(Minghui.org) Per aver sostenuto la sua fede nel Falun Gong, una donna residente a Kunming, provincia dello Yunnan, è stata ripetutamente arrestata e picchiata dalla polizia. La signora Tang Yu è stata condannata a quattro anni di prigione nel 2015, ed entrambi i suoi genitori sono morti poco dopo. La donna si trova ancora sotto sorveglianza della polizia dopo il suo rilascio nel 2019.

Il Falun Gong, noto anche come Falun Dafa, è un'antica disciplina spirituale e di meditazione perseguitata dal regime comunista cinese dal 1999.

Tang Yu ha iniziato a praticare il Falun Gong nel 1996 e attribuisce a questa pratica il merito di aver migliorato la sua salute e di averla trasformata in una persona più premurosa. Da quando è iniziata la persecuzione, è stata arrestata diverse volte e picchiata selvaggiamente dalla polizia per aver parlato con le persone del Falun Gong.

Il 30 settembre 2011 a seguito di un arresto, è stata picchiata crudelmente mentre le sue mani erano ammanettate dietro la schiena. Il suo intero corpo è diventato nero e blu, le ginocchia gonfie, rendendola incapace di stare seduta o in piedi.

Le ferite di Tang dopo l'arresto del 2011

Il 1° settembre 2013, è stata picchiata di nuovo a seguito di un altro arresto. Ha lottato così duramente che ci sono voluti nove agenti e circa un’ora per costringerla a salire in una macchina della polizia. Alla fine uno di loro le ha spinto la testa in basso ed un altro le ha pestato i piedi.

Lividi sulle braccia dopo l'arresto del 2013

Il 18 agosto 2015 è stata nuovamente denunciata e arrestata per aver distribuito materiale informativo sul Falun Gong. La polizia le ha ammanettato le mani dietro la schiena e l'ha picchiata violentemente, per poi rilasciarla alle 18:00 dello stesso giorno.

La testa, le cosce e le braccia sono state ferite dopo il suo arresto nell'agosto 2015

il 27 ottobre 2015, Tang è stata arrestata di nuovo. Durante la detenzione ha subito la rottura di una costala destra a causa dei pestaggi inflitti dalla polizia. Molti dei suoi effetti personali sono stati confiscati. È stata rilasciata due giorni dopo.

Il 26 novembre, solo un mese dopo, è stata arrestata nuovamente e portata alla stazione di polizia di Yongchang. Durante le 12 ore di detenzione le hanno ammanettato le mani ad una sedia, picchiata e tappato la bocca per impedirle di gridare: «La Falun Dafa è buona». Inoltre è stata privata del sonno e del cibo.

Lo stesso giorno del suo arresto, la Corte intermedia della città di Kunming l'ha condannata a quattro anni di reclusione e mandata al Centro di detenzione del distretto di Xishan.

Tang ha fatto appello al verdetto ma senza successo. Un anno dopo è stata trasferita nella prigione femminile n. 2 dello Yunnan. Le guardie le hanno confiscato tutte le necessità quotidiane che aveva portato con sé dal centro di detenzione. Hanno inoltre tentato di costringerla a scrivere delle dichiarazioni per rinunciare al Falun Gong. Quando si è rifiutata, le guardie hanno ordinato ad altre detenute di scriverla per lei e l'hanno costretta a firmarla. Ogni giorno è stata costretta a fare dei lavori non retribuiti e se non riusciva a finire il quantitativo richiesto, era obbligata a stare in piedi per lunghe ore.

Tang è figlia l'unica. Suo padre dopo aver assistito ai numerosi saccheggi domestici e dopo le sofferenze subite per la prigionia della figlia è morto nell'inverno del 2015. La polizia ha continuato a molestare anche la madre costringendola a scrivere una lettera affinché la figlia si dimettesse dal lavoro. Anche la salute della madre è stata consumata dal terrore e dalle sofferenze e anche lei è morta poco tempo dopo.

Tang prima che fosse costretta a dare le dimissioni dal lavoro, aveva lavorato per un totale di trentadue anni di cui ventisette pagando la previdenza sociale. Avrebbe avuto diritto ad una pensione di 900 yuan (circa 120 euro) al mese se ci fosse andata con l’età di cinquant’anni. Così a causa delle dimissioni forzate, ha dovuto pagare un'assicurazione sociale aggiuntiva per altri cinque anni per poter ricevere la pensione.

Dopo il suo rilascio del 26 maggio 2019, ha continuato ad essere monitorata. Non solo le ordinano di presentarsi frequentemente alla stazione di polizia, ma spesso si presentano a casa sua per controllare i tabulati telefonici al fine di scoprire eventuali contatti con altri praticanti del Falun Gong.

Articoli correlati

Mr. Li Peigao and Ms. Tang Yu Arrested for Distributing Suing Jiang Zemin Brochures

Recent Arrest of Ms. Tang Yu for Distributing Shen Yun DVDs (Photos)

Ms. Tang Yu from Kunming City Brutally Beaten by Donglu Police Station Officers (Photos)

Versione cinese