(Minghui.org) Quando il governo australiano ha allentato le restrizioni sulle attività sociali durante la pandemia alla fine di maggio, i praticanti della Falun Dafa di Melbourne sono tornati in vari luoghi, compresa l'area commerciale del centro, per sensibilizzare la gente sulla persecuzione dei praticanti della Falun Dafa in Cina. Hanno distribuito opuscoli informativi ed incoraggiato le persone a firmare una petizione che chiede la fine della persecuzione.

Un uomo ha elogiato la grinta e la forte perseveranza dei praticanti nel resistere alla persecuzione negli ultimi vent’anni. Ha detto che era davvero ammirevole. Un giovane aveva le lacrime agli occhi mentre ascoltava come i praticanti sono perseguitati in Cina e un altro signore ha detto che se tutti seguissero i principi di Verità, Compassione e Tolleranza della Falun Dafa il mondo non sarebbe così caotico. Diversi altri hanno affermato che le persone dovrebbero scendere in piazza per protestare contro l'uccisione dei prigionieri di coscienza da parte del Partito Comunista Cinese (PCC) per i loro organi.

I praticanti sensibilizzano i passanti sulla persecuzione in Cina vicino alla Biblioteca di Stato nel centro di Melbourne

I passanti prendono visione delle informazioni sulla Falun Dafa a City Square nel centro di Melbourne

Chinatown a Melbourne

I principi di Verità, Compassione e Tolleranza aiutano le persone a mantenere la loro gentilezza e speranza

Zana firma la petizione per fermare la persecuzione del Falun Gong in Cina a City Square a Melbourne il 6 giugno

Un cantante di nome Zana si è fermato al tavolo dei praticanti mentre passava da City Square. Ha firmato la petizione per sostenere gli sforzi dei praticanti per fermare la persecuzione.

Ha detto: «Tali cose ingiuste e disumane non possono essere tollerate. Ciò che il regime del PCC fa ai cinesi non può essere accettato. Dovrebbe essere fermato».

Ha continuato dicendo: «Se il PCC ha causato la perdita del controllo dell'epidemia, dovrebbe assumersi la piena responsabilità dello scoppio della pandemia. So che i cinesi devono usare il software per aggirare il grande firewall al fine di ottenere informazioni senza censure e, se parlano attraverso internet, potrebbero essere arrestati dal regime».

Ha elogiato i praticanti per la loro perseveranza nel sensibilizzare l'opinione pubblica su ciò che sta accadendo in Cina. Ha detto: «Se tutti seguissero i principi di Verità, Compassione e Tolleranza nella vita di tutti i giorni, allora molte cose ingiuste in questo mondo non accadrebbero».

Robert firma per condannare la persecuzione dei praticanti della Falun Dafa in Cina

Robert, che è cristiano, ha firmato la petizione e ha detto: «Ora il mondo intero è nel caos. La nostra società è invasa da cima a fondo dall'egoismo e dall'avidità. In Cina vediamo la corruzione della società, le persone con ricchezza e potere non si preoccupano affatto delle difficoltà del ceto medio. Perseguitano persone innocenti. Il PCC copre i fatti su tutto e le persone non hanno il diritto di esprimere le loro opinioni contro il governo».

«Ecco perché i principi universali di Verità, Compassione e Tolleranza sono così importanti. Impariamo dai praticanti della Falun Dafa che credono in questi principi. I futuro questi principi svolgeranno un ruolo molto importante perché possono aiutare le persone a mantenere la loro gentilezza e speranza, perché solo le persone gentili possono eventualmente tornare in cielo e alla fine essere curate da Dio».

Le persone dovrebbero protestare per le strade per fermare tali atrocità

Jemina alla Chinatown di Melbourne, dove i praticanti aumentano la consapevolezza sulla persecuzione in Cina.

Jemina ha avuto una lunga conversazione con un praticante a Chinatown e crede che uccidere le persone per i loro organi ricavandone molti soldi sia terrificante. Pensa che la gente di tutte le contee dovrebbe scendere in piazza per protestare contro i crimini crudeli del PCC contro l'umanità e fermare tali atrocità il prima possibile.

Ha concluso dicendo: «Spero davvero che ci sia un modo per fermare il prelievo di organi e salvare persone innocenti il più presto possibile».

Spera di aiutare a fermare il prelievo di organi

Un uomo d'affari di Melbourne firma la petizione contro la persecuzione nella Chinatown di Melbourne il 6 giugno

Un uomo d'affari di Melbourne ha firmato la petizione dei praticanti e ha detto: «Tutte le persone dovrebbero firmare per opporsi a tali atrocità».

Ha poi continuato: «Sono venuto a conoscenza della Falun Dafa alcuni anni fa, dopo aver visto diversi eccellenti documentari sull'uccisione di persone per i loro organi. Avevano molte prove evidenti per dimostrarlo. Ciò dimostra che questo male è reale e sta accadendo. È un'industria con enormi profitti. È sconcertante che il governo australiano non abbia intrapreso alcuna azione chiara al riguardo e il governo australiano dovrebbe vietare alle persone di andare all'estero per trapianti di organi illegali, proprio come sta facendo Israele».

Ha aggiunto: «Dovremmo fare pressione sul governo australiano affinché approvi un disegno di legge per vietare agli australiani di accettare organi da fonti non identificate. Mi piacerebbe saperne di più e cercare di convincere i membri del Parlamento ad agire per fermare questo prelievo di organi».

Prima di andarsene ha detto: «I praticanti della Falun Dafa sono un gruppo di persone forti. Non rinunciano mai alla loro fede anche se affrontano una persecuzione così crudele. Le parole "Verità, Compassione e Tolleranza" sono straordinarie e piene di saggezza, mi piacerebbe conoscerle più in profondità».

Versione cinese