(Minghui.org) Il 26 ottobre 2020, l'Ambasciata degli Stati Uniti e i suoi Consolati in Cina hanno pubblicato sul proprio sito web la versione cinese del “Rapporto sui diritti umani 2019 sulla Cina (che include Hong Kong, Macao e Tibet)” Il rapporto descrive in dettaglio le molteplici violazioni dei diritti umani da parte del Partito Comunista Cinese (PCC), inclusa la persecuzione dei praticanti del Falun Gong e degli avvocati che li hanno difesi.

Secondo il rapporto, “Il governo ha sospeso o revocato le licenze di alcuni avvocati che si sono occupati di casi delicati, come la difesa di dissidenti filodemocratici, attivisti delle chiese domestiche, praticanti del Falun Gong o cittadini critici nei confronti del governo. Le autorità hanno utilizzato il processo di revisione annuale delle licenze gestito dalla ‘All China Lawyers Association’ per rifiutare o ritardare il rinnovo delle licenze degli avvocati professionisti”.

Il rapporto afferma che molti prigionieri politici sono in prigione o in detenzione, inclusi i praticanti del Falun Gong Bian Lichao e Ma Zhenyu, e gli avvocati per i diritti Wang Quanzhang, Gao Zhisheng e Jiang Tianyong, ecc.

Inoltre, sostiene che le autorità cinesi continuano a prendere di mira gli avvocati per i diritti umani. Ad esempio, “A gennaio il Dipartimento di Giustizia del Guangdong ha revocato la licenza di Liu Zhengqing, un avvocato del Guangdong noto per aver difeso degli attivisti e dei praticanti del Falun Gong. Il dipartimento lo ha accusato di aver ‘messo a repentaglio la sicurezza nazionale’ nel momento in cui ha difeso i suoi clienti in tribunale”.

Secondo il rapporto, anche un altro avvocato per i diritti umani, Qin Yongpei, è stato arrestato dalla polizia segreta del Guangxi. Scrive: “Qin ha lavorato a diversi casi sui diritti umani, inclusi quelli di ‘709’ avvocati e praticanti del Falun Gong. Ha assistito molte persone povere e vulnerabili e divulgato comportamenti scorretti da parte di funzionari governativi di alto livello e del PCC”.

Perseguitati per la loro fede

Il rapporto richiama l'attenzione in particolare sulla persecuzione del Falun Gong. Il governo comunista ha iniziato a perseguitare il Falun Gong nel luglio 1999. Molti praticanti sono stati imprigionati illegalmente e torturati fisicamente e mentalmente nei centri di detenzione, e nelle prigioni. Ad alcuni sono stati iniettati farmaci che hanno danneggiato il loro sistema nervoso centrale, mentre altri sono stati vittime del prelievo forzato di organi. Ad oggi, Minghui ha riscontrato almeno 4.500 decessi di praticanti, vittime di questa persecuzione. Molti altri sono stati portati in centri di detenzione, campi di lavoro forzato, prigioni, centri di lavaggio del cervello e ospedali psichiatrici.

La persecuzione ha preso di mira persone di tutte le classi sociali e professioni, compresa quella legale. Il signor Liu Ruping, un praticante del Falun Gong, era un avvocato presso lo studio legale Shuntian nella città di Jinan della provincia di Shandong. Il signor Liu era anche direttore del dipartimento legale dell'Accademia del Partito comunista del distretto di Changqing. Teneva corsi di diritto e gestione aziendale. Nel 2010 è stato condannato a sette anni di carcere e ha subito gravi ferite. Alla sua famiglia non è stato permesso di fargli visita in prigione. Precedentemente era stato detenuto due volte in centri di lavaggio del cervello.

Il signor Wang Yonghang, un praticante del Falun Gong e avvocato della città di Dalian, provincia di Liaoning, è stato condannato a sette anni di prigione nel 2009. Mentre era in custodia alla stazione di polizia, è stato legato a una sedia di metallo e privato del sonno per 13 giorni. Il signor Wang, in seguito, ha sofferto di tubercolosi polmonare, pleurica e ascite. Sentiva intorpidimento nella parte inferiore del corpo e temeva di essere paralizzato. Sua moglie ha ripetutamente chiesto di vederlo, ma ogni volta le autorità hanno rifiutato la sua richiesta.

Il signor Chen Guangchang, prima di perdere il lavoro a causa della persecuzione, è stato per dieci anni avvocato presso lo studio legale Yushi nella provincia di Shandong. Gli è stato richiesto di riferire ogni giorno la sua posizione al Dipartimento di Giustizia. Gli è stato detto che solo quando avesse rinunciato alla sua fede nel Falun Gong avrebbe potuto richiedere nuovamente la licenza di avvocato.

Nonostante le pressioni e le intimidazioni delle autorità, alcuni avvocati per i diritti umani difendono ancora nelle aule di tribunale i praticanti innocenti. Avvocati come Gao Zhisheng, Wang Quanzhang e Yun Wensheng sono stati perseguitati per aver parlato a nome dei loro clienti e per aver detto la verità.

L'avvocato Yu Wensheng una volta ha detto in sua difesa: “Gli avvocati cinesi hanno difeso l'innocenza dei praticanti del Falun Gong per più di dieci anni, eppure questo disastro dei diritti umani continua. Durante questa campagna di persecuzione ingiusta, i funzionari giudiziari che dovrebbero punire il male, promuovere il bene e difendere la giustizia stanno eseguendo ciecamente procedure illegali a proprio vantaggio. Per 17 anni hanno continuamente svolto processi illegali, uno dopo l'altro, abusando del proprio potere”.

Nel 2020 il signor Yu, dopo essere stato tenuto in isolamento per oltre 18 mesi, è stato condannato a quattro anni di prigione. Secondo Amnesty International, è stato accusato di “incitamento alla sovversione del potere statale”.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali e' consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale.

Versione cinese