(Minghui.org) Dopo aver letto l'articolo di condivisione dell'esperienza di un praticante ho avuto una nuova comprensione. Quando la polizia lo torturava e sentiva di non poterlo più sopportare, ha gridato: “Maestro!”. La polizia si è spaventata e ha smesso di torturarlo.

Mi sono reso conto che chiamare il Maestro Li, il fondatore della Falun Dafa, in un momento critico riflette il proprio stato di coltivazione e livello, perché richiede di superare almeno tre livelli di barriere.

Una barriera da superare è la nozione e l'ateismo della gente comune. Dobbiamo essere in grado di capire che questa non è una persecuzione dell'uomo contro l'uomo, ma ci sono fattori di altre dimensioni che usano le persone per perseguitarci. Questa è già una manifestazione di pensieri retti e di illuminazione.

In secondo luogo, sapere che il Maestro è al nostro fianco e chiedere l'aiuto del Maestro è un ulteriore passo della retta illuminazione. Una volta ero sul treno e avevo mal di denti e non riuscivo a sopportarlo più, così ho chiesto aiuto al Maestro nel mio cuore. In breve tempo ho sentito il dente scattare e il dolore è cessato all'istante. Ero sorpreso e felice. Grazie, Maestro.

In terzo luogo, invocare l'aiuto del Maestro richiede di superare mentalità come “imbarazzo”, il dubbio “se sarà utile…”, “non lasciare che la gente comune fraintenda”, e così via. Ora ho capito che

“…solo così sarà vera coltivazione.”

(Coltivazione salda - Hong Yin)

Perché alcuni praticanti lo fanno? È una manifestazione della loro retta fede. Senza un pensiero puro, non si può superare la nozione di “se è utile o meno” per gridare ad alta voce. Non è questa la coltivazione? Senza aver raggiunto un certo livello e un certo stato d’animo, semplicemente non si riuscirà a farlo perché non si tratta di qualcosa di teorico o di livello della parola.

Inoltre ho anche capito che nei momenti critici i nostri pensieri sono molto importanti. Ciò che si pensa può diventare realtà. Per esempio, di fronte alla persecuzione in forma di malattia da parte delle vecchie forze, se si pensa che sia una falsa apparenza, lo sarà davvero, e se si pensa che sia una malattia, allora potrebbe diventare una vera tribolazione. Se nel momento critico abbiamo quell'unico pensiero che è molto puro e in accordo con la Fa, forse accadrà un miracolo.

Per esempio, durante la pandemia, alcuni quartieri erano chiusi e c'erano guardie agli ingressi. Alcuni praticanti hanno detto che stavamo svolgendo una missione divina e facendo la cosa più giusta “chiarendo la verità alla gente”, così hanno potuto entrare e uscire liberamente e le guardie non potevano davvero fermarli. Naturalmente le manifestazioni potevano essere diverse: alcune guardie chiudevano un occhio, altre giravano la testa per guardare altrove quando i praticanti passavano, e così via.

Tutto ciò che esiste nella società umana non è costituita da molecole? In un'altra dimensione, la nostra società umana è una massa di molecole. L'intero universo è sotto il controllo del Maestro, e sotto l'immenso potere del Maestro, le molecole della società umana non contano nulla. Ho capito che, da un livello superiore, la cosiddetta realtà che appare reale nella società umana è in realtà una falsa apparenza. Quando abbiamo veramente un forte pensiero retto, con la benedizione del Maestro onnipotente, i pensieri retti possono portare miracoli? In quel momento, non siamo forse esseri divini tra gli uomini e diventiamo davvero divini?

Nota dell'editore: questo articolo rappresenta solo l'attuale comprensione dell'autore destinata alla condivisione tra i praticanti in modo da permetterci di seguire le parole del Maestro: “confrontatevi nello studio e nella coltivazione”. (“Coltivazione salda”, Hong Yin).

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale

Versione cinese