(Minghui.org) Una volta sono stato arrestato e la mia casa è stata saccheggiata dal Partito Comunista Cinese (PCC) per la mia fede nella Falun Dafa. Mentre ero detenuto, solo un praticante si è tenuto in contatto con la mia famiglia.

Non riuscivo a pensare a chi potesse essere, finché non è venuta a casa mia il giorno dopo il mio rilascio. Era sorpresa, felice di vedermi e mi ha stretto le mani a lungo dicendo: “Sono venuta qui circa otto volte ma non c’era nessuno. Io e i praticanti locali sapevamo che saresti stato in grado di gestire la situazione in modo adeguato. Abbiamo inviato pensieri retti per te”.

Ho risposto: “Una volta ho inviato pensieri retti verso mezzogiorno e ho sentito un’enorme quantità di energia, più di quanta ne potessi emettere da solo. Sapevo che tutti voi mi stavate aiutando, permettendo al nostro gong di fondersi insieme”. Mi ha detto anche che aveva assunto un avvocato per me: “Ho detto alla tua famiglia che mi sarei occupata io delle spese legali”, ha aggiunto, sebbene fosse molto frugale verso sé stessa.

Non pensavo che la mia famiglia avrebbe assunto un avvocato e così avevo pianificato di difendermi da solo. Ascoltando quello che aveva fatto, ho sentito che finalmente avevo sostegno. Non si è nascosta ma si è fatta avanti per aiutarmi, che praticante gentile!

Mi ha anche incoraggiato a fare bene nella coltivazione e mi ha chiesto se avessi bisogno di qualcosa prima di andarsene. Il suo sostegno mi ha dato forza e calore, spesso mi vengono le lacrime agli occhi quando ripenso a lei, anche a distanza di anni.

Dopo il mio rilascio, la mia famiglia mi ha informato che una praticante era venuta a casa nostra. Ho pensato a tutti i praticanti tranne che a lei, perché era la persona più timida della nostra zona. Questa praticante si era fatta una buona idea sulla Falun Dafa e ha iniziato a praticare dopo aver appreso i fatti sulla Dafa e sulla persecuzione.

Tuttavia, non osava partecipare a nessun progetto di chiarimento della verità e aiutava solo ogni tanto in posti diversi. Aveva uno sguardo timoroso negli occhi e di solito era evasiva. Era ansiosa per il fatto di non riuscire a chiarire la verità e questa situazione è durata per molto tempo. Sentivo che aveva un sacco di nozioni e attaccamenti umani, quindi spesso la criticavo e la guardavo dall’alto in basso, eppure era ancora di buon carattere. Non si arrabbiava mai ma ascoltava con umiltà, sapeva che era per il suo bene e spesso mi ringraziava.

Molti praticanti sono stati arrestati e hanno ricevuto pesanti condanne, ma non si sono sottomessi al PCC né hanno firmato una dichiarazione di colpevolezza per ridurre la propria pena. Quelli che sono stati rilasciati hanno continuato a raccontare alla gente i fatti sulla persecuzione.

Non è stato facile per i praticanti della Dafa, che rischiano di essere arrestati e condannati per aver semplicemente parlato alla gente della pratica e della persecuzione. Tuttavia, siamo arrivati fin qui.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell’articolo e sia presente un collegamento all’articolo originale

Versione cinese