(Minghui.org) Una mattina io e un altro praticante della Falun Dafa siamo andati in un mercato per distribuire i materiali di chiarimento della verità. Durante la distribuzione abbiamo inviato pensieri retti ed è andato tutto bene.

Quando però sono tornata a casa a mezzogiorno, mio marito ha chiamato mio figlio e mia nuora. Quando eravamo tutti insieme mi ha chiesto: “Continuerete a praticare la Falun Dafa?”.

La mia risposta è stato un sì deciso e mio marito si è molto arrabbiato: “Allora dovremo divorziare. Tu fai quello che vuoi”.

Ho risposto: “Continuerò assolutamente a praticare la Dafa. Se devi divorziare da me, fai pure”.

Ha risposto: “Va bene. Lo farò!”.

Poi mi sono cambiata per andare a preparare i documenti. Mia nuora mi ha chiesto: “Fai sul serio?”.

“Certo”, ho risposto. “Lui interferisce sempre con la mia pratica della Dafa”.

“Non potete divorziare oggi”, è intervenuto mio figlio. “È domenica, sono tutti in ferie”.

Mio marito è rimasto in silenzio per un po', poi ha cambiato tono: “Non m'importa se pratichi o no!”.

Ho compreso che gli elementi malvagi che interferivano con lui erano stati eliminati. Grazie a questo incidente, ho compreso che finché i nostri pensieri sono retti tutte le tribolazioni verranno risolte.

Ho anche visto come sono stata messa alla prova per vedere se credo veramente nella Dafa o no. Se raggiungo un certo livello e soddisfo lo standard di quel livello, allora gli elementi cattivi non potranno interferire con me.

Se fossi scesa a compromessi con mio marito e avessi detto: “Va bene, smetterò di praticare la Dafa per te”, ma avessi continuato a praticare alle sue spalle, allora il mio livello di coltivazione non avrebbe soddisfatto lo standard per quella prova. Quindi dobbiamo avere una mentalità retta per affrontare tutti gli ostacoli.

Più tardi mio marito mi ha detto che gli ufficiali della comunità erano venuti a casa nostra a chiedere se praticassi ancora la Dafa. Sapevo che, se avessi risposto di no, il mio nome sarebbe stato rimosso dalla loro lista e a mio nipote non sarebbe stato impedito di andare all'università o arruolarsi nell'esercito. Ma sapevo anche che doveva trattarsi di un'altra trappola delle vecchie forze, così ho risposto: “Non preoccuparti. Lasciami andare a parlare con loro”.

Sapevo che era il momento di chiarire la verità a uno degli ufficiali. Sono andato a casa sua e gli ho parlato della Dafa e di come il Maestro Li Hongzhi ci dica di essere persone buone.

Lui ha detto: “Gli ordini provengono dal mio capo, non da me”.

Gli ho detto: “Per favore non farti coinvolgere nella persecuzione dei praticanti della Dafa. Non è un bene per te”. Ha risposto che non lo avrebbe fatto.

Come praticanti della Dafa, dovremmo ricordare a noi stessi che siamo praticanti retti. Non dovremmo permettere alle vecchie forze di approfittare delle nostre mancanze. Ogni volta che sorgono tribolazioni dobbiamo anche guardarci dentro e cambiare il nostro comportamento in base alla Fa.

Quanto sopra è la mia comprensione personale. Vi prego gentilmente di farmi se qualcosa che non è in linea con la Fa.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale.

Versione cinese