(Minghui.org) Lo scorso 26 marzo, un uomo di ottantatré anni che stava scontando la pena per la sua fede nel Falun Gong, è morto poche ore dopo essere stato mandato a casa con l’ossigeno.

Il Falun Gong, noto anche come Falun Dafa, è una disciplina spirituale e di meditazione che dal 1999 viene perseguitata dal regime comunista cinese.

Il signor Huang Qingdeng, residente nella città di Leqing, provincia dello Zhejiang, è stato arrestato nella sua abitazione il 17 aprile 2019. La polizia gli ha confiscato i libri del Falun Gong, la foto del fondatore della pratica, diversi telefoni cellulari e un computer. Si dice che la polizia l’abbia preso di mira dopo aver scoperto che aveva inviato messaggi di testo riguardo la persecuzione del Falun Gong.

Dopo quasi un anno di detenzione, il 12 marzo dell’anno scorso, Huang è stato condannato a sette anni dal tribunale della città di Leqing e in una data sconosciuta, è stato ammesso alla seconda prigione di Hangzhou.

A metà novembre, una guardia carceraria ha chiamato la sua famiglia dicendo che l’uomo soffriva di sei malattie e che era stato mandato all'ospedale per essere rianimato. Nonostante le sue condizioni critiche, la prigione ha rifiutato di rilasciarlo su cauzione.

Lo scorso marzo, la famiglia ha ricevuto un'altra chiamata dalla prigione nella quale avvertivano che l’uomo era stato riportato in ospedale per la rianimazione.

Giorni dopo, il 26 marzo, intorno alle 14.00, è stato mandato a casa sotto ossigeno. Tutto il suo corpo era diventato nero e blu e la famiglia sospetta che prima di essere stato dimesso, gli fossero stati somministrati farmaci tossici. Huang morì la sera stessa.

Persecuzione passata

Huang ha iniziato il Falun Gong nel 1998 ed ha attribuito alla pratica il merito di aver migliorato la sua salute e di avergli permesso di diventare più positivo nei confronti della vita.

Negli ultimi ventun anni, poiché si è rifiutato di rinunciare alla sua fede, è stato arrestato e molestato diverse volte.

Il 20 ottobre del 2004, mentre Huang e sua moglie si trovavano nella propria abitazione, sono stati molestati da una dozzina di agenti che hanno portato via l’uomo con la forza e hanno cercato di interrogarlo. Gli agenti si sono rifiutati di rivelare da dove venissero o di dare i propri numeri di telefono e non è stato fornito alcun mandato d'arresto.

Il 12 gennaio 2006, gli agenti di polizia si sono presentati nell’abitazione di Huang. Hanno messo a soqquadro la casa e hanno confiscato 8.000 yuan (circa 1030 euro) in contanti insieme ad altri oggetti di valore. L’hanno trascinato al piano di sotto e l’hanno portato alla stazione di polizia locale, sostenendo che era stato denunciato per aver praticato il Falun Gong. È stato interrogato per diverse ore e rilasciato più tardi nel corso della giornata.

Il 10 maggio 2011, è stato nuovamente arrestato dopo aver accompagnato sua nipote all'asilo. È stato trattenuto nel centro di detenzione di Leqing e gli sono state negate le visite dei familiari. Non è chiaro per quanto tempo sia stato trattenuto in quel momento.

Articoli correlati:

Zhejiang: Uomo di ottantatre anni condannato a sette anni per la sua fede nel Falun Gong, si trova in condizioni critiche

Zhejiang: Ottantaduenne condannato a sette anni per la sua fede

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale

Versione cinese