zemin, ex capo del Partito Comunista Cinese (PCC), avvertendola crescente popolarità della disciplina spirituale come una minaccia all'ideologia atea del PCC, ha emesso l’ordine di perseguitare il Falun Gong.

Sotto la direzione personale di Jiang, il PCC ha istituito l'Ufficio 610, un'organizzazione di sicurezza extralegale con il potere di scavalcare la polizia ed il sistema giudiziario, la cui unica funzione è quella di portare avanti la persecuzione della Falun Dafa.

Negli ultimi ventitre anni Minghui.org ha confermato la morte di migliaia di praticanti del Falun Gong durante la persecuzione, ma si sospetta che il numero effettivo sia molto più alto. Molte altre persone sono state imprigionate e torturate per la loro fede.

Numerose prove dimostrano che il PCC ha ordinatoil prelievo forzato di organi da prigionieri di coscienza detenuti, che sono stati assassinati per rifornire l'industria cinese dei trapianti in forte espansione.

Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese