(Minghui.org) Niu Shumei fu il prefetto della prefettura di Ningyuan durante i periodi di Daoguang e Xianfeng (periodo compreso tra il 1820 e il 1861) nella dinastia Qing. Era onesto e laborioso e realizzò cose straordinarie per le quali venne molto elogiato dalla gente.

Un giorno ci fu un terremoto devastante e tutte le abitazioni della città crollarono causando innumerevoli feriti e morti. Anche gli uffici governativi vennero danneggiati. Il figlio di Niu morì e Niu stesso subì una ferita molto grave al piede che gli rese difficile camminare.

In questo periodo difficile Niu Shumei scrisse un lungo articolo per mettere in discussione il Dio della città. Nell'articolo accusò la Divinità di godere dell'incenso che la gente bruciava, ma di non essere riuscito a proteggerla, e la provocò chiedendo se fosse mai possibile che tutti in quella grande città fossero malvagi e meritassero di morire. Disse che la sua coscienza era pulita, ma che suo figlio era morto e lui stesso era rimasto ferito. Chiese se la via del Cielo non fosse all'altezza delle persone che avevano fede in lei e se anche gli Dei avessero commesso errori nel loro giudizio.

Quella notte Niu Shumei sognò il Dio della città che lo invitata ad avvicinarsi dicendogli: “Mi hai rimproverato nei tuoi scritti con ipocrisia e giustificazioni, ma davvero non capisci come funzionano gli Dei e gli spiriti, ecco perché ti ho invitato qui per rispondere alla tua domanda e alle tue osservazioni diffamatorie”.

Poi aggiunse: “Tutte le calamità derivano dal karma peccaminoso accumulato dalle persone nel tempo e nulla è accidentale”.

Rivelò a Niu il segreto su come gli Dei avessero passato 50 anni a prendere accordi sul terremoto. Disse: “Vi è stata un'indagine e una raccolta di informazioni durata 50 anni in relazione all'attuale terremoto, e tutti coloro che non avrebbero dovuto soffrire erano stati trasferiti; se avessero commesso nuovi peccati, sarebbero stati rimandati indietro; anche se al momento della catastrofe ci fossero stati dei cambiamenti, questi sarebbero stati presi in considerazione e le vite umane non sarebbero mai state ignorate”.

Niu Shumei affermò: “Se è così, intendi dire che non c'era nemmeno una persona di buon cuore in tutta la città e che anche io e mio figlio meritavamo di essere condannati?”.

La Divinità rispose: “Ci sono tre famiglie in città che sono al sicuro. Una è la famiglia di una donna che vive da tre generazioni come vedova e ora si prende cura di suo nipote. L'altra è la famiglia di un medico. Non vende mai medicine contraffatte e fa del suo meglio per i pazienti ogni volta che ce n'è bisogno, anche nel cuore della notte o quando le strade sono bagnate e fangose. L'altra ancora è la famiglia di una vecchia signora e del suo giovane nipote, che si guadagnano da vivere vendendo torte di riso fritte. Sono tutti sani e salvi. Puoi andare a dare un'occhiata, non dico bugie”.

Il Dio della città proseguì: “Tuo figlio ha fatto molte cose brutte nella sua vita precedente e, di conseguenza, ha incontrato la dovuta punizione col terremoto. Saresti stato condannato anche tu, ma poiché sei un funzionario onesto e laborioso, ti è stata data una punizione indulgente e sei rimasto ferito solo al piede. In una parola, gli Dei e il Cielo sono estremamente precisi quando distribuiscono ricompense o punizioni e non farebbero mai un favore extra a nessuna persona in particolare. Ogni disastro o buona fortuna ha le sue ragioni, quindi se fai del tuo meglio per diventare un buon funzionario, potresti essere promosso alla carica di commissario alla Giustizia”.

Dopo aver ascoltato tutto Niu Shumei ringraziò il Dio della città e si scusò per ciò che aveva scritto nel suo articolo.

Dopo essersi svegliato, Niu andò a dare un'occhiata alle tre famiglie di cui gli aveva parlato la Divinità nel sogno. Facilmente trovò le famiglie della donna e quella del medico, ma gli ci volle qualche sforzo in più per trovare la vecchia signora che vendeva torte di riso fritte. Quest'ultima gli disse che cercava sempre di trattare le persone in modo equo e che quando incontrava persone anziane o disabili cercava comunque di vendere loro le torte con uno sconto o di non farle pagare affatto.

Disse anche a Niu che due giorni prima del terremoto, all'improvviso aveva avuto più clienti e che l'offerta aveva superato la domanda, quindi col suo nipotino avevano trascorso la notte a preparare torte di riso fritte da vendere il giorno successivo. Poi era arrivato il terremoto e loro due rimasero coperti sotto la casa crollata per tre giorni prima di essere salvati. Erano sopravvissuti grazie alle torte.

Niu Shumei rimase molto sorpreso nell'ascoltare la storia e in seguito ottenne una comprensione ancora più profonda del principio di causa ed effetto e lavorò ancora di più per diventare un buon funzionario. Successivamente venne in effetti promosso a commissario alla Giustizia del Sichuan.

Note dell'editore

Niu Shumei esistette davvero (1791-1875). Nacque nel Gansu e si candidò con successo all'esame imperiale nel 21° anno del periodo Daoguang durante la dinastia Qing. Nella sua carriera di burocrate, prestò servizio come magistrato nella contea di Zhangming (l'attuale città di Jiangyou), prefetto di Maozhi e Ningyuan e commissario alla Giustizia del Sichuan.

Niu venne descritto in The Draft History of Qing come “trasparente e prudente nel giudicare i casi. Non ha lasciato alcun caso irrisolto ed è stato profondamente amato dalla gente”.

Il terremoto in questione avvenne a Xichang nella notte del 12 settembre 1850 (7 agosto dell'anno lunare e 38° anno del periodo Daoguang). Fu un devastante terremoto di magnitudo 7.5.

Riguardo alla situazione a Ningyuan, in The Draft History of Qing venne scritto: “La terra tremò e l'intera città crollò, lasciando molte persone morte o ferite. Niu Shumei venne sepolto dalle macerie, ma sopravvisse. La popolazione locale nel Sichuan affermò che il Cielo aveva risparmiato Niu Qingtian (un soprannome che gli era stato dato dalle persone in lode della sua giustizia e rettitudine), in modo che potesse promuovere la gentilezza e la benevolenza. Shumei si incolpò di non avere avuto abbondante virtù e di non essere riuscito a proteggere la gente, e rifletté su se stesso. Cercò di fare poi tutto il possibile per aiutare le vittime e ottenne rispetto e affetto ancora più profondi dalla gente”.

La storia è stata tratta da “Juen Yuan Notes” di Huang Shuyun.

Versione Cinese