(Minghui.org) Ho 57 anni e pratico la Falun Dafa da oltre 20 anni. Nel 2020 ho incontrato una prova di vita o di morte. È stato il Maestro a salvarmi la vita.

Guardarsi dentro: sviluppare i sintomi della malattia

Nell’ottobre 2020, ho notato delle macchie rosse su entrambe le gambe. A poco a poco, queste macchie hanno iniziato a gonfiarsi. Ho pensato di non doverlo riconoscere, perché sapevo che il Maestro stava purificando il mio corpo. Sapevo che avrei dovuto continuare a fare tutto ciò che dovevo e fare bene le tre cose.

Alcuni giorni dopo, mi sono sentita gonfia, prima allo stomaco e poi al petto. Di conseguenza, mi era difficile respirare e non potevo incrociare le gambe nella posizione del loto per la meditazione. I talloni, il petto e la schiena erano gonfi. Così, ho iniziato a prestarci attenzione e mi sono guardata dentro.

Ho scoperto che il mio atteggiamento non era basato sulla Fa. C’erano anche molti attaccamenti che non avevo ancora lasciato andare, come il mettermi in mostra, la gelosia, la paura, il risentimento, la pigrizia, il non voler accettare le critiche, non mettere il cuore nello studio della Fa, il sentirmi assonnata quando inviavo pensieri retti, ecc. Ho deciso di eliminare i miei attaccamenti.

Ero fermamente convinta ad essere un discepolo del Maestro e di seguire solo le Sue disposizioni. Così, ho deciso di eliminare qualsiasi accordo preso con le vecchie forze. Più tardi, le macchie rosse sul mio polpaccio si sono rotte e hanno trasudato del liquido e il mio stomaco è diventato sempre più grande. Avevo difficoltà a camminare e non riuscivo a mangiare molto. Anche mio marito ha notato che c’era qualcosa che non andava in me. Ho cominciato a sentirmi estremamente a disagio e non riuscivo ad addormentarmi.

Credere nel Maestro e correggermi in base alla Fa

Tuttavia, ero ancora molto serena. Ho pensato: “Non è niente. Sono una praticante. Ho il Maestro e la Fa”. Mio marito ha visto i miei sintomi e ha chiesto a nostro figlio di fare una ricerca online. Dopo averli trovati mio figlio ha pianto.

Mio marito e mio figlio mi hanno esortato ad andare in ospedale. Ho detto loro di non preoccuparsi per me e ho detto: “Sto bene”. Mio marito ha chiamato tutti i parenti da parte di mia madre e tutta la famiglia è venuta per convincermi ad andare in ospedale.

Ho pensato: “Sono una praticante della Dafa. Tutto ciò che è cattivo, è anche una buona cosa. Sta a me migliorare superando la prova. Anche se ho delle mancanze nella mia coltivazione, ho il Maestro e sarò corretta dalla Fa”.

Mancanza di pensieri retti

Mi sono guardata dentro più volte: “Cosa ho fatto di sbagliato?” Mi sono ricordata che nel 2019, a causa dei miei attaccamenti alla fama, al risentimento, alla rabbia e alla competitività, ho sviluppato un sintomo simile alla paralisi facciale. Poiché i miei pensieri retti non erano abbastanza forti, ho usato un metodo ordinario di trattamento per due giorni, l’agopuntura. Sapevo di aver sbagliato e mi sono corretta in base alla Fa. A poco a poco, il mio viso è tornato alla normalità. Poiché non avevo superato bene la prova la prima volta, la seconda è stata più grande.

La mia famiglia ha insistito perché andassi in ospedale. Mio fratello ha detto: “Verrò a prenderti domani mattina. Ti porteremo, anche se dovessimo usare un montacarichi”. Ho pensato: “Il Maestro si sta prendendo cura di me. Non accetto le disposizioni fatte da altri”.

Mi hanno portata in ospedale e ho fatto tutte le analisi. Avevo un solo pensiero: “Non ho paura di nulla; Sono libera da malattie; Sono una praticante”.

Non ho saputo i risultati delle analisi e la mia famiglia non me l’ha detto. Ho solo pensato: “Non riconoscerò l’illusione della malattia. Il Maestro sta spingendo fuori il mio karma, accumulato vita dopo vita, fino alla superficie per aiutarmi ad eliminarlo.

All’ospedale, avevo difficoltà a camminare. Mangiavo e bevevo molto poco poiché il gonfiore addominale aveva quasi raggiunto il petto. Era difficile per me respirare. Ho avuto anche alcuni pensieri negativi: “È molto difficile superare questa prova. Potrò superarla? Questa è una prova di vita o di morte. Devo dire a mio marito della stampante e dei materiali della Dafa che ho a casa. Potrei non essere in grado di superare la prova”.

Poi ho pensato: “La morte non è nulla. Ho ottenuto la Fa. Di cosa dovrei preoccuparmi?” Ho pensato anche a ciò che ha detto il Maestro:

“... che cos’è un discepolo della Dafa? È un essere creato dalla Fa più grandiosa, (entusiastico applauso) ed è solido come una roccia e indistruttibile come il diamante.”
(“Insegnamento della Fa alla conferenza della Fa di Washington DC 2003”, Insegnamento della Fa nelle conferenze IV)

L’importanza di compiere la mia missione

Il Maestro mi ha dato una missione e non avevo paura. Ho capito che sono una praticante della Dafa del periodo di rettifica della Fa e non ho ancora compiuto la mia missione. Voglio aiutare il Maestro a rettificare la Fa e salvare gli esseri senzienti. Ho pensato, l’ospedale non è un posto in cui dovrei stare. Non riconosco il percorso organizzato dalle vecchie forze.

Ho detto a mio marito: “Non spendere soldi per me. Andiamo a casa”. Non era d’accordo; temeva che, se fossi tornata a casa, il trattamento sarebbe stato ritardato. Ho pensato: “Voglio tornare a casa per studiare la Fa e fare gli esercizi. Sono una praticante e ho il Maestro”.

Mio marito e mio figlio non erano d’accordo con la mia richiesta di tornare a casa. Inoltre, la difficoltà a camminare mi rendeva triste.

Non ho dormito per tutta la notte. La mattina dopo, una paziente dello stesso reparto mi ha detto molto tristemente: “Non hai dormito la notte scorsa. Di solito spegniamo la luce e andiamo a dormire alle 20:00. Che cosa stavi borbottando? Se hai qualcosa da dire, parla con i medici”. Ho pensato: “Sono una praticante della Dafa. Questo è un ospedale, e lei è una paziente. Dovrei pensare a lei e non interferire con il suo riposo”.

Le ho detto: “Sorella, mi dispiace davvero di averti impedito di dormire bene. Mi dispiace molto”. Sentendo questo ha sorriso. Quella notte, ho sopportato il mio estremo disagio in silenzio, dato che il Maestro ci ha detto di essere premurosi con gli altri.

Salvata dal Maestro

Ho fatto un sogno quella notte. Nel sogno, un giovane è caduto in acqua fino al collo. Stava quasi annegando. L’uomo era un vicino di casa dei miei genitori. Ho gridato: “Per favore, salvalo. Per favore, salvalo”. Immediatamente un uomo alto e bello è arrivato e ha trascinato il giovane fuori dall’acqua. Mi sono svegliata e ho pianto. È stato il Maestro che era vento a salvarmi.

Il Maestro ha visto che mantenevo la mia xinxing e ha iniziato ad eliminare il mio karma per me.

La mia compagna di stanza ha detto: “Hai dormito molto bene la scorsa notte e non hai fatto alcun rumore. Questo è abbastanza buono. Perché piangi?”

Le ho raccontato il mio sogno e le ho detto: “L’uomo che è stato salvato sono io”.

Lei ha detto: “Quello non eri tu”.

Ho pensato: “Come puoi saperlo? È il Maestro che mi ha salvata”.

Quel giorno ho urinato abbondantemente e il gonfiore al petto, allo stomaco, ai piedi e alle gambe si è ridotto. Le macchie rosse sul polpaccio non trasudavano più. Nel giro di una settimana, il gonfiore era quasi scomparso e, dopo alcuni giorni, mi sono sentita purificata.

I medici e gli infermieri lo hanno visto e sono rimasti scioccati. Il dottore ha detto: “È un caso senza precedenti. Che miracolo!” Hanno pensato che fosse stato grazie alle loro capacità che mi era ripresa così bene.

Sapevo che il Maestro aveva eliminato il mio karma. Tengo sempre a mente che il Maestro si sta prendendo cura di me. Recito sempre: “La Falun Dafa è buona; Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”. Il Maestro ha visto che stavo pensando in base alla Fa, così mi ha dato una nuova vita.

Sono tornata a casa. Più tardi, mio figlio mi ha portata in ospedale per un controllo e tutti i risultati delle analisi erano nella norma. Mi ha poi raccontato che all’ospedale mi era stata diagnosticata una “ascite a causa di cirrosi epatica”, e un medico aveva detto che non poteva essere curata. Il dottore gli aveva raccontato molto sulla malattia ed era piuttosto grave.

Sì, non c’è quasi nessuna speranza per una persona comune con una malattia del fegato così grave. Tuttavia, sono una praticante della Dafa. Il Maestro mi ha dato una nuova vita!

Sono grata per la salvezza misericordiosa del Maestro.

Sarò rigorosa con me stessa e mi coltiverò bene. Farò bene le tre cose per ringraziare il Maestro.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell’articolo e sia presente un collegamento all’articolo originale

Versione cinese