(Minghui.org) Il 21, 22 e 25 agosto, in Svezia, al Mynttorget di Stoccolma, i praticanti della Falun Dafa hanno tenuto attività divulgative. Molte persone si sono fermate a parlare con loro venendo così a conoscenza di questa antica pratica spirituale.

I praticanti dimostrano gli esercizi della Falun Dafa a Mynttorget a Stoccolma

I passanti si fermano per conoscere la Falun Dafa

I praticanti hanno chiesto il permesso alla polizia per svolgere attività aggiuntive in pubblico a Mynttorget con lo scopo di far conoscere meglio la Falun Dafa e come il Partito Comunista Cinese (PCC) stia danneggiando l'umanità. La domanda è stata rapidamente approvata. Poiché le attività sono sempre state pacifiche nel corso degli anni, la polizia svedese era molto fiduciosa. I poliziotti in servizio hanno spesso elogiato i praticanti della Falun Dafa e hanno dichiarato ad altri gruppi di manifestanti: «Dovreste praticare la Falun Dafa, perché i praticanti sono sempre pacifici e calmi».

Le persone firmano la petizione per incoraggiare e sostenere gli sforzi dei praticanti per porre fine alla persecuzione

Venerdì, alcuni gruppi di studenti delle scuole medie mentre stavano eseguendo delle ricerche sociali, hanno approfittato per leggere attentamente i poster informativi, osservare i praticanti eseguire l’esercizio di meditazione e ascoltare i discorsi introduttivi sulla Falun Dafa. Poi diligentemente si sono messi in fila per firmare la petizione e sostenere la fine della persecuzione da parte del PCC. Hanno inoltre scattato delle foto per far conoscere questo evento ad altre persone. Una studentessa di nome Amira ha espresso la propria felicità nel momento in cui ha incontrato i praticanti e ha conosciuto e capito la vera situazione in Cina. Inoltre ha dichiarato che la firma della petizione le ha reso la giornata più significativa.

Un giovane si è fermato e ha letto tutti i tabelloni. Ha detto che non avrebbe mai immaginato che il PCC stesse perseguendo in modo terribile un gruppo di persone così pacifico: «Il Partito Comunista è terribilmente malvagio» ha affermato, e senza una minima esitazione ha firmato la petizione esprimendo la volontà di imparare la pratica della Falun Dafa.

Un gruppo di giovani, di nazionalità russa, hanno manifestato la loro disapprovazione per le atrocità da parte del PCC, in particolare il prelievo forzato di organi da praticanti ancora in vita. Tutto il gruppo ha firmato la petizione contro la persecuzione e uno di loro ha aggiunto: «Tutti i cinesi dovrebbero farsi avanti per eliminare questo governo totalitario!». Hanno incoraggiato i praticanti a continuare a diffondere la verità e non arrendersi mai.

Una donna ha affermato: «Ho vissuto personalmente sotto una dittatura. Esercitare il proprio credo non deve solo essere consentito, ma dovrebbe essere un diritto inalienabile di tutta l’umanità. Il motivo per cui il regime si comporta in questo modo è dovuto alla paura del potere della fede. Il Partito Comunista Cinese è un demone e il modo in cui tratta le persone è assolutamente spaventoso. Capisco cosa state facendo e ammiro il vostro coraggio!». La donna ha firmato la petizione e ha preso alcune copie di volantini informativi per distribuirli a più persone.

Una coppia di origine irachena, dopo aver appreso che il PCC sta prelevando gli organi da esseri umani ancora vivi, hanno condiviso la loro esperienza, in quanto già a conoscenza del rapimento di alcuni bambini in Cina per il prelievo dei loro organi. La coppia era veramente addolorata pensando al fatto che le persone, sotto il regime comunista, abbiano perso la propria identità e che ancora subiscano crimini atroci. La moglie ha affermato: «Un omicidio così grande quando è approvato da uno Stato è molto grave! La gente dovrebbe saperlo». Hanno condiviso gli sforzi dei praticanti per sostenere la richiesta affinché il governo svedese agisca contro il PCC.

Versione cinese